Ultime Notizie

Bitcoin futures. Così la criptovaluta entra in borsa

0 Commenti

Le criptovalute sono diventate un grosso affare e anche i traders del mercato regolato tradizionale vogliono un ruolo da protagonisti. I Bitcoin futures sono la porta d’accesso a un campo da gioco che vale 120 miliardi di dollari ed è in crescita costante. CME Group e CBOE sono le società del mercato finanziario americano che hanno progettato strumenti finanziari in grado di soddisfare la richiesta.

Grazie ai Bitcoin futures i traders potranno comprare e vendere una certa quantità di bitcoin determinata, attraverso contratti a data futura. Le regole saranno le stesse dei commodity futures e dei financial futures. Ma le regole sono al momento anche il limite, perché lo strumento derivato è al vaglio delle autorità governative americane.

Come funziona un contratto Bitcoin futures

Un contratto Bitcoin futures sarà liquidato basandosi sul CME CF Bitcoin Reference Rate (BRR), il “metro” messo a punto da CME Group e Crypto Facilities per standardizzare il prezzo del bitcoin in dollaro USA. Il “metro” è stato progettato seguendo i principi dei benchmarks finanziari IOSCO. Esso si basa sui prezzi del bitcoin praticati dagli exchange di criptovalute Bitstamp, GDAX, itBit e Kraken. Per stabilire il valore dei contratti si far riferimento alle ore 4:00 p.m. di Londra.

Il BRR è affiancato dal BRTI (CME CF Bitcoin Real Time Index), entrambe lanciati il 14 novembre 2016. Il BRTI fornisce il prezzo istantaneo del bitcoin, in riferimento al dollaro USA.

Quando saranno disponibili i Bitcoin futures?

Come accennato in apertura lo strumento derivato ha bisogno di essere approvato dalle autorità governative americane. Il CFTC è l’autorità governativa che regola il mercato americano dei futures e al momento non si è ancora espressa. Ma non bisogna dimenticare il ruolo fondamentale della SEC, l’ente federale statunitense che vigila sulle borse valori.

Le società finanziarie necessitano di alcuni requisiti per poter fornire Bitcoin futures ai clienti, devono ottenere dal CFTC una doppia autorizzazione:

  • lo status di Swap Execution Facility (SEF), necessario per poter intraprendere attività di negoziazione in borsa;
  • lo status di Derivatives Clearing Organization (DCO), necessario perché una società possa fornire i futures ai clienti.

Quali società forniranno i Bitcoin futures?

Il primo annuncio è arrivato agli inizi di agosto 2017 da parte del  Chicago Board Options Exchange (CBOE) che ha stipulato un accordo con l’exchange di bitcoin Gemini.

Il secondo annuncio è arrivato il 31 ottobre 2017 dal CME Group, la più grande società di mercato del mondo che gestisce i maggiori mercati americani: Chicago Mercantile Exchange, Chicago Board of Trade, New York Mercantile Exchange, Kansas City Board of Trade e una parte dell’indice Dow Jones.

I Bitcoin Futures sono solo l’inizio

L’approvazione dei Bitcoin futures sarà solo l’inizio. In futuro potrebbe essere possibile un fondo di scambio di Bitcoin (ETF). In realtà un tentativo c’è già stato agli inizi del 2017, ma la SEC ha respinto il tentativo di registrare l’ETF, riservandosi la possibilità di rilasciare l’autorizzazione se dovessero nascere mercati futures regolamentati.

Bitcoin futures. Così la criptovaluta entra in borsa
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.