Minare Ethereum

L’attività del mining di criptovalute è per molte di esse vitale affinché si possa garantire la sicurezza e l’operatività del sistema monetario. Il mining di Ethereum serve ad assicurare che le applicazioni decentralizzate (DApp), e qualsiasi altro applicativo operante sulla blockchain funzioni correttamente.

L’attività di “estrazione”, proprio come avviene in una miniera, non è gratuita i minatori ricevono un compenso per l’attività svolta in base a regole rigide e determinate a priori. Ecco perché minare Ethereum è stata giudicata una attività proficua, ma, è ancora così? Proseguendo la lettura approfondirai questo aspetto e molti altri ancora.

Guida completa Ethereum mining

Cosa significa fare il mining di Ethereum?

Nell’introduzione abbiamo dato una spiegazione semplice del cosa significa fare il mining di Ethereum. Il sito web bitcoin.org fornisce una definizione più tecnica affermando che il mining è: “l’atto del creare un blocco valido, che richiede di dimostrare la prova di lavoro…

Per questa attività di creazione e di validazione delle transazioni effettuate sulla rete, il sistema decentralizzato riconosce al miner 3 ETH per ciascun blocco. Con la parola miner, però, non si intende la persona ma il dispositivo hardware che effettivamente svolge le operazioni di calcolo: CPU, GPU, ASIC.

Nel prossimo paragrafo vedremo appunto quali strumenti occorrono per fare il mining.

Cosa serve per fare il mining di ETH

Nei primi anni bastavano un normale PC o notebook per fare il mining di bitcoin e di ETH, oggi non sono sufficienti, ma sono necessarie potenti configurazioni hardware composte da GPU (processori grafici) o da ASIC (sistemi hardware appositamente progettati).

Miglior hardware per il mining di Ethereum

I professionisti del settore usano da sempre schede grafiche (GPU) ad alte prestazioni della AMD, appositamente progettate per il mining delle criptomonete. La configurazione hardware prende il nome di mining rig e necessita di:

  • schede grafiche potenti e con molta VRAM;
  • scheda madre progettata per il mining;
  • piccolo hard disk;
  • power unit ad alta efficienza energetica;
  • telaio di supporto;
  • cavi di connessione.

L’alternativa ai mining rig si chiama ASIC miner Ethereum, due le aziende che ne hanno prodotto degli esemplari: Bitmain(Antminer E3); Innosilicon (A10 ETHMaster). I due dispositivi sono difficili da trovare sul mercato perché le case produttrici hanno esaurito le scorte.

Il software per minare Ethereum

Accanto alla parte hardware è necessario dotarsi di un software per minare Ethereum. Nel web sono disponibili molte soluzioni, ma è bene prestare molta attenzione a quale software si scarica perché potrebbe essere stato manipolato e contenere codice malevolo.

I software consigliati dagli esperti sono Claymore, ethminer, finminer. Quest’ultimo è il programma che usa meno memoria e, come noto, l’attività di estrazione di ETH si basa sull’uso della memoria.

Come si calcola il profitto del mining di Ethereum in euro

Calcolare i profitti del mining di Ethereum in euro è possibile, ma non bisogna attendersi dei risultati precisi dai calcolatori online a causa di alcune variabili il cui valore cambia nel tempo di continuo.

Sul profitto incide il valore della difficulty, i costi affrontati per acquistare l’hardware, i costi dell’energia elettrica e altri fattori ambientali legati all’ubicazione geografica dei dispositivi.

Nel web è disponibile coinwarz.com, un utile strumento in grado di calcolare indicativamente i guadagni in base ai dati forniti e ad altri parametri impostati automaticamente da Coinwarz.

Minare Ethereum attraverso le Mining Pool

Passiamo ora ai “luoghi” dove poter minare Ethereum, luoghi ovviamente virtuali. Le mining pool sono servizi web offerti ai miner in cambio di una piccola commissione su quanto minato: di solito l’1 – 2%.

Il servizio è consigliato a chi sceglie di minare da casa le criptovalute, perché unisce le capacità di calcolo di più utenti presentandosi alla rete come una sola forza. Il vantaggio è economico. Per comprendere al meglio la differenza ti basterà fare il solo mining di Ethereum per 24 ore e poi provare ad unirti a una mining pool, confronta al termine i guadagni ottenuti.

Le maggiori Ethereum pool sono:

  1. Ethermine;
  2. Nanopool;
  3. Sparkpool;
  4. F2pool2.

La lista completa delle ETH pool è disponibile su etherchain.org.

Montaggio Enigma ethereum

Minare ETH attraverso le Cloud Mining

Discorso a parte meritano le cloud mining, esse sono vere e proprie aziende nate per offrire il servizio di mining delle criptovalute.

Affidandosi ad una mining farm, un sinonimo per definire lo stesso servizio, il cliente paga una certa somma per comprare o prendere in affitto a distanza una determinata potenza computazionale.

L’azienda gestisce l’intero processo, il cliente finale può solo controllare i profitti maturati e poco altro.

Il servizio di cloud mining ha i suoi vantaggi, l’azienda si accolla la gestione e manutenzione dell’hardware che, in alcuni casi, è senza costi aggiuntivi rispetto al prezzo di affitto. Le GPU e gli ASIC sono ottimizzati per rendere al massimo e, fattore non di poco conto, sono geograficamente collocati in zone del pianeta asciutte e molto fredde. Le apparecchiature elettroniche di qualsiasi tipo, infatti, riducono la vita tecnica nei climi eccessivamente caldi.

