Bitcoin (BTC) – La Criptovaluta Originale

Tutta la storia di Bitcoin (BTC) è condensata in nove pagine in formato .pdf, il noto bitcoin.pdf che descrive in modo essenziale cos’è Bitcoin e come funziona. Noi proveremo a sintetizzare in una sola pagina dieci anni di evoluzione (2009 – 2019) della prima criptovaluta della storia, che sta rivoluzionando a tal punto il modo di scambiarsi valore economico in rete, da aver destabilizzato non poche regole di economia.

Attraverso questa guida apprenderai: i meccanismi di funzionamento, perché si definisce criptovaluta; cos’è blockchain; come si fanno i pagamenti con bitcoin; cos’è il mining; dove comprare bitcoin; negozi dove spendere la criptomoneta e tanto altro.

Bitcoin the future of money

Raccomandazioni su dove fare trading con Bitcoin


Satoshi Nakamoto Inventore di Bitcoin

L’inventore di Bitcoin è Satoshi Nakamoto, questo non è il suo nome reale ma solo il nickname (soprannome) con il quale si è presentato al mondo attraverso il web. Chi sia veramente questo personaggio è un mistero che alcuni giornalisti hanno provato a svelare, senza però riuscire a dimostrare con assoluta certezza che il presunto Satoshi di turno fosse il vero inventore di Bitcoin.

Non vogliamo alimentare nessuna autopromozione e per questo non riportiamo i nomi di alcuni che si sono dichiarati essere l’inventore di bitcoin, senza mai provarlo con fatti inconfutabili.

Avrai letto che c’è anche chi suppone si possa trattare di più d’una persona e questo scenario è plausibile, il perché lo spieghiamo implicitamente nel prossimo paragrafo a proposito di cos’è bitcoin.

Nakamoto, però, non è una leggenda metropolitana egli è il fondatore di Bitcointalk.org, come dimostra il suo profilo nel forum.

Cos’è Bitcoin? E come funziona

Bitcoin è una innovativa rete di pagamento e un nuovo tipo di denaro”.

Con questa sintetica ma completa definizione Bitcoin.org ci spiega cos’è Bitcoin in estrema sintesi.

Senza voler entrare nel profondo dei meccanismi che “muovono” l’intero sistema, è bene sapere che alla base abbiamo regole di matematica, di crittografia, di ingegneria informatica e di economia.

Quando scriviamo il termine Bitcoin, ci si riferisce al protocollo che gestisce la moneta, mentre, per riferirci alla criptovaluta usiamo la lettera minuscola bitcoin. La forma abbreviata è BTC.

I nodi della rete

I bitcoin sussistono all’interno di una rete di computer connessi tra loro punto a punto (peer-to-peer), sono i nodi della Bitcoin Network. Per essere un nodo della rete è sufficiente installare il software Bitcoin Core sul PC e scaricare l’intero registro distribuito.

La rete non è centralizzata, non esiste un nodo centrale che ha autorità sugli altri nodi, tutti hanno lo stesso livello gerarchico ed è per questo che si parla di decentralizzazione o di rete distribuita (anche se i due termini non sono sinonimi).

Il registro distribuito

Il registro distribuito, conosciuto come blockchain, è molto simile al mastrino utilizzato dai commercianti per annotare le entrate e le uscite. In questo caso il registro degli incassi e delle spese è duplicato su tutti i nodi della rete e sincronizzato ogni qualvolta si aggiungono nuove operazioni racchiuse all’interno di un blocco.

Blockchain

Il termine blockchain viene dopo, non è stato inventato da Nakamoto, ma indica la particolare tecnica di conservazione delle transazioni economiche da parte del protocollo Bitcoin.

Ogni 10 minuti, infatti, il protocollo consente ad uno dei nodi della rete di generare un blocco attraverso quello che tutti conoscono come il processo di mining che spieghiamo più avanti. Ciascun blocco contiene un certo numero di transazioni economiche variabile. Le transazioni inserite in un blocco non si possono più cancellare, così come non è possibile modificare l’ordine dei blocchi emessi, perché ciascun blocco è “incatenato” al precedente da un particolare processo criptografico.

Da qui nasce il nome catena di blocchi (blockchain) ed anche il termine criptovaluta.

Blockchain è un registro pubblico, significa che chiunque può vedere le transazioni economiche fatte nella rete, si possono vedere gli indirizzi dei wallet, la somma presente nel wallet, quanto è stato inviato, quando e a quale altro indirizzo: BlockCypher è un block explorer.

Di indirizzi e wallet ne parliamo tra non molto, vediamo prima in sintesi le caratteristiche di BTC.

