Ultime Notizie

Binance: Annunciata importante collaborazione con il governo Togolese

0 Comments

Molti appassionati di catene di blocchi amano descrivere la tecnologia come uno strumento che permetterà agli utenti di ottenere una maggiore libertà. Nel frattempo, un exchange è pronto a collaborare a con Faure Gnassingbé, che è ampiamente considerato un dittatore. Due giorni dopo l’annuncio che l’exchange di criptovalute Binance, insieme ai partner, “sostiene la trasformazione economica dell’Uganda e l’occupazione giovanile attraverso la blockchain”, CEO Changpeng Zhao è tornato su Twitter. Questo per condividere alcune notizie riguardanti i piani della società per un altro stato africano: il Togo. Seguono i dettagli.

La collaborazione di Binance con il governo togolese

Un post recita: “Per intraprendere un nuovo viaggio per l’Africa per abbracciare le quarte rivoluzioni industriali per i giovani. L’obiettivo del progetto è quello di creare migliaia di posti di lavoro e di portare miliardi di investimenti in Togo”. Pochi minuti dopo, ne seguì un altro. Questo dichiarò: “Questa è una lettera fisica firmata dal Primo Ministro di Togo, consegnata a mano a noi minuti prima di salire sull’aereo, durante un incontro avvenuto solo un giorno fa”. (L’immagine, non più disponibile su Twitter al momento della stampa, viene riprodotta e tradotta qui di seguito).

La lettera menzionava una proposta di partenariato attraverso la quale Binance e il governo togolese avrebbero “coinvolto il Togo nella quarta rivoluzione industriale”. Questo sarebbe ottenuto, viene spiegato, “sviluppando programmi di formazione per i giovani per creare molti posti di lavoro e attirare investimenti importanti”. Considerando che la notizia di questo partenariato segue almeno un incontro tra Zhao e il presidente del Togo, e alla luce del suggerimento di Zhao che il Togo potrebbe ricevere miliardi di dollari di investimenti di conseguenza, sembra molto probabile che le attività della Binance nel paese avrà un effetto aggiuntivo. O meglio, quello di sostenere la presidenza di Faure Gnassingbé. Ciò è dovuto al fatto che, in quanto partner del progetto, il governo avrà presumibilmente una certa discrezionalità su almeno alcuni dei fondi associati.

Presidente della Repubblica del Togo Faure Gnassingbé (al centro), Athena Yu (da sinistra), Helen Hai (Fondazione Binance), He Yi (cofondatore), Changpeng Zhao, Ben (Laboratori Binance).

La situazione tesa nella Repubblica Togolese

Il Togo, un piccolo paese con meno di 8 milioni di abitanti, è sotto il dominio di Gnassingbé da oltre 50 anni. Questa è iniziata con l’occupazione militare nel 1967 da parte di Gnassingbé Eyadéma. Questi ha mantenuto il potere (almeno in parte con l’uso della violenza) fino alla sua morte per un infarto nel 2005. Durante la lotta di potere che seguì dopo la sua morte, circa 400-500 persone furono uccise e migliaia ferite. Questo risulta dai dati delle Nazioni Unite, e i rifugiati togolesi nel vicino Ghana e Benin furono oltre 30.000. Alla fine, il figlio del defunto presidente Faure è emerso come il nuovo capo di Stato.

Il 2017 è stato caratterizzato da una nuova ondata di proteste. I manifestanti hanno richiesto le dimissioni di Gnassingbé e il ripristino della costituzione del 1992. La motivazione della richiesta è che questa poneva un limite di due legislature per i presidenti. Dopo più di 10 anni di potere, Gnassingbé apparve intenzionato a seguire l’esempio di suo padre. Infatti, è stato lui ad aver abolito la legge e rimanere in carica oltre il limite. Le manifestazioni sono continuate dopo che è stato proposto di applicare il termine limite alla presidenza di Gnassingbé a partire dal 2020. Questa avrebbe permesso a Gnassingbé di rimanere al potere fino al 2030. “Centinaia di migliaia” hanno partecipato.

Cerimonia Voodoo finanziata dal governo

A luglio, prima che le manifestazioni anti-Gnassingbé raggiungessero il culmine, il governo ha finanziato una cerimonia juju con lo scopo di placare gli spiriti degli attivisti uccisi nel corso degli anni. Degno di nota che a quanto pare circa 28 persone tra queste sono state uccise all’inizio degli anni Novanta. Secondo un partecipante il rituale mirava a garantire che “il sangue umano non venga di nuovo versato” in Togo. In precedenza lo Stato aveva utilizzato denaro contante per risarcire alcune vittime di violenza politica. Di tutta risposta, in un’indicazione di ira pubblica, decine di donne in una manifestazione di settembre a Lomé hanno scoperto il seno e trascinato le natiche per terra. Queste tattiche avevano lo scopo di “maledire” gli avversari del loro movimento.

