Ultime Notizie

Bitcoin: le previsioni per il 2020

0 Commenti

Il 2008 è stato un anno cruciale per tutta la cripto comunità. Fu proprio questo l’anno in cui un programmatore sconosciuto portò a termine la creazione di un innovativo sistema decentralizzato, privando in tal modo le autorità statali di detenzione del monopolio della gestione di denaro e segnando la nascita di una nuova criptovaluta, denominata Bitcoin. Da allora la comunità internazionale monitora costantemente gli sviluppi del mercato virtuale, mentre le previsioni del Bitcoin per il 2020 interessano un gruppo di potenziali investitori sempre più vasto: ricorda che puoi sempre consultare le nostre guide e entrare già adesso nel mondo del trading online di Bitcoin.

Gli investimenti in Bitcoin si sono rivelati i più redditizi in assoluto. Esso è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni e, nonostante la recente diminuzione di valore, oggi vale più di 6.500 euro. L’andamento del Bitcoin su grafico mostra un progressivo rialzo.

 

Occasionalmente si possono sentire opinioni sul fatto che la crescita del valore di Bitcoin non è altro che una bolla che ben presto porterà i suoi investitori alla rovina, e che considerarlo come possibilità di investimento è poco ragionevole. La crescita attuale ci dimostra però che il suo limite è di gran lunga superiore ai 6.500 euro, cosa che abbiamo avuto modo di osservare personalmente nel mese di dicembre dell’anno scorso, e che questa moneta digitale è appena agli inizi di un lungo percorso di salita verso la vetta. Ma quanto sono fondate tali ipotesi?

Perché il valore del Bitcoin continua ad aumentare?

Alla creazione della criptovaluta Bitcoin è stata inserita, direttamente nell’algoritmo che ne sta alla base, una tendenza alla crescita e questa decisione, presa da Satoshi Nakamoto, è irrevocabile. È noto a tutti ormai che il numero totale delle unità di Bitcoin è limitato a 21 milioni di monete e che tale limite non può essere superato. In parole semplici, gli sviluppatori avevano previsto che la riduzione del numero di nuove monete immissibili regolarmente nel mercato avrebbe stimolato una crescita del valore di queste ultime, ed è proprio quello che sta accadendo ora.

Fin dall’inizio della sua quotazione, l’aumento di valore è proseguito in modo costante fino alla fine del 2013, quando, dopo aver raggiunto un massimo di ben 1.000 dollari, è crollato improvvisamente. La causa di questa precipitazione è stata attribuita alle attività speculative, che in realtà rappresentano una componente naturale di ogni mercato finanziario. In più, all’epoca, il prezzo fu artificialmente gonfiato e dunque il mercato, abbassando il valore della criptomoneta, non fece altro che regolare gli squilibri. L’andamento del Bitcoin dal 2015 è stato pressoché regolare.

Quanto sarà la quotazione del Bitcoin nel 2020?

Tom Lee, uno dei massimi esperti di valuta digitale di Wall Street e co-fondatore di Fundstrat Global Advisors ritiene che già alla fine di quest’anno il Bitcoin sfiorerà i 25 mila dollari.

Un altro esperto e cripto-investitore, Petros Anagnostou, fondatore dell’agenzia di consulenza Crypto Solutions e del portale informativo ICO Timeline, ritiene che il Bitcoin mostrerà un forte aumento del proprio valore, anzi eccezionale: entro la fine del 2020 possiamo aspettarci dai 50.000 ai 100.000 mila dollari per un’unità.

Daniel Harrison, il redattore del portale Coinspeaker e consulente sulla blockchain, nel 2014 ha affermato che il Bitcoin sarebbe cresciuto fino a 2.400 dollari entro la fine del 2017. La sua più recente previsione è altrettanto coraggiosa: entro il 2020, secondo la sua ipotesi, il valore del Bitcoin toccherà la soglia dei 30 mila dollari.

Ma la previsione più ardita arriva da Jameson Lopp, ingegnere, autore di molti articoli sulle criptovalute e fondatore della Satoshi.Info. Secondo Lopp, entro il 2020 il Bitcoin arriverà a costare adirittura 250 mila dollari statunitensi. Dalle sue osservazioni emerge che il Bitcoin mostra una crescita costante a partire dal 2010, e anche se ci sono stati dei crolli e qualche deviazione, la valuta si è sempre dimostrata capace di rientrare in pista. Della stessa opinione è Chris Dixon, uno dei partner della Andreessen Horowitz e grande investitore, che assicura che il valore della criptovaluta Bitcoin raggiungerà i 100 mila dollari tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020.

Mercato tradizionale e cripto mercato

Stando alla teoria, le previsioni dell’andamento del valore di Bitcoin per il 2020 sono positive nel 90% dei casi. In pratica però prevedere con certezza il valore di una moneta virtuale è difficile, anche se si parla di tempi relativamente brevi. Una cosa è certa: se i mercati azionari dovessero subire delle perdite nei prossimi mesi, i prezzi del Bitcoin come valuta alternativa potrebbe volare davvero in alto. Dunque, molto probabilmente il valore di Bitcoin continuerà a mostrare una crescita convincente tanto da attrarre sempre più investitori, perlomeno fino al 2020.

Non ti rimane che monitorare gli sviluppi del mercato e di trarre le conclusioni dalle informazioni che puoi trovare sul nostro sito.

 

 

Bitcoin: le previsioni per il 2020
4.5 (2 votes)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.