Blockchain metafora vagoni treno merci
Vagoni del treno agganciati tra loro: metafora della catena di blocchi.

Le caratteristiche di Bitcoin in sintesi

Bitcoin non può essere censurato, non c’è nessun ente centrale o banca che possa dire di avere emesso la criptovaluta. Neppure Nakamoto può dire che BTC è suo, perché non possiede una speciale chiave in grado un giorno di bloccare a tutti l’accesso al sistema.

I bitcoin sono di chi possiede le chiavi private e pubbliche, le quali consentono l’accesso e la spendibilità.

Quando nasce Bitcoin 3 gennaio 2009 ore 2 – 54 min. – 25 sec. GMT
Chi è l’inventore di BTC Satoshi Nakamoto è il suo pseudonimo
Quale metodo del consenso usa Proof of Work
Quale algoritmo usa SHA256
Quanti bitcoin esistono 17.530.375 BTC
Quanti BTC si possono coniare 21 milioni di BTC
Quanti satoshi per un bitcoin 100 milioni di satoshi
Quanto è veloce una transazione 10 minuti
Quali sono le dimensioni del blocco 1 MB massimo
Quant’è la ricompensa per un blocco 12,5 BTC
Ogni quanto avviene il retarget della difficulty 2.016 blocchi
Quanto valgono i bitcoin Il prezzo lo stabiliscono i mercati
Bitcoin è legale? In Italia sì
Ci sono tasse da pagare su bitcoin? Vanno dichiarati e fanno reddito

Come funziona il processo di mining di Bitcoin

In sintesi riportiamo il processo di funzionamento del mining di Bitcoin più ampiamente dibattuto nella guida dedicata.

Per garantire la sicurezza e il funzionamento della Bitcoin Network, è necessario che dei computer facciano da nodi della rete, e che dispositivi specializzati (miner) mettano a disposizione la loro potenza computazionale. Questo processo è noto come Proof of Work, prova di lavoro, e usa un algoritmo crittografico che nel caso del Bitcoin è SHA256.

Dal momento che la prova di lavoro è una attività economicamente dispendiosa, i miner ricevono un compenso per ogni blocco generato. Ad oggi il compenso per i miner è di 12,5 BTC ogni blocco. La ricompensa varia nel tempo ed ogni quattro anni si riduce della metà, il prossimo dimezzamento (halving) di bitcoin è previsto per il 24 maggio 2020 (fonte: www.bitcoinblockhalf.com): si passerà a 6,25 BTC per blocco.
Fare il mining di bitcoin

Un sistema economico con regole democratiche?

Al protocollo Bitcoin possono essere apportate modifiche attraverso le Bitcoin Improvement Proposal (BIP). Le proposte di modifica sono avanzate pubblicamente su GitHub e la loro implementazione concreta nel protocollo, richiede l’approvazione da parte dell’80% della rete. Il quorum è quindi ben superiore al 50% più uno.

Va considerato che una singola persona o una azienda, possono possedere una quantità tale di nodi o di miner, tale per cui da sole possono costituire una parte rilevante dell’intera rete.

Ciò significa che alcune aziende forti potrebbero coalizzarsi e riuscire a far approvare alla rete una loro BIP.

Bitcoin non nasce per essere “democratico”, i miner sono in competizione tra loro per ricevere i compensi dai blocchi generati, e se non si truffano a vicenda è solo perché esistono delle regole che funzionano bene: questa è la rivoluzione economica di bitcoin.

L’inflazione è quasi nulla

Leggendo a proposito delle criptovalute, avrai forse incontrato il tema dell’inflazione nulla. Tale caratteristica appartiene solo alle criptovalute come bitcoin, le quali hanno un numero di coin finito e non modificabile.

Come si fanno i pagamenti in Bitcoin

Nella pratica i bitcoin si spostano da una persona all’altra attraverso gli indirizzi.

Un bitcoin address è un codice alfanumerico di 34 caratteri che si presenta in questa forma:

  • 1Ma2DrB78K7jmAwaomqZNRMCvgQrNjE2QC

Non identifica la persona, essi sono pseudo anonimi, e servono esclusivamente a conservare i tuoi fondi. Fornendo un indirizzo a un tuo amico egli potrà inviarti bitcoin, ma a quel punto avrai anche perso l’anonimato sull’indirizzo ed ecco perché si dicono pseudo anonimi.

