EOS – Un Altcoin ambizioso che ha cresciuto fortissimamente nel suo primo anno

In poco tempo la criptovaluta EOS si è imposta tra le maggiori altcoin del panorama crypto. Tra le prime 10 per valore di mercato, la coin di Daniel Larimer ha catalizzato l’attenzione di numerosi programmatori incentivati a sviluppare applicazioni per EOSIO attraverso gli Hackathon, le competizioni aperte a giovani esperti informatici.

Prosegui la lettura, imparerai cos’è EOS, come funziona il software decentralizzato, se conviene investire e quali sono le differenze rispetto al bitcoin.

Cos’è EOS e come nasce

Partiamo da una premessa sui termini EOS ed EOS.IO, a beneficio di una migliore comprensione degli stessi:

  • IO è il software, la piattaforma blockchain;
  • EOS è il token, o la moneta, il mezzo di scambio economico del sistema decentralizzato.

La premessa chiarificatrice ti aiuta a comprendere senza tentennamenti cos’è EOS e cos’è EOSIO (o EOS.IO).

Leggiamo ora, lasciandoci aiutare dalla definizione fornita dalla guida per sviluppatori, a cosa serve EOSIO:

“EOSIO è un software che introduce una blockchain progettata per la scalabilità verticale e orizzontale delle applicazioni decentralizzate, e che può essere usato per progettare blockchain pubbliche o private” (Fonte: EOSIO Developers, Introduction)

Il software va visto come un sistema operativo su cui possono essere installate applicazioni per usi diversi. EOSIO software garantisce alle applicazioni e agli utenti un servizio di account, autenticazione, database e comunicazione asincrona, utilizzando CPU tra loro non correlate o insiemi di CPU.

L’architettura del software così progettata, secondo gli ideatori, è capace di scalare fino a raggiungere milioni di transazioni al secondo e a costo nullo per gli utilizzatori.

Chi sono i suoi ideatori: il Team EOS

La storia di EOSIO parte dalla collaborazione tra Brendan Blumer, investitore, e Daniel Larimer ingegnere programmatore. Dalla loro cooperazione è nata nel 2016 Block.one, la società che gestisce lo sviluppo del software decentralizzato.

Larimer è un volto noto del settore blockchain, è infatti l’inventore della piattaforma decentralizzata BitShares e del social media content decentralizzato Steemit.

Forte dei quattro miliardi di dollari raccolti durante la lunga ICO EOS (giugno 2017 – giugno 2018), Block.one ha potuto concretizzare in pochi mesi l’indipendenza da Ethereum del token ERC-20 EOS. Durante l’estate del 2018 la migrazione del token EOS è avvenuta con successo sulla neonata piattaforma decentralizzata garantendo piena autonomia all’ecosistema.

Quale lo scopo ultimo di EOSIO

EOSIO nasce per scopi aziendali. Il sistema operativo decentralizzato mira a sostituire le applicazioni web gestite e distribuite agli utenti finali attraverso data center centralizzati, riducendo i costi a zero e scalando la capacità operazionale a livelli mai raggiunti da altre soluzioni blockchain.

Come funziona EOSIO

Le applicazioni operanti su EOSIO funzionano grazie a programmi definiti smart contract, ma a differenza degli smart contract di Ethereum, la versione EOSIO è stata progettata basandosi sullo standard WebAssembly che favorisce la distribuzione di applicazioni web utilizzando linguaggi di programmazione come C/C++ e Rust.

EOSIO include funzionalità interessanti, tra le quali citiamo le principali:

  • supporto agli hardware biometrici con chiave sicura (tipo Apple Secure Enclave);
  • progettato per la comunicazione inter blockchain;
  • progettato per l’esecuzione parallela di logica di convalida libera dal contesto.

Maggiori informazioni sulle caratteristiche sono consultabili nelle repository GitHub ufficiali.

Investitori di EOSIO

Come accennato in precedenza, EOSIO può contare su circa quattro miliardi di investimenti, forniti da singoli individui e soprattutto da importanti investitori del settore blockchain.

Il progetto è stato finanziato in particolare da venture capital specializzate. Noto alle cronache l’investimento da 50 milioni di dollari USA della SVK Crypto. Di maggior peso il finanziamento da 100 milioni di USD da parte della FinLab AG, e da parte dei veterani del settore blockchain Michael Cao e Winnie Liu i quali hanno investito 200 milioni di USD attraverso un fondo di joint venture.

4 miliardi di dollari investiti fino ad ora nella criptomoneta EOS.

Perché investire in EOS: analisi di breve e lungo periodo

Per capire se conviene investire in una criptovaluta, in questo caso in EOS, è sempre importante partire dal progetto. Lo studio della documentazione, la comparazione di quanto scritto nella roadmap EOSIO con quanto effettivamente realizzato, è importante.

Siamo tuttavia in una fase iniziale e, se vogliamo, sperimentale, ma tutto fa ben sperare: i fondi da investire non mancano.

