Il CDD Vende Visti per Criptovalute per Finanziare una Rivolta

I dissidenti politici noti come Cheollima Civil Defense (CCD) stanno vendendo speciali “visti blockchain post-liberazione” per criptovalute nel tentativo di raccogliere fondi per rovesciare Kim Jong-un. Hanno già raccolto oltre 57.000 dollari in Bitcoin.

north corea
akedesign | Shutterstock

Proprio come i visti riconosciuti a livello internazionale, il CCD dice che permetterà a chiunque acquisti un visto Free Joseon Genesis Visa (G-VISA) di visitare la Corea del Nord una volta che verrà “liberata”, riporta South China Morning Post.

Il gruppo insiste che creerà 200.000 token non fungibili basati su Ethereum (ERC-721) che rappresentano i G-VISA, venduti per 1 Ethereum $ETH 0.71% ($137) ciascuno. Al momento della pubblicazione dell’articolo, sette G-VISA sono stati rilasciati a cinque indirizzi.

CCD è stato propagandato come un potenziale sospetto nel presunto “raid” del mese scorso su un’ambasciata di Pyongyang a Madrid, che ha visto oggetti rubati e membri del personale attaccato, ha osservato CNN.

Un altro nome per l’equipaggio è “Free Joseon”, un riferimento al regno di Joseon che alla fine del XIX secolo è stato sostituito dall’impero coreano.

L’uso la blockchain di Ethereum per finanziare una rivoluzione
I G-VISA viene dotato di dieci regole. Tra queste c’è una data di scadenza (1° marzo 2029). I G-VISA sono validi per una sola visita per un massimo di 45 giorni. L'”importo del contributo” e il proprietario rimarrà anonimo, senza che siano stati raccolti o richiesti dati personali.

Le registrazioni di gruppo (oltre 100), o coloro che intendono avviare attività commerciali a Free Joseon (di nuovo, una volta liberato) sono invitati a contattare direttamente CCD.

Restrizioni doganali e misure anti speculazione

CCD avverte inoltre i G-VISA seguiranno le pertinenti “restrizioni doganali e portuali di ingresso”, e viene detto agli speculatori di stare lontano da eventuali mercati sotterranei che possano sorgere.

“La proprietà di uno o più G-VISA dovrebbe essere considerata un contributo al movimento e non dovrebbe essere utilizzata a fini speculativi o fiduciari”, afferma il CCD.

Il CCD elenca gli indirizzi Bitcoin ed Ethereum da utilizzare come metodo per effettuare ulteriori donazioni (i G-VISA non saranno venduti fino al 24 marzo, ore 12:00PM UTC). Attualmente, l’indirizzo Bitcoin ha ricevuto 14,24 BTC (57.000 dollari), con transazioni che risalgono al 2017. L’indirizzo Ethereum è vuoto, senza cronologia delle transazioni.

Un regime rigido

Si tratta di un affare serio, nonostante i goofy tokens
Il sito del CCD mostra una lettera aperta ai media di tutto il mondo, una in coreano e una in inglese. Implora la moderazione dei giornalisti internazionali nel pubblicare informazioni identificative sui suoi membri, soprattutto per ridurre al minimo il rischio rappresentato dagli operatori governativi.

“L’identificazione anche di un solo membro potrebbe portare all’identità di altri. Molti di noi sono già sfuggiti ai loro tentativi sulla nostra vita e su quella delle nostre famiglie”, si legge in una dichiarazione. “Molti dei nostri compatrioti e dei loro parenti non sono stati così fortunati. E ogni superstite nei campi di concentramento sarebbe sicuramente condannato a morte se venisse resa nota l’identità dei suoi familiari come dissidenti”.

Fonti dei media spagnoli hanno dettagliato come i presunti aggressori hanno legato i membri del personale dell’ambasciata di Pyongyang a Madrid con la corda, hanno rubato una varietà di oggetti, e poi sono fuggiti in veicoli di lusso, appena poche settimane fa. La questione è ancora sotto inchiesta, e le autorità internazionali devono ancora rivelare formalmente i potenziali sospetti, ma la CNN riferisce che una fonte governativa americana ha confermato che il CCD era un sospetto.

CCD ha attirato l’attenzione sulla scia dell’assassinio, nel 2017, di Kim Jong Nam (il fratellastro maggiore di Kim Jong Un) in un aeroporto di Kuala Lumpur. Suo figlio è poi apparso in un video CCD per rassicurare il pubblico della sua sicurezza.

Le autorità statunitensi, malesi e sudcoreane hanno ritenuto Pyongyang responsabile della morte del Nam, un’affermazione che la Corea del Nord ha continuato a negare.

Il sito del CCD prega il pubblico internazionale di non dimenticare il tipo di “regime spietato” sotto il quale vive. Rafforza il fatto che la Corea del Nord attualmente non consente la stampa indipendente tra i propri cittadini.

“Non hanno rispetto per le norme internazionali”, ha spiegato una lettera. “La lotta che stiamo portando avanti con il regime in carica non è una corsa politica tra pari, ma quella di un piccolo gruppo rivoluzionario che combatte e resiste con le nostre vite in gioco, contro un regime totalitario che mantiene i campi di concentramento, tiene il suo popolo schiavo e uccide regolarmente i suoi oppositori e le loro famiglie”.

Questa non è l’unica notizia inerente a pagamenti in criptovalute. Infatti recentemente Avnet, il gigante della tecnologia, accetta pagamenti in criptovalute mediante Bitpay.