Transazione Bitcoin

Tipi di portafogli Bitcoin

Anzitutto cosa si intende per portafoglio bitcoin (wallet). Il wallet bitcoin è un software che non conserva effettivamente i BTC, come avviene per gli euro conservati nel portafoglio che hai in tasca. L’applicativo serve solo a conservare la chiave pubblica e privata che ti consentono di accedere alle somme presenti sull’indirizzo.

Esistono diversi tipi di wallet:

  • software wallet;
  • online wallet;
  • hardware wallet;
  • paper wallet;
  • brain wallet.

Tipi di portafoglio bitcoin

Software wallet

Per software wallet intendiamo tutti quegli applicativi che puoi scaricare sul tuo computer, notebook, o le app per dispositivi mobili quali smartphone e tablet.

Il software per PC e notebook può essere più pesante se è un full node come Bitcoin Core, oppure leggero ed elegante come il portafoglio Exodus.

Il wallet bitcoin mobile è leggero, la blockchain viene gestita sul nodo della società che ha rilasciato il portafoglio mobile. Un esempio è www.greenaddress.it, oppure Mycelium.

Da sapere. Se perdi la chiave privata, se perdi il seed di accesso al portafoglio, non c’è modo di recuperare i tuoi fondi. Ricorda, quindi, di fare sempre un backup del wallet e di conservare questi dati in luogo sicuro.

Bitcoin wallet online

Il web offre numerosi bitcoin wallet online, rispetto alla precedente versione si distinguono perché sono accessibili attraverso un sito web dal browser del computer. Ci sono alcune sottili differenze di cui tenere conto:

  • wallet online;
  • wallet online/exchange;

I wallet online sono applicativi accessibili via web con una username e password o direttamente inserendo la chiave privata del wallet. Una lista competa dei migliori wallet bitcoin è disponibile da qui. Ricorda che i wallet online non sono il massimo della sicurezza.

I wallet online/exchange, sono forniti da exchange come Coinbase o Cryptonator oppure Cryptopay. Sono piattaforme ibride, in cui il wallet è arricchito di servizi come appunto la possibilità di scambiare criptovalute tra loro o valute fiat in criptomonete e viceversa.

Bitcoin hardware wallet

Il bitcoin hardware wallet è un dispositivo elettronico contenente il software di gestione del wallet e la chiave privata dello stesso. Non si collega mai direttamente ad internet ma lo fa indirettamente attraverso un computer o una connessione wireless.

Tra gli hardware wallet più famosi troviamo i Ledger wallet, la società francese di recente ha immesso sul mercato il portafoglio hardware Nano X che supporta la connessione Bluetooth.

Paper wallet

Il paper wallet è un portafoglio stampato su un foglio di carta, esso include la chiave privata e l’indirizzo.

Viene considerato uno dei più sicuri per conservare bitcoin, ma il processo per la sua realizzazione è un po’ contorto perché la procedura vorrebbe che venisse stampato attraverso un computer non connesso ad internet e di cui si è certi non contenga virus o altri malware.

Ricorda, comunque, di fare più copie del paper wallet e di conservarle in luoghi diversi.

Brain wallet

Il brain wallet è quasi una provocazione, ma nei fatti è il più sicuro di tutti. Il brain (cervello) wallet consiste nella memorizzazione mnemonica della chiave privata del portafoglio bitcoin.

Sconsigliatissimo se non si ha la capacità di ricordare stringhe alfanumeriche a memoria.

Come e dove comprare Bitcoin

L’offerta di acquisto del bitcoin è davvero molto ampia. In linea di principio puoi comprare bitcoin con uno dei seguenti metodi:

  1. carta di credito e di debito;
  2. PayPal;
  3. in contanti;
  4. bonifico bancario.

Come comprare bitcoin con carte, con PayPal e in contanti lo spieghiamo nel dettaglio nella guida appositamente strutturata qui su Coinlist.me.

Un altro metodo per acquistare bitcoin in contanti è presso gli ATM di criptovalute, una sorta di apparati cambiamonete in cui inserisci denaro contante e ti rilasciano crittovaluta sul wallet personale.

Quanti abitano lungo il confine svizzero, potrebbero invece essere interessati a scoprire come si compra BTC in Svizzera. Ed ancora i possessori di dollari statunitensi, vorranno invece sapere come si acquista bitcoin con i dollari americani.

Comprare Bitcoin con i CFD

Una sezione a parte merita lo strumento di acquisto di BTC con i contratti per differenza (CFD).

I CFD sono uno strumento finanziario esistente sin dal 1990, con esso si comprano titoli azionari, obbligazionari, valute forex, senza mai effettivamente possederle, ma guadagnando dalla differenza di prezzo sia in fase di ribasso che di rialzo.