Punti a favore di EOS

  • Ampia disponibilità di capitali.
  • Sviluppo di EOSIO software garantito da giovani effervescenti.
  • Piattaforma per usi aziendali potenzialmente innovativi.
  • Piattaforma di gioco online (vedere Elemental Battles).
  • Volumi di scambio giornaliero della criptovaluta EOS elevati.

Punti a sfavore di EOS

  • Sviluppo in fase sperimentale.
  • I principali exchange sono di origine asiatica (Corea del Sud, Hong Kong), limitando l’accesso agli scambi.

Criptovalute e progetti simili

Il 2017 in particolare è stato l’anno “dell’emancipazione” da Ethereum, la madre di tutte le blockchain smart contract ready.

Il numero di progetti che promettono di superare le lacune di Ethereum sono davvero tanti. EOS è uno di tali concorrenti, ma non l’unico appunto:

Quelli appena citati sono i principali tentativi di creare la macchina virtuale ideale, su cui in futuro dovrebbe “migrare” tutto il web oggi conosciuto. Essi sono i progetti per certi versi simili ad EOSIO, e che da un punto di vista commerciale sono da considerarsi concorrenti.

Gli exchange e broker dove scambiare EOS coin

Per quanto riguarda gli exchange su cui scambiare la EOS coin, c’è tanta offerta da lasciare disorientati. Sono decine le piattaforme di scambio dove poter acquistare EOS, ma noi di Coinlist.me consigliamo di seguire la nostra guida come comprare EOS coin per maggiore sicurezza.

Le coppie di scambio con i volumi giornalieri più alti rispettivamente sono: EOS/ETH, EOS/USDT, EOS/BTC, EOS/CNY e EOS/KRW.

Le coppie EOS/USD ed EOS/EUR sono invece scarsamente diffuse sugli exchange di criptovalute, EOS/USD ha volumi di scambio accettabili solo sull’exchange Bitfinex.

In compenso le due coppie di trading EOS/USD ed EOS/EUR, sono presenti sui siti web dei broker regolamentati, dove gli investimenti nella criptovaluta EOS sono favoriti dallo strumento dei contratti per differenza (CFD). Attraverso lo strumento dei CFD non è necessario comprare direttamente la EOS coin, al contempo l’investitore trae beneficio dalle variazioni di prezzo della altcoin in entrambi i sensi: rialzo o diminuzione. La leva finanziaria propria dei CFD, impegna solo piccole porzioni di capitale tutelando l’investitore dal rischio di perdere l’intero capitale.

Tra i numerosi broker che abbiamo recensito, consigliamo di leggere le caratteristiche di eToro e le opinioni su Capital.com.

Panoramica sul prezzo della criptovaluta EOS

I primi segnali di trading registrati da CoinMarketCap risalgono all’1° luglio 2017: meno di un mese dopo l’avvio della ICO.

Nonostante lo storico dei prezzi sia molto breve, alla criptovaluta EOS questo tempo è bastato per sfruttare appieno il boom del settore crypto culminato nei mesi di dicembre 2017 – gennaio 2018, ma anche per subire la successiva e consistente svalutazione degli asset digitali.

Basta leggere i dati sui prezzi sottostanti, ciascuno riportato con la propria data, per capire l’andamento storico del valore di EOS coin:

  • 1 luglio 2017: 1,03 USD;
  • 13 gennaio 2018: 18,16 USD;
  • 6 febbraio 2018: 6,06 USD;
  • 30 aprile 2018: 21,46 USD;
  • 8 marzo 2019: 3,77 USD.

Il prezzo più interessante è il record storico del 30 aprile, i 21 dollari furono il culmine di un mese straordinario per la raccolta fondi. Proprio in quel mese gli investitori Cao e Liu decidevano di investire nel progetto 200 milioni di dollari.

Si può fare il mining della criptovaluta EOS?

Il sistema EOSIO si basa su un protocollo sprovvisto del sistema di mining. A differenza dell’attività di mining di ethereum, qui ad assicurare la sicurezza delle transazioni ci pensa un sistema molto diverso conosciuto come Proof of Stake nella variante DPoS, del quale parliamo più diffusamente nel glossario dei termini.

Tuttavia, i blocchi producono una certa quantità di altcoin EOS, come ricompensa, nella misura del 5% (massimo) annuale rispetto al totale dei token esistenti. Il block reward (la ricompensa) è destinata ai 21 produttori di blocchi (Block producer) scelti ogni 24 ore per occuparsi della generazione dei blocchi che proseguono la costruzione della blockchain network.

Wallet EOS: quale scegliere?

Fino ad oggi Block.one non ha prodotto alcun wallet ufficiale con interfaccia grafica, gli esperti possono usare il wallet a linea di comando keosd o utilizzare portafogli EOS sviluppati da terze parti.

