Ultime Notizie

BitGrail: Exchange italiano hackerato, 170 milioni rubati

0 Commenti

L’exchange di criptovalute italiano BitGrail ha annunciato di aver perso 17 milioni della criptovaluta Nano (XRB, precedentemente noto come RaiBlocks). Il valore attuale della perdita ammonta ad oltre 170 milioni di dollari. La società non ha usato la parola “hack” per descrivere l’incidente. L’exchage però ha riferito in una dichiarazione sul suo sito web “che i controlli interni hanno rivelato transazioni non autorizzate”.
In questo articolo verranno forniti tutti i dettagli a riguardo di questo spiacevole evento.

BitGrail

Solo chi era in possesso di Nano è affetto, ma non ci sarà un rimborso completo

Il proprietario di BitGrail Francesco “The Bomber” Firano ha detto su Twitter che l’azienda non può rimborsare completamente tutti i suoi clienti. Questo perché è attualmente in possesso di soli 4 milioni di Nano, per un valore di circa 40 milioni di dollari. Solo la criptovaluta Nano è stata persa nell’incidente e non è stata rubata nessun’altra criptovaluta. Il denaro è scomparso dai portafogli di BitGrail, dove normalmente viene immagazzinato dopo che gli utenti depositano Nano nei loro conti BitGrail.
La quantità massima possibile di questa criptovaluta che potrebbe mai entrare in circolazione è di 133 milioni di unità, quindi la perdita è superiore al 10% della disponibilità totale.

Polemiche

Nonostante la perdita di BitGrail non è in alcun modo massiccia come quella di Mt. Gox, questa situazione è comunque intrisa di polemiche.
L’evento non sarà di certo risolto rapidamente, visto che c’è una controversia tra il team BitGrail e Nano che potrebbe ostacolare gli sforzi per trovare una soluzione che permetterebbe di rimborsare gli utenti.

Firano ha accusato il team Nano su Twitter di non voler collaborare per risolvere la questione:

“I Nano su BitGrail sono stati rubati.
Sfortunatamente non c’è modo di rimborsare al 100% (Siamo in possesso di soli 4 milioni di XRN al momento).
Gli sviluppatori, come vi sareste aspettati, non vogliono collaborare.”

Il team di Nano ha risposto in un post sul proprio blog Medium:

“Dalla nostra indagine preliminare non è emersa alcuna doppia spesa nella blockchain e non abbiamo motivo di credere che la perdita sia stata causata da un problema nel protocollo Nano. I problemi sembrano essere legati al software di BitGrail.”

Il team Nano ha anche pubblicato le trascrizioni delle loro recenti conversazioni con Firano e ha dichiarato di averne informato le autorità preposte all’applicazione della legge. Anche BitGrail ha contattato le autorità poco dopo.

Il Team Nano ha scritto nella sua ultima dichiarazione:

“Abbiamo ora sufficienti motivi per credere che Firano abbia ingannato il Nano Core Team e la comunità riguardo alla solvibilità dell’exchange BitGrail da un periodo di tempo significativo.”

Su Twitter, Firano ha detto che le affermazioni di Nano non sono altro che “accuse infondate”. Ha aggiunto anche che ha riferito alla polizia che il team di Nano ha pubblicato la conversazione privata, il che potrebbe compromettere l’indagine.

Non aiuta anche che BitGrail abbia recentemente richiesto agli utenti di verificare i propri conti per poter ritirare le loro criptovalute superata una certa soglia, e alcune persone hanno riferito di essere in attesa di verifica da dicembre. Più recentemente, l’exchange ha annunciato che non avrebbe più offerto i propri servizi ad utenti al di fuori dell’unione europea a causa di complicazioni giuridiche.

Una volta le due parti erano in stretta collaborazione

Il conflitto si è verificato tra i team BitGrail e Nano, nonostante fossero noti i loro stretti rapporti, soprattutto perché BitGrail era uno dei pochi exchange che supportavano le transazioni Nano. Nano infatti pare aver in passato consigliato sul proprio profilo ufficiale twitter BitGrail come exchange.
BitGrail ha attualmente sospeso tutte le attività, in attesa di un’investigazione, promettendo anche altri annunci in futuro.

La comunità di Reddit incolpa BitGrail

Su Reddit, gli utenti di BitGrail sembrano star organizzando una azione legale collettiva. Alcuni utenti di Reddit sostengono anche di aver monitorato l’autore dell’hack, ma non verranno citate quelle discussioni perché non c’è modo di verificare che gli utenti abbiano identificato la persona giusta.

L’Exchange Binance ha affermato che stava collaborando con gli sviluppatori di Nano per congelare i conti in cui i Nano rubati sono stati depositati dopo l’hack:

“Siamo in contatto con il team di Nano (re: Bitgrail) e congeleremo i depositi dagli indirizzi identificati man mano che li riceviamo. Questo è uno dei motivi per cui chiediamo al CEO/fondatore della criptovaluta di presentare richieste di quotazione. Binance aiuterà in ogni caso in cui fosse possibile. Dobbiamo lavorare insieme per proteggere gli utenti.”

Attualmente, la maggior parte della comunità Nano sembra credere che BitGrail sia responsabile dell’accaduto, e alcuni utenti stanno esortando altri a ritirare i loro fondi prima che sia troppo tardi.

Nano è attualmente è la 23° criptovaluta di maggior valore in base al capitale di mercato totale e vale 10$ per unità. Il prezzo è sceso del 5% dopo l’annuncio della hack.

Conclusione

BitGrail è il secondo exchange che quest’anno ha perso una massiccia quantità di denaro, e siamo ancora solo a febbraio, dopo che Coincheck (un exchange di Tokio) ha perso tra i 400 e i 534 milioni di dollari in criptovalute per via di un attacco informatico ai suoi portafogli collegati a Internet nel mese di gennaio.
Tuttavia, a differenza di Coincheck, che ha promesso di restituire i soldi agli utenti, il fondatore di BitGrail Francesco “The Bomber” Firano ha annunciato su Twitter che non c’ è modo di rimborsare la totalità di ciò che gli utenti hanno perso.

Insomma, per chi era in possesso di Nano sul suddetto exchange la situazione di certo non è rosea. Quasi sicuramente sentiremo parlare ancora di questo evento che ci ricorda quanto sia importante scegliere un exchange affidabile come quelli raccomandati sul nostro sito.

BitGrail: Exchange italiano hackerato, 170 milioni rubati
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.