I broker online, uniche piattaforme autorizzate a usare questo strumento, hanno presto adottato i CFD sulle criptovalute. Abbiamo recensito numerose piattaforme di trading online, per approfondire come funziona leggi la recensione di ThinkMarkets o la nostra opinione di eToro.

Il prezzo di Bitcoin

Il prezzo di bitcoin è stabilito dalla legge della domanda e della offerta sui rispettivi exchange e per ciascuna coppia di scambio: BTC/EUR, BTC/USD, BTC/ETH, ecc.

Investire in Bitcoin: alternative

Il bitcoin è visto come una riserva di valore alternativa all’oro, anche se la sua alta volatilità forse non lo rende così idoneo allo scopo. Ciò nonostante sono in crescita il numero di fondi appositamente costituiti in bitcoin. I crypto hedge fund sono un nuovo strumento finanziario attraverso cui investire i propri capitali, ma anche il nuovo fondo previdenziale per la pensione di domani suscita un certo interesse tra gli investitori “cassettisti”.

L’elenco dei negozi che accettano Bitcoin

Negli ultimi anni è cresciuto il numero di negozi che accettano bitcoin come mezzo di pagamento di beni e servizi. Alcune città si stanno trasformando in vere e proprie città amiche delle criptovalute. Tra esse la città di Brisbane in Australia, lo stato del New Hampshire negli USA, in Europa Praga e di recente la città di Napoli.

Online alcune piattaforme di gift card accettano bitcoin, ma anche compagnie aeree e agenzie viaggi.

Per conoscere un elenco esaustivo di negozi che accettano bitcoin visita:

  • Coinmap.org, la mappa mondiale dei commercianti, ristoranti, alberghi e professionisti, che accettano BTC.
  • Spandabit.co è un motore di ricerca dedicato a prodotti acquistabili con moneta digitale. Inserisci il nome del bene che vorresti acquistare e verifica se online c’è un negozio che lo vende in cambio di BTC.
  • https://www.bitrefill.com, hai bisogno di ricaricare il cellulare ed hai solo criptomoneta a disposizione? Questo il sito giusto per ricaricare.

Negozi che accettano bitcoin

Come guadagnare Bitcoin gratis: i Faucet

Bitcoin e una parte delle criptovalute esistenti si possono anche guadagnare attraverso i noti faucet di criptovalute. La parola faucet significa rubinetto e la metafora è azzeccata, perché come un rubinetto che si apre e si chiude a tempo, l’utente riceve una quantità determinata di BTC gratis nel suo portafoglio.

Non attenderti di diventare ricco con i faucet di bitcoin, considerali più un passa tempo curioso con cui ricevere gratuitamente qualche migliaio di satoshi.

Quanti tipi di faucet di bitcoin esistono

Troverai nel web molti tipi di faucet di bitcoin, alcuni dei quali sono sinceramente delle perdite di tempo. In linea generale i faucet di BTC si dividono in:

  • faucet diretti: inviano direttamente al tuo wallet quanto raccolto;
  • i faucet indiretti: ricevi i satoshi attraverso servizi terzi;
  • faucet rotator: una unica piattaforma, centinaia di faucet e di molte criptomonete;
  • game faucet: semplici giochi online che rilasciano bitcoin gratis.

Migliori alternative al Bitcoin

Dal capostipite bitcoin sono derivate migliaia di monete digitali oggi molto note ed usate da migliaia di persone in tutto il mondo. Qui ti presentiamo alcune di esse.

XRP

La criptovaluta XRP ha un percorso evolutivo tutto suo e in molti aspetti indipendenti e precedenti rispetto a bitcoin, l’intera storia di Ripple e di XRP l’abbiamo raccontata in un ampio articolo.

Ethereum

La grande piattaforma distribuita dove generare il proprio token grazie agli smart contract. Ethereum è molto più di una criptovaluta, i costanti upgrade tentano di dimostrare alla comunità internazionale proprio questo.

Litecoin

L’argento delle criptovalute, non solo per via del suo colore, soprattutto per la sua fedele vicinanza al bitcoin. Litecoin è molto simile a BTC, ma adotta sin dall’inizio l’algoritmo Scrypt e un tempo del blocco di soli 2 minuti e mezzo.

Raccomandazioni su dove fare trading con Bitcoin


Concludendo

La comprensione di cos’è bitcoin e come funziona la prima criptomoneta della storia non termina con la guida. Resta sempre aggiornato seguendo le ultime notizie, inoltre, per ricapitolare e approfondire ancora meglio scarica il manuale bitcoin gratuito.

Bitcoin (BTC) – La Criptovaluta Originale
1 (1 vote)

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.