Ledger ha realizzato una applicazione per gestire le chiavi private EOS sui suoi hardware wallet Nano S ed X: una delle migliori soluzioni esistenti in quanto a sicurezza.

Per quanto riguarda i computer desktop, una soluzione alternativa è SimpleEOS, disponibile per i sistemi operativi Windows, Mac e Linux.

Infinito Wallet è un portafoglio universale di criptovalute mobile, tra le altcoin supportate ospita anche EOS. L’applicazione è scaricabile da Apple Store e da Google Play.

Quelle presentate sono solo tre soluzioni di wallet EOS tra le numerose presenti nel web, prima di fare la tua scelta approfondisci l’argomento leggendo la guida ai portafogli di criptovalute.

Il futuro di EOS.IO

L’evidenza ci mostra che lo sviluppo di EOSIO riceve una spinta costante dal core team, ma anche dagli EOS Hackathon partecipati da centinaia di giovani abili programmatori, il cui lavoro sta espandendo il numero di applicazioni operative sul sistema operativo decentralizzato.

EOS.IO si presenta come una delle piattaforme decentralizzate protagoniste del futuro.

EOS vs. Bitcoin

Proviamo a fare un confronto EOS vs bitcoin, per scoprire in particolare le numerose differenze che intercorrono tra le due criptomonete.

Di EOS ed EOSI.IO hai conosciuto molti lati tecnici nel corso della guida, mettiamoli ora in parallelo con le caratteristiche di BTC.

La prima differenza che notiamo riguarda il protocollo del consenso, EOS usa DPoS, mentre bitcoin usa il proof of work (PoW). In pratica di bitcoin possiamo fare il mining utilizzando hardware specializzato, mentre di EOS facciamo lo staking.

Le differenze riguardano anche il tempo di produzione del blocco successivo, in bitcoin è ogni 10 minuti invece nel sistema EOS.IO ogni mezzo secondo circa.

La tabella sottostante riporta in forma schematica tutte le differenze tra i due sistemi e la data ufficiale di genesi del primo blocco.

Specifica Bitcoin EOS
Genesi del blocco 3 gennaio 2009 – 2:54:25 GMT 14 giugno 2018
Chi è l’inventore Satoshi Nakamoto Brendan Blumer e Daniel Larimer
Metodo del consenso Proof of Work Delegated Proof of Stake
Algoritmo di hash SHA256
Numero di Coin circolanti 17.577.475 BTC 906.245.118 EOS
Quantità massima 21 milioni di BTC 1.006.245.120 EOS
Divisibilità della coin Otto zeri dopo la virgola
Velocità delle transazioni 10 minuti 0,5 secondi o poco più (in caso di “gap” nella blockchain)
Dimensioni del blocco 1 MB massimo 1 MB modificabile
Ricompensa per un blocco 12,5 BTC 5% del total supply annuale
Retarget della difficulty 2.016 blocchi
Prezzo Stabilito dalla domanda e offerta nei mercati

 

Adotta SegWit No
Adotta Lightning Network No

Cosa fare quindi: investire in BTC o in EOS? Gli scopi delle due altcoin sono diversi e possono per questo innescare fasi di rialzo dei prezzi indipendenti, ciò significa che diversificare il capitale acquistando anche bitcoin, potrebbe essere una buona idea.

Concludendo

EOSIO software è una realtà imprenditoriale in rapida espansione e supportata da una ricerca in campo informatico di alto profilo. La criptovaluta EOS ha ancora tutto da dire e noi racconteremo le evoluzioni dell’ecosistema nella sezione notizie ed attraverso la newsletter a cui ti invitiamo ad iscriverti. Riceverai in omaggio l’ebook dedicato al bitcoin, una guida semplice per diventare un investitore consapevole.

Prima di concludere, riportiamo alcune domande e risposte che ti aiuteranno a chiarire i tuoi dubbi. Se hai altre domande, non esitare a proporle nell’area commenti sottostante.

EOS: Domande e Risposte

Quali sono i canali social ufficiali di EOSIO?

EOSIO è presente su Facebook con una pagina ufficiale, su Twitter con l’account della società Block.one. Su GitHub puoi fare il fork del codice sorgente e su Medium trovi gli aggiornamenti in lingua inglese.

Vorrei leggere la documentazione ufficiale del progetto.

La documentazione ufficiale del progetto EOSIO è su GitHub suddivisa per repository: https://github.com/eosio. In alternativa visita il portale per sviluppatori, dove troverai il whitepaper, la documentazione, le librerie e le guide all’implementazione: https://developers.eos.io/.

Esistono i faucet di EOS coin?

Non ci risultano faucet di EOS coin attivi, nel web troverai siti web che propongono di rispondere a sondaggi “promettendo” in cambio ricompense in criptovaluta EOS.

Immagine in primo piano: ilolab/Shutterstock.com

EOS – Un Altcoin ambizioso che ha cresciuto fortissimamente nel suo primo anno
1.3 (6 votes)

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.