Migliori Cloud mining Ethereum

Le più note cloud mining di Ethereum sono Genesis Mining ed HashFlare, accanto alle più conosciute dal grande pubblico vi sono altri servizi in Cina, ma di difficile accesso in particolare per via della lingua.

Facciamo notare che “si aggirano nel web” numerose mining farm fasulle, il cui unico scopo è truffare gli utenti.

Sistemi operativi con cui si può minare Ethereum

Giunti a questo punto della guida, vogliamo rispondere alla domanda posta da molti utenti: “Con quali sistemi operativi si può minare Ethereum?

Il migliore, e il primo sistema operativo utilizzato è stato Linux e sue varianti. In seguito i programmatori hanno sviluppato software per minare ETH su computer con sistema Windows e macOS.

I sistemi operativi Android, iOS e gli altri sistemi mobili sono poco presi in considerazione in quanto smartphone e tablet hanno risorse ridotte, poco adatte all’attività di mining di determinati algoritmi (SHA256 di bitcoin, Scrypt di Litecoin, Ethash di Ethereum, X11 di Dash, ecc.).

Dove deposito gli ETH minati?

Puoi scegliere di accantonare gli ETH minati, oppure di rientrare rapidamente dell’investimento.

Nel primo caso hai bisogno di scegliere un portafoglio ethereum, nel secondo caso devi spostare la somma su un exchange di criptovalute.

Prima di scegliere l’exchange giusto per te, ti consigliamo di leggere alcune delle nostre recensioni. Leggi la recensione di Coinbase per convertire ETH in euro, leggi la recensione di Binance per convertire gli ETH in altre criptomonete.

Pro e contro del mining di ETH

In sintesi riportiamo i punti a favore e contro l’attività di mining di ETH.

Pro

  • Contribuisci al mantenere attiva la Ethereum Network.
  • Opportunità di votare le proposte di modifica da apportare alla Network.

Contro

  • Acquisto di hardware e/o di servizi cari.
  • Numerose incognite sull’effettivo rientro del capitale investito.
  • Poco margine di intervento in caso di crollo dei prezzi di ETH nei mercati di scambio.
  • Tempi lunghi per l’eventuale rientro dei capitali investiti.

Minare Ethereum o comprare Ethereum?

Questo paragrafo viene subito dopo i pro ed i contro all’attività di estrazione delle criptomonete e non è un caso.

Hai letto che l’investimento presenta numerose incognite sin dall’inizio, difficile quantificare il guadagno finale – che potrebbe anche non esserci –, sei maggiormente esposto alle fluttuazioni di valore presso gli exchange.

Comprare ethereum e maturare profitti sulla vendita, si prefigura come la soluzione migliore perché concentra tutte le tue energie e il tuo tempo prezioso su una sola attività: la compravendita di ETH.

In qualsiasi momento sei pronto a liberarti degli ETH in tuo possesso o a comprarli nelle fasi di massimo ribasso. L’hardware invece è sempre lì: se il prezzo di ethereum sale, o se sprofonda rapidamente.

Per cominciare col piede giusto, potresti valutare di acquistare ethereum attraverso le piattaforme dei broker regolamentati dalle normative europee ed italiane, le quali offrono le maggiori garanzie di sicurezza dei fondi e di trasparenza delle attività finanziarie svolte.

Ti consigliamo di leggere la recensione di 24Option ed anche la recensione di eToro.

 

Da Dagger-Hashimoto ad Ethash

Evoluzione nel tempo del mining di Ethereum

Prima di concludere la guida al mining di Ethereum, è importante conoscere l’evoluzione subita nel tempo e come evolverà in futuro.

La prima versione di Ethereum utilizzava l’algoritmo Dagger-Hashimoto progettato da Vitalik Buterin e Thaddeus Dryja. Successivamente Dagger-Hashimoto è stato sostituito da un algoritmo più robusto, Ethash. Il secondo algoritmo si basa su una rivisitazione profonda del primo algoritmo, ed è stato implementato in Ethereum 1.0.

Metropolis ed oltre…

Ethash non è un punto di arrivo, ma una ulteriore fase di passaggio. In futuro, infatti, è previsto il quasi totale abbandono del mining fatto con GPU ed ASIC, per approdare ad un sistema basato sullo staking.

La distinzione tra mining e staking puoi meglio comprenderla leggendo le voci del glossario Proof-of-Work (PoW) e Proof-of-Stake (PoS).

In questo momento Ethereum sta vivendo una fase di aggiornamento critica chiamata Metropolis, divisa in due fasi: Byzantium e Costantinople. Mentre la prima fase è attiva da ottobre 2017, la seconda è stata più volte rimandata a causa di problemi tecnici.

Concludendo

Sei giunto al termine del percorso dedicato al mining di Ethereum, nel quale hai appreso tutte le modalità di estrarre ETH dalla rete, i vantaggi e gli svantaggi del minare ETH.

Ti invitiamo ad approfondire altre opportunità di investimento, tra cui la piattaforma Cardano, diretta concorrente di Ethereum, e a valutare il sistema decentralizzato EOSIO.

In fine tieniti aggiornato sulle novità attraverso la sezione delle ultime notizie.

Minare Ethereum
Rate this post

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.