Bitcoin Diamond: una guida completa per tutti

Il 2017 è stato decisamente l’anno del Bitcoin e della valuta digitale nel suo complesso. Oltre al fatto che nella seconda metà dell’anno siamo stati testimoni di un’incessante salita del valore di questa criptovaluta, l’abbiamo anche vista circondata da numerosi rumors riguardo le nuove hard fork in arrivo. Prima Bitcoin Cash, poi Bitcoin Gold, e ora il Diamante, comparso per la prima volta nel 2017.

L’obiettivo principale di Bitcoin Diamond consiste nel massimizzare il livello di privacy permettendo in questo modo agli investitori di muoversi con maggior sicurezza.

Innanzitutto, prima di procedere con la nostra recensione di Bitcoin Diamond, allo scopo di evitare il maggior numero possibile di dubbi, vediamo di chiarire brevemente cos’è una hard fork.

L’hard fork è un improvviso cambiamento di regole all’interno della blockchain. Quando succede, i nodi della versione originale non sono più in grado di convalidare i blocchi creati dai nodi del network che invece si sono “evoluti”. L’esempio più vistoso risale all’hard fork di Ethereum, durante la quale questa criptovaluta si è appunto biforcata, creando Ethereum e Ethereum Classic.

In cosa consiste Bitcoin Diamond?

Bitcoin Diamond è il risultato di una collaborazione di tre sviluppatori anonimi, che si sono riuniti e hanno formato un fondo dal nome che non può che trasmette fiducia, però che ancora deve essere dimostrata sul campo: “Bitcoin Diamond Foundation”. La criptovaluta BCD è appunto una hard fork di Bitcoin che si è separata sulla base del blocco 495.866, creando una propria blockchain.

Così come per il Bitcoin Cash, la squadra del “Diamante” ha intenzione di risolvere il problema di scalabilità del Bitcoin, cercando inoltre di portare la dimensione di ogni blocco a 8 MB. Come riporta il sito ufficiale di questa criptomoneta, “la velocità di creazione dei blocchi crescerà di ben 5 volte, mentre l’obiettivo finale consiste nel migliorare la velocità di conferma delle transazioni dell’intera blockchain”. Eccone alcune caratteristiche principali:

  • Il massimo volume di emissione di Bitcoin Diamond si aggira attorno a 210 milioni di monete;
  • Usa l’algoritmo di hashing X13;
  • Il protocollo di consenso è di tipo Proof of Work;
  • Ogni nuovo blocco impiega 10 minuti a generarsi;
  • La dimensione del blocco è statica: 8MB;
  • Lo spazio occupato dalla blockchain è di circa 140 GB;
  • Il ricalcolo della difficoltà di mining avviene ogni due settimane;

Breve storia di Bitcoin Diamond

Durante il primo mese dal suo lancio, avvenuto il 24 novembre del 2017, il Bitcoin originale aveva raggiunto la soglia di 19.500 dollari. Il Bitcoin Diamond era salito a 92 euro a novembre, per poi crollare improvvisamente a febbraio, arrivando a costare meno di 10 euro per unità. A differenza della maggior parte delle criptovalute, il cui successo dipende totalmente dall’andamento del Bitcoin, il prezzo del BCD è da sempre stato altalenante e in qualche modo “indipendente” dalle star del criptomercato, quali appunto il Bitcoin e Ethereum.

Come funziona Bitcoin Diamond?

La nuova fork adotta un’algoritmo di tipo proof-of-work aggiornato, migliore di quello originale secondo quanto affermano i suoi sviluppatori. Il team sostiene inoltre che la moneta gode di un maggiore livello di anonimato, superando non di poco quello di Bitcoin. Come esempio si parla del saldo delle transazioni, che nella teoria dovrebbe apparire sotto forma di un codice crittografico. Nella pratica, ci troviamo di fronte a una ben studiata azione di marketing: una moneta la cui offerta è stata moltiplicata per 10. Infatti, con i Bitcoin 100 milioni di centesimi (satoshi) valgono 1 BTC, quando con Bitcoin Diamond ne bastano 10 milioni per ricavare 1 BCD.

Ricapitolando: nel caso in cui gli sviluppatori riuscissero a raggiungere quanto promesso, possiamo parlare di seguenti attributi:

Pro

  • Protezione della privacy dei propri clienti ai massimi livelli;
  • Transazioni ultra veloci grazie alla dimensione dei blocchi di 8MB;
  • Grandi opportunità per i minatori GPU grazie all’algoritmo di mining x13;
  • Supporto garantito da un’elenco notevole di exchange e wallet;
  • Riduzione del costo delle transazioni e di partecipazione;
  • Possibilità di acquistare moneta di Bitcoin Diamond su diverse exchange di criptovalute.

