Home > News > Cashaa lancerà una società di criptovalute in India

Cashaa lancerà una società di criptovalute in India

La società bancaria, denominata Unicas, mira ad espandersi a 100 filiali entro il prossimo anno

Cashaa, una società fintech con sede nel Regno Unito, sta collaborando con l’indiana United Multistate Credit Cooperative Society per lanciare Unicase, una società bancaria crypto-centrica. I piani iniziali includono l’apertura di 34 filiali nel nord dell’India, con ulteriori progetti di espansione a 100 filiali entro il prossimo anno.

Poiché l’economia indiana è guidata principalmente dal risparmio, Unicas sta anche lavorando per offrire conti di risparmio crypto che pagano interessi sulla criptovaluta depositata. Ciò ha il potenziale per fungere da ponte per le società di credito cooperativo in India per interagire con il mercato delle criptovalute.

Nel complesso, l’industria delle criptovalute in India ha registrato una crescita massiccia sia dei volumi che dei nuovi clienti da quando la Corte Suprema del paese ha abrogato un divieto di due anni che impediva alle banche di offrire i propri servizi agli scambi di criptovaluta nel marzo 2020. Il fondatore della criptovaluta indiana exchange WazirX, Nischal Shetty, ha detto a Cointelegraph che questa crescita è stata resa possibile dalla combinazione dell’abrogazione e della pandemia.

“L’ecosistema crypto indiano è cresciuto enormemente da quando la Corte Suprema ha revocato il divieto bancario sulle criptovalute in India. […] Il verdetto positivo è stato immediatamente seguito da un blocco a causa della pandemia COVID-19. Questo periodo ha anche dato alle persone più tempo a disposizione per comprendere le criptovalute e parteciparvi”.

Ashu Swami, il Chief Technology Officer del fornitore di soluzioni e liquidità crypto con sede a New York, Apifiny, ritiene che questa crescita sia causata dalla crescente evidenza che Bitcoin (BTC) è davvero un rifugio sicuro e contribuirà anche alla facilità di portare all’interno del paese rimesse con criptovalute.

Swami ha sottolineato che altre risorse hanno i loro svantaggi unici a cui si può ovviare con l’adozione di criptovalute.

“L’INR è stato altamente volatile, essendosi deprezzato di oltre l’80% rispetto all’USD nell’ultimo decennio. L’oro è molto difficile da scambiare e ha costi di transazione elevati; il settore immobiliare è in crisi dalla demonetizzazione del 2016, e le azioni sono arrivate a valutazioni record per cui molti ritengono che sia prevista una correzione in qualsiasi momento”, ha spiegato.

Questo ambiente ha incanalato gli utenti verso le criptovalute, e quest’anno tutti i principali scambi internazionali di criptovalute hanno registrato un aumento del traffico da cinque a dieci volte da parte degli utenti in India.

Anche gli scambi di criptovaluta locali nel paese hanno registrato un aumento di dieci volte delle registrazioni dall’abrogazione del divieto, che è due volte e mezzo la media globale del 400% di crescita anno su anno.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.