Azienda giapponese crea un protocollo di voto elettronico basato su blockchain

Questo progetto fa parte dell’iniziativa “smart city” di Tsukuba

Istantanea della città di Tsukuba, Giappone
Layer X si unirà anche al consiglio intelligente della Prefettura di Ibaraki della città di Tsukuba

Layer X, una startup blockchain con sede in Giappone, ha annunciato che sta lavorando a un sistema di voto elettronico basato su un protocollo blockchain come parte di un’iniziativa complessiva di smart city per Tsukuba City.

L’azienda ha spiegato che il nuovo sistema soddisferà le esigenze tecniche del voto elettronico. Ciò include evitare casi di doppia votazione, archiviare accuratamente tutto il contenuto delle votazioni, garantire la riservatezza degli elettori e gestire le registrazioni delle operazioni.

Consentirà inoltre agli elettori di esaminare i propri risultati di voto, un vantaggio che solo il crypto può fornire finora, per garantire che i processi di registrazione e aggregazione dei voti sulla rete blockchain siano stati eseguiti correttamente.

La startup ha spiegato che il suo nuovo sistema soddisfa i suoi obiettivi di spingere per un passaggio al voto elettronico nei governi locali. Ha anche spiegato che sta sviluppando la capacità di rafforzare gli sforzi volti a risolvere i problemi tecnici nella sfera della trasformazione digitale quando si tratta di una varietà di servizi amministrativi.

Inoltre, Layer X ha anche rivelato che entrerà a far parte del consiglio intelligente della Prefettura di Ibaraki della città di Tsukuba, un’entità focalizzata sulla trasformazione di Tsukuba in una “città intelligente” e sulla sua introduzione nell’era digitale.

“Accogliamo con favore la partecipazione della LayerX Company al Tsukuba Smart City Council”, ha dichiarato un rappresentante della città di Tsukuba nell’annuncio di Layer X. Il rappresentante ha spiegato che questo consiglio lavorerà per risolvere i problemi nell’area di Tsukuba e migliorare le funzioni urbane, come come robotica digitale.

Come parte dei suoi sforzi per espandersi, parallelamente ai suoi progetti di modernizzazione, Layer X ha anche annunciato di essere attualmente alla ricerca di ingegneri del software e responsabili dello sviluppo aziendale.

Con la pandemia di coronavirus che sta interrompendo le attività quotidiane in tutto il mondo, molti paesi e stati locali si sono rivolti a opzioni di voto online basate sulla blockchain. Ciò attenua il rischio di trasmissione dell’infezione, in particolare verso i gruppi vulnerabili come gli anziani. Un paese che ha già provato a sperimentare il voto elettronico, basato su blockchain, è la Russia e ha anche pubblicato il codice sorgente per la piattaforma su GitHub.

Anche Verneuil-sur-Seine, un comune francese, ha lanciato un voto su un progetto stradale attraverso un’app basata su blockchain, e anche il Partito Democratico del Michigan è riuscito in un esperimento di voto elettronico attraverso la piattaforma Voatz basata su blockchain.