Contro

  • Non dotato di un codice autentico, ma di miscuglio eterogeneo di altri codici;
  • Molti dubbi sulle vere intenzioni dei suoi sviluppatori, per altro tutt’ora anonimi;
  • Prezzo altalenante, indipendente da Bitcoin.

Nelle crypto-community si dice che tutte queste fork possono indebolire l’ecosistema del bitcoin. Ciò porta a una sempre più difficile definizione di quale sia effettivamente la moneta “giusta”. Di recente Bitcoin Cash ha creato scalpore con la sua scattante crescita di valore, ed è stato definito come il “nuovo re” da molti esperti del settore, nonostante poi la situazione sia cambiata nuovamente

Previsioni Bitcoin Diamond: investimento sicuro o scam?

Come già accennato precedentemente, non è facile comprendere per quale motivo la criptovaluta BCD sia stata creata. Ora come ora la punta del “Diamante” somiglia di più alla punta di un iceberg che a una nuova moneta elettronica mondiale. Inoltre, a causa del divieto di ICO in Cina, molti utilizzano le Hard Fork con l’unico scopo di raccogliere fondi, dunque senza un’utilità particolare per l’investitore. Ciononostante, la moneta continua ad offrire buone prestazioni e buone prospettive di crescita, per lo meno sulla carta. Dunque, avere qualche Bitcoin Diamond nel proprio wallet elettronico non è una cattiva idea. Affidati ai miglior broker, tra cui Plus500 ed eToro, se vuoi investire in Bitcoin Diamond in modo sicuro.

Se ti stai chiedendo se esistono criptovalute simili, la risposta è si. E non può che essere altrimenti: tutti i progetti come Bitcoin Cash (BCH), Bitcoin Gold (BTG), Bitcoin Private (BTCP) si basano su uno stesso codice, quello del Bitcoin (BTC), conosciuto come Bitcoin Core, ma con delle modifiche in base agli obiettivi posti dagli sviluppatori. In più tutta la cronologia delle transazioni è stata copiata per ciascuna delle fork, siano esse hard o soft, e utilizzata come base per la loro blockchain.

Abbiamo analizzato questa nuova fork del Bitcoin, ne abbiamo mostrato le caratteristiche, assieme ai suoi pro e contro. Grazie alle nostre altre guide potrai unire tutte queste informazioni e iniziare a fare trading in modo sicuro per costruire un wallet di criptovalute diversificato e produttivo.

Concludendo

Le fork di Bitcoin generalmente partono con intenzioni di tutto rispetto. Vengono create perché il bitcoin risulta avere non pochi difetti, si sa. Ma purtroppo, o forse per fortuna, non tutte le alternative sono valide.

Abbiamo conosciuto insieme Bitcoin Diamond, visto i suoi pro e contro. Ora sai cosa a cosa puoi andare incontro investendo in questa criptovaluta. Ti consigliamo di approfondire anche altre criptovalute interessanti come Cardano, che sfida Ethereum da quando è nata.

Ti suggeriamo inoltre di leggere le seguenti FAQ per toglierti ogni dubbio su Bitcoin Diamond:

Come ottenere Bitcoin Diamond gratis?

Trattasi di una fork, i proprietari di monete Bitcoin hanno trovato automaticamente il loro diamante depositato nel portafoglio secondo il rapporto 1:10.

Per quale motivo è stata creata questa criptovaluta?

Il codice di Bitcoin è tutto da aggiornare, così ritengono i suoi sviluppatori. Esso supporta blocchi fino a 1MB, ovvero circa 3 transazioni al secondo. Tecnicamente questo limite può essere cambiato. Per far questo torniamo a Bitcoin Diamond.

Posso “minare” Bitcoin Diamond?

Si può minare BCD utilizzando l’intero nodo o attraverso il pool. Sulla homepage del progetto sono elencati alcuni pubblici pool di mining che lavoreranno con Bitcoin Diamond sulla base dell’algoritmo ottimizzato X13, tramite GPU delle schede grafiche.

Quante unità saranno emesse?

Il limite dei BCD è fissato a 210 milioni di unità. Attualmente in circolazione ci sono circa 155 milioni di BCD. Circa 40 milioni saranno trasferiti al pool in qualità di premi e coperture di spese relative alle transazioni e al mining.

Come posso acquistare Bitcoin Diamond?

Sono molte le Bitcoin Diamond exchange, ovvero piattaforme che supportano questa criptovaluta. Tra le più affidabili troviamo Binance al primo posto, seguita da Yobit e Gata.io.

Rate this post

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.