Ultime Notizie

Bitcoin e Criptovalute in caduta libera?

0 Commenti

In questi giorni stiamo assistendo alla caduta libera del bitcoin e di tutte le criptovalute. Non solo quelle in competizione diretta con bitcoin: ethereum o bitcoin cash. Anche i token nati dal boom delle ICO del 2017 ora si sgonfiano dopo la lievitazione fuori misura di dicembre 2017.

In questo momento sembrano essere saltati tutti i punti di riferimento. Eppure i veri crypto lovers non fanno che ripetere HODL! Una sorta di grido di guerra coniato nel mondo delle criptovalute, che significa resistere e mantenere (dall’inglese hold) la posizione nonostante il crollo verticale. Su Twitter c’è anche l’hashtag ufficiale #HODL!

Il crollo di bitcoin: mantra a parte

Tralasciando i mantra che circolano nei social network, cerchiamo di capire cosa stia causando questo crollo così verticale del bitcoin.

Tra le ultime notizie c’è l’incertezza proveniente dalla Corea del Sud che intenderebbe bandire gli exchange di criptovalute dal Paese. Non un affare da poco, se si pensa che il piccolo paese asiatico, dopo il ban della Cina di inizio autunno 2017, è il primo mercato mondiale per il trading di molte altcoin. Ne sono un esempio ripple ed anche ethereum classic.

Sono giunte voci anche su un presunto giro di vite che la Cina vorrebbe imporre alla sua popolazione, la quale ha continuato a comprare criptomonete usando altre forme di scambio. I cinesi hanno optato per i cosiddetti scambi peer-to-peer come è il caso di Localbitcoins.

Bitcoin: le voci di una bolla imminente circolavano da tempo

In effetti è così. Nessuno tra gli analisti ne ha fatto mistero. Anche gli investitori, soprattutto statunitensi, che apertamente avevano dichiarato di avere investito nelle monete digitali, avevano messo in guardia da una possibile bolla.

Gli esempi che paragonano i crypto asset alla bolla dei Tulipani e alla bolla tecnologica del Nasdaq (dot-com) sono stati consumati dai quotidiani online e ve li risparmio.

Non è il primo scivolone del bitcoin

Non è certo il primo scivolone che bitcoin subisce. Anche nel 2013 balzò sopra i 1.000 USD di valore per poi rasentare i 200 USD nel giro di 5 mesi circa. La risalita successiva è stata lenta e solo a dicembre 2016 chi comprava bitcoin lo pagava 1.000 USD. Intanto erano passati tre anni.

prezzo bitcoin dicembre 2013 - aprile 2016

Un altro confronto interessante è mettere in parallelo il mese di gennaio 2017 con i primi quindici giorni di questo gennaio 2018. Come appare dai grafici, curiosamente, nello stesso periodo il bitcoin subisce un crollo netto. Allora il bitcoin cadde da 1.160 USD a 835 e infine a 767 USD, dal 5 gennaio al 12 gennaio. Quindi ripartì la corsa verso l’alto. Scritto così può sembrare uno scivolo da poco, ma a ben vedere il grafico si comprende che non è stato così.

Grafico bitcoin gennaio 2017
Bitcoin: scivolone gennaio 2017.

 

Grafico bitcoin gennaio 2018
Bitcoin: crollo gennaio 2018.

 

Se accadrà lo stesso anche questa volta? Nessuno può dirlo con certezza. Ma vale la pena tenere sotto osservazione i listini, in particolare il valore del bitcoin. Capire quando raggiungerà il minimo del momento, perché quello sarà il tempo ideale per comprare bitcoin.

 

Bitcoin e Criptovalute in caduta libera?
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.