Home > News > Banca Centrale della Nigeria vieta le criptovalute e assiste a ripercussioni

Banca Centrale della Nigeria vieta le criptovalute e assiste a ripercussioni

La CBN ha emesso due lettere durante il fine settimana vietando alle banche di trattare criptovalute e chiarendo che questa regola era in vigore dall’inizio del 2017

Venerdì, la Banca Centrale della Nigeria (CBN) ha emesso una lettera alle istituzioni finanziarie del paese affermando che “… è vietato commerciare in criptovalute o facilitare i pagamenti per gli scambi di criptovaluta”.

La lettera li indirizzava anche a “… identificare persone e/o entità che effettuano transazioni o gestiscono scambi di criptovalute all’interno dei loro sistemi e garantire che tali conti vengano chiusi immediatamente”, con un avvertimento che il mancato rispetto comporterebbe gravi sanzioni normative.

Le criptovalute sono aumentate di popolarità in Nigeria per tutto il 2020, alimentate dalla pandemia e dalla svalutazione della naira da parte del CBN. I giovani nigeriani in particolare si sono rivolti alle valute digitali per proteggere i propri risparmi dall’estorsione da parte della squadra speciale anti-rapina (SARS), nonché per raccogliere fondi per le proteste.

In effetti, i dati sulle tendenze di Google mostrano che la Nigeria ha cercato la parola “bitcoin” più di qualsiasi altro paese negli ultimi 12 mesi e Quartz Africa ha rivelato alla fine dello scorso anno che la Nigeria era diventata il secondo mercato più grande di Bitcoin in volume, dietro solo agli Stati Uniti.

Seguendo la direttiva CBN, Binance Nigeria ha annunciato che avrebbe sospeso i depositi di naira, provocando un sacco di contraccolpi contro CBN, con molti che suggeriscono che il divieto è un passo indietro e spingerà molti nigeriani a tagliare completamente le istituzioni finanziarie rivolgendosi invece a scambi peer to peer.

Dopo le reazioni alla lettera del venerdì, la CBN ha emesso una seconda lettera di cinque pagine domenica per giustificare la propria posizione. La seconda lettera ha chiarito che la prima lettera non costituiva una modifica, ma era semplicemente una reiterazione delle restrizioni delineate in una precedente circolare datata 12 gennaio 2017.

CBN ha anche affermato che la loro posizione non era un’anomalia elencando altri 16 paesi che avevano un uso limitato delle criptovalute e suggerendo che comportano rischi significativi e sono utilizzati per attività criminali come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

La lettera prosegue descrivendo in dettaglio varie obiezioni alle criptovalute di tutto il mondo, come l’etichettatura di Warren Buffet come “veleno per topi al quadrato” e le preoccupazioni del governatore della Banca d’Inghilterra, Andrew Bailey, per la loro estrema volatilità dei prezzi.

CBN ha concluso affermando che la Nigeria sarà ancora un leader nello sviluppo FinTech in virtù del loro sistema di pagamento e delle iniziative che includono sandbox normativo e principi di open banking.

Etichette: