5 modi in cui Ethereum (ETH) potrebbe aumentare il suo prezzo nella lotta contro il coronavirus

In tempi di crisi, aziende e progetti che mostrano la massima adattabilità hanno spesso le migliori possibilità di sopravvivenza. In questo rapporto, esaminiamo i modi in cui Ethereum continua ad innovarsi per far fronte a un rallentamento dell’economia globale.

Mentre le persone del mondo continuano la quarantena contro il coronavirus, osserviamo 5 modi in cui Ethereum e la sua blockchain potrebbero aiutare a rallentare la diffusione dell’infezione.

Gli Smart Contracts possono aiutare le economie globali a continuare a muoversi

Il sistema di contratti intelligenti di Ethereum consente di concordare, far rispettare e modificare i contratti legali utilizzando la blockchain di Ethereum, una caratteristica potenzialmente preziosa se le misure di blocco e isolamento continueranno nel prossimo futuro, consentendo all’economia globale di continuare a muoversi.

Man mano che i contratti vengono adempiuti attraverso processi automatizzati, le aziende saranno in grado di continuare il più normalmente possibile.

Ciò sarà importante per gli accordi relativi a determinati termini di pagamento, i presupposti legali che hanno seguito il loro corso e la capacità di autenticare i documenti senza la necessità di una verifica legale di persona.

Inoltre, le parti di un accordo possono concordare di voler mettere in pausa i contratti, consentendo loro di fare a meno del coinvolgimento di avvocati che potrebbero non essere disponibili mentre il resto di noi è in lockdown.

Fornire il pacchetto di stimolo statunitense

eThaler, un progetto basato sulla blockchain di Ethereum, questa settimana è stato discusso dai legislatori statunitensi in relazione al piano di stimolo per pagare ogni adulto americano $1.200.

L’idea è quella di consentire alla Federal Reserve di distribuire “dollari digitali” direttamente ai lavoratori americani, risparmiando potenzialmente ingenti somme di denaro in costi amministrativi, nonché minimizzando i contatti fisici per i lavoratori delle poste.

La notizia, tuttavia, si sta polarizzando. I legislatori statunitensi parlano dell’utilizzo di una blockchain e al contempo menzionano la Federal Reserve, è chiaro che si tratta di un momento significativo per i progetti di criptovaluta, poiché significa che tale tecnologia si sta seriamente considerando come un mezzo di distribuzione monetaria.

Il piano attualmente prevede di utilizzare le banche centrali per distribuire dollari digitali, tuttavia i sostenitori della criptovaluta sosterranno che le blockchain decentralizzate eliminano del tutto la necessità del coinvolgimento di una banca.

Scambi decentralizzati

In un altro entusiasmante sviluppo, Ethereum ha in programma di lanciare una exchange decentralizzata (DEX) per consentire gli scambi senza fiducia tra Bitcoin ed Ethereum.

Gli scambi centralizzati (centralised exchanges) sono problematici per le criptovalute; mettono il potere in poche mani, eppure sono il posto migliore per i trader per trovare liquidità affidabile.

Vitalik Buterin, fondatore di Ethereum, ha dichiarato: “È imbarazzante che non possiamo ancora spostarci facilmente tra i due più grandi ecosistemi crittografici”.

Basti dire che la blockchain di Ethereum ha già dimostrato che la sua blockchain è in grado di ospitare uno scambio, come visto questa settimana dall’annuncio di Uniswap che sta lanciando il suo V2, un DEX che ha dimostrato che il problema di liquidità può essere risolto.

L’attività degli sviluppatori di Ethereum è molto più elevata rispetto ad altre criptovalute

I sostenitori di Ethereum, come si può notare guardando il grafico sopra, sono tranquillamente fiduciosi che l’ETH ne uscirà oscillando una volta che l’emergenza virus rallenterà. Il grafico è stato preso da GitHub – il tracker di sviluppo open source che i progetti di criptovaluta usano per coordinare lo sviluppo.

La linea viola mostra l’attività di sviluppo di Ethereum nell’ultimo anno. Come si può vedere, l’attività degli sviluppatori è stata molto più elevata rispetto ad altre criptovalute, dimostrando che il progetto è stato avanzato e perfezionato in misura maggiore rispetto ad altri.

Un altro fattore significativo, per la seconda criptovaluta più grande, è che il recente scoppio del Covid-19 non ha visto un calo significativo nell’attività degli sviluppatori, dimostrando che il team ha una capacità di adattamento alle nuove situazioni.

L’audit di Ethereum 2.0 rivela nuove aree di sviluppo da perseguire

Nonostante l’epidemia, il suo team è impegnato con lo smart working, per cui Ethereum sta ancora lavorando duramente alla seconda iterazione del suo protocollo: Ethereum 2.0.

I recenti sviluppi sono la conclusione di una verifica da parte di Least Authority, un consulente di sicurezza specializzato in progetti di criptovaluta.

L’audit ha affermato di aver riscontrato alcuni problemi di sicurezza relativi al sistema di proposizione di blocchi e al sistema di messaggistica P2P.

Il team di sviluppo ha promesso di tenere conto del ​​feedback per migliorare la stabilità del protocollo, come mostrato in questo Tweet del ricercatore 2.0, Danny Ryan:

Audit come questo sono importanti per gli sviluppatori e mostrano una buona maturità nei processi di sviluppo; un buon feedback da parte di terzi può essere cruciale per risolvere i problemi.

L’audit ha anche evidenziato alcuni elementi positivi del prossimo aggiornamento, trovando le specifiche “molto ben ponderate e complete”. Ciò evidenzia che Ethereum sarà presto il primo protocollo proof of stake che utilizza lo sharding, un processo che consente di dividere il database della blockchain in blocchi più piccoli.

In sintesi, il coronavirus ha avuto un impatto su molte aziende in una miriade di modi, ma Ethereum sembra guidare il percorso e ne uscirà sicuramente molto più forte.