Azione legale contro Google e Facebook per divieto di pubblicità cripto

Lo studio legale australiano JPB Liberty sostiene che il divieto dei giganti della tecnologia del 2018 sulla pubblicità cripto ha ucciso il mercato ICO

Immagine del martelletto con bandiera australiana
La causa è riuscita a raccogliere più di $ 600 milioni di reclami dalla comunità delle criptovalute

JPB Liberty, uno studio legale con sede a Philip Bay, nel New South Wales, ha intentato un’azione legale collettiva presso la Corte Federale del New South Wales. Lo studio legale sostiene che Facebook e Google si sono impegnati in comportamenti anticoncorrenziali vietando la pubblicità di criptovaluta nel 2018.

JPB sostiene che il divieto, che si è attenuato nel 2019, ha inferto un duro colpo al mercato dell’offerta iniziale di monete (ICO) e ha portato a gravi danni finanziari al più ampio settore delle criptovalute.

L’amministratore delegato di JPB Liberty, Andrew Hamilton, ha affermato che queste due società di alto profilo avevano agito come un cartello quando hanno lanciato il divieto di pubblicità di criptomoneta. Questa era presumibilmente una mossa strategica e calcolata che mirava a annullare la possibilità di concorrenza dal settore blockchain.

La causa è riuscita a raccogliere più di $ 600 milioni di reclami dalla comunità delle criptovalute. Le iscrizioni del richiedente rimarranno aperte fino al 21 agosto.

Secondo la pagina web, “chiunque in tutto il mondo sia stato influenzato negativamente dagli annunci Crypto Ad Ban il 30 gennaio (Facebook) e il 14 marzo 2018 (Google), 25-27 marzo (Twitter) e dall’implementazione del divieto da parte di Google nel giugno 2018″ è benvenuto per registrarsi.

Inoltre, i ricorrenti non hanno bisogno di sborsare per far parte della causa legale collettiva. La pagina web afferma che lo studio legale pagherà i costi di gestione del caso, nonché i costi legali che sarebbero sostenuti dall’altra parte se la causa collettiva non avesse successo.

In caso di esito positivo della causa, una quota del diritto al risarcimento danni del ricorrente verrà corrisposta a JPB Liberty e ai titolari di token che hanno finanziato l’azione collettiva.

L’unico costo per l’iscrizione è il diritto di un individuo di citare in giudizio separatamente.

Hamilton ritiene che l’importo delle richieste di risarcimento possa crescere fino a $ 300 miliardi prima della scadenza.

Il CEO ha anche sfidato il pretesto del gigante della tecnologia di proteggere i propri consumatori dalle truffe per giustificare il divieto di pubblicità cripto.

“Ci sono truffe di furto d’identità di criptovalute su YouTube – impersonando il CEO di Ripple, il CEO di Binance. YouTube non è riuscita a evitare, e quindi a vietare,  le truffe di furto d’identità, bannando la vera azienda”, ha affermato.

Hamilton ha evidenziato i risultati della ricerca che hanno indicato una tendenza in cui la maggior parte delle truffe associate alle criptovalute coinvolge truffatori che si spacciano per personalità di alto profilo nel settore blockchain. Ha anche indicato un recente aumento delle truffe di impersonificazione che sono emerse su Youtube.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading