Ultime Notizie

5 fattori che hanno spinto il prezzo del Bitcoin a 6.000 USD

0 Commenti

I prezzi delle criptovalute sembrano vivere una fase di attesa, il valore del bitcoin oscilla da mesi tra i 5.000 e gli 8.000 USD. Ad ogni recessione, poi, alcuni preannunciano la fine imminente del settore: cosa c’è di vero? Proviamo a capire perché il prezzo del bitcoin è crollato, analizzando almeno cinque dei fattori rilevanti che tengono la quotazione di bitcoin nell’incertezza.

azioni

 

 

Il fantasma di MT. Gox sul calo del Bitcoin

Su cosa abbia portato il prezzo del bitcoin a crollare così repentinamente dal record di 20.000 USD del 20 dicembre 2017, ci sono molte teorie in circolazione. Qual è quella vera? Probabilmente tutte.

Una di queste riguarda la vendita massiccia di bitcoin da parte del curatore fallimentare dell’exchange Mt. Gox, uno dei primi servizi di scambio che nel 2014 è andato in bancarotta per essersi fatto rubare quasi tutti i fondi dei clienti. Quanto rimasto nelle casse dell’azienda è stato sequestrato dalle autorità giapponesi e il tribunale, a distanza di anni, ha sentenziato che i fondi si possono vendere per risarcire i clienti.

Coincheck e il furto di NEM

A gennaio 2018 l’exchange giapponese, non regolamentato, Coincheck annuncia il furto di un enorme quantitativo di NEM coin. Alla fine della conta, risulta essere il furto di criptovalute più vasto della storia: 534 milioni di USD. I mercati reagiscono negativamente a questo furto e riducono gli scambi.

Tuttavia non è l’unico, i primi mesi del 2018 sono stati costellati di piccoli e grandi furti ai danni dei crypto exchange e degli investitori, mostrando ampi squarci nei sistemi informatici. Di conseguenza, tanti hanno smesso di investire nel settore o trovano alternative come l’investimento indiretto nelle criptovalute attraverso i CFD forniti da broker regolamentati come eToro.

I circuiti di pagamento contro le criptovalute

Il prezzo del bitcoin è crollato anche a causa di ostacoli imposti dall’esterno del settore. Ad incidere pesantemente la scelta dei maggiori circuiti di pagamento, Visa e Mastercard, di imporre una commissione salata al denaro trasferito presso i crypto exchange. La ridefinizione della commissione è stata recepita dagli investitori come un chiaro segnale di “guerra alle criptomonete”, da parte di ambienti finanziari che naturalmente non vogliono perdere il controllo sul denaro.

Singoli istituti di credito e piccole banche, in aggiunta, hanno scoraggiato i propri clienti, quando non addirittura bloccato i conti, per evitare la fuga di denaro.

 

I Governi non amano il bitcoin

Alcuni governi non hanno celato il loro scarso appeal nei confronti del bitcoin e delle criptovalute. In alcuni casi per immotivata paura, in altri casi perché c’è l’interesse a non far scappare i soldi all’estero, altre volte per pura mancanza di formazione sull’argomento.

Emblematico il caso dell’India che ha ordinato alle banche del paese di bloccare qualsiasi trasferimento di fondi dei propri clienti verso exchange di monete digitali, pena sanzioni rilevanti. Ordine poi revocato, ma l’incertezza resta.

Le parole inutilmente allarmanti

In questo quadro non sono mancate figure di Wall Street ed esperti finanzieri le cui parole espresse in TV e su canali autorevoli sul web, hanno generato altra inutile paura tra i piccoli risparmiatori costringendoli ad astenersi dal comprare la criptovaluta, facendo quindi crollare bitcoin.

5 fattori che hanno spinto il prezzo del Bitcoin a 6.000 USD
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.