Attacchi alla libertà di parola nella Repubblica Togolese

Più o meno nello stesso periodo, l’accesso a Internet e gli SMS sono stati bloccati nel paese. Inoltre, qualche settimana dopo, gli utenti di WhatsApp in Togo si sono trovati nell’impossibilità di accedere alla piattaforma di messaggistica, molto popolare in alcune parti dell’Africa occidentale. Nel febbraio 2017, un’autorità di regolamentazione governativa aveva ordinato a due piattaforme mediatiche di cessare le trasmissioni. Questo apparentemente per non aver soddisfatto i requisiti di licenza, con una mossa che Amnesty International ha definito “un attacco alla libertà di parola”.

Al di fuori del Togo, anche ad Accra e a Parigi, il Togo e i suoi sostenitori hanno anche organizzato diverse proteste contro il mantenimento del governo di Gnassingbé. Nel 2017 almeno 11 persone sono morte a causa di violenze politiche nel paese. Degno di citazione che tra queste un bambino di nove anni e due soldati. Verso la fine dell’anno, centinaia di togolesi hanno nuovamente cercato rifugio in Ghana. Non siamo stati in grado di confermare l’autenticità delle notizie riportate dai social media. Queste, accompagnate da immagini forti, riportano che la violenza del governo contro i manifestanti è continuata fino all’aprile 2018.

La rilevanza della partnership

In alcuni casi, i regimi che non godono di un ampio sostegno popolare sono stati in grado di mantenere il potere grazie a capitali esterni. Zhao ha annunciato che il lavoro della Binance in Togo sarà un vantaggio per la popolazione del paese. Nonostante questo non è probabile che questa non sarà un bene per quei togolesi che hanno chiesto la fine della dinastia Gnassingbé. La maggior parte dei commentatori ai tweet Togo di Zhao hanno mostrato entusiasmo. Una reazione probabilmente motivata da disinformazione o ipocrisia considerando che gli appassionati delle criptovalute sono noti, tra l’altro, per il loro disprezzo per l’autorità autocratica.

La lettera

Segue il testo della lettera tradotto:

“Signor Presidente Direttore Generale,

A nome del Presidente della Repubblica e del Governo la ringrazio per la visita che ha voluto fare a Lomé dal 18 al 21 aprile. Questa visita ci ha permesso di scoprire le opportunità che la vostra azienda, Binance, può offrire.

Infatti, per volontà del capo dello Stato, il governo togolese ha avviato un vasto programma di riforme volto a creare molti posti di lavoro, oltre che ricchezza. Questo per migliorare in modo duraturo il benessere della popolazione.

È in questo contesto che il Togo desidera stabilire una partnership con la vostra azienda, Binance. Lo scopo è di sostenere la trasformazione economica del nostro Paese e rafforzare l’autonomia economica dei giovani e delle donne. Questo in particolare attraverso l’uso della tecnologia blockchain.

L’obiettivo sarà quello di coinvolgere risolutamente il Togo nella quarta rivoluzione industriale sulla scia della rivoluzione digitale. In particolare, questo partenariato comporterà lo sviluppo di programmi di formazione per i giovani. Il fine è creare molti posti di lavoro per loro e attirare investimenti importanti.

Inoltre, vi prego di presentarci, insieme ai vostri team, una documentazione che ci spieghi e ci permetta di valutare la vostra visione di questa formazione e di questa partnership.

Nel ribadire i miei sinceri ringraziamenti, vi chiedo di accettare i miei più sentiti saluti.

Komi Sélom Klassou (Primo ministro della Repubblica del Togo)”

Conclusione

Questa è una di quelle notizie che porta a provare emozioni miste e confuse. D’una parte, come investitore la prospettiva di una collaborazione simile tra un governo e una istituzione tanto importante nel mondo delle criptovalute genera un giustificato entusiasmo. Alle criptovalute gioverebbe sicuramente una collaborazione con un governo che le sostiene con la legislazione. D’altronde, però, come essere umano sono decisamente preoccupato. Questo perché, se dovesse avere successo, questo progetto potrebbe offrire tanto capitale a questo governo da consentire a Gnassingbé di rimanere al potere anche ben oltre il 2030.

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.