Chainalysis contesta l’uso delle criptovalute per il finanziamento del terrorismo

Lo studio esamina diverse notizie recenti che collegano i terroristi alle criptovalute.

Bitcoin e terroristi
Chainalysis si concentra sull’identificazione del riciclaggio di denaro sporco, delle frodi e delle violazioni della conformità nel settore delle criptovalute.

La società di analisi Blockchain, Chainalysis, ha negato le recenti accuse riguardanti la possibilità che le organizzazioni terroristiche usino le criptovalute per occultare i loro fondi.

Un documento pubblicato da The Counter Extremism Project ha fornito dettagli su come le criptomonete fossero una valida opzione per nascondere le donazioni.

Il direttore del Counter Extremism Project, Hans-Jakob Schindler, crede che esso potrebbe essere “il meccanismo di conservazione ideale fino a che sarà necessario.”

Lo studio riporta che immagazzinare soldi lì, li avrebbe resi “non identificabili e non sequestrabili da parte dei governi“

Nonostante le accuse siano di natura speculativa, diversi importanti media hanno colto l’occasione per pubblicare le notizie con titoli sensazionali.

In un blog post successivo, Chainalysis ha smentito queste affermazioni sottolineando che se le organizzazioni terroristiche avessero incanalato i proventi derivanti dal petrolio nel bitcoin, “il volume di scambi degli exchange regionali e delle imprese di servizi finanziari avrebbero rispecchiato il flusso di denaro.”

Chainalysis ha anche messo in discussione gli studi relativi alla campagna di raccolta fondi per il terrorismo denominata Popular Resistance Campaign’s (PRC). Le notizie che circolano in rete dicono che il PRC sarebbe riuscito a usare Cash4PS per raccogliere fondi da Gaza in valute digitali grazie al fatto che uno dei gestori del sito avrebbe connessioni con Hamas.

“Non stiamo difendendo Cash4PS, ma chiarendo i fatti. Non sappiamo esattamente quanti soldi, se ce ne sono, sono stati raccolti da PRC attraverso Cash4PS. Se ne sono stati raccolti, sono meno di 23,8 milioni di dollari.”

Chainalysis ha mostrato un disclaimer in cui ha scritto che, sebbeneil PRC non è stato dichiarato come gruppo terroristico dal Dipartimento di stato o dal Dipartimento del tesoro degli USA, le notizie di stampa indicano che le loro possono essere associate ad attività terroristiche.

Un altro studio sulle criptovalute è stato pubblicato quest’anno ed ha evidenziato l’uso del bitcoin per facilitare un bombardamento sullo Sri Lanka la domenica di Pasqua. Tuttavia, Chainalysis ha risposto che i media hanno “amplificato le scoperto dello studio.”

“La nostra analisi suggerisce che questi risultati sono probabilmente errati e che sia la transazione di 10mila USD che l’aumento del saldo di 4 milioni di USD erano semplicemente transazioni interne che sono la prassi standard per un processore di pagamento come CoinPayments.”

Nonostante la loro posizione contro tali studi, Chainalysis non è contro la possibilità che le organizzazioni terroristiche usino le valute digitali per raccogliere e nascondere i propri fondi. Il loro rapporto ha messo in evidenza che la maggior parte delle campagne di finanziamento del terrorismo hanno raccolto meno di 10mila USD, indicando che c’è una limitata adozione delle criptovalute all’interno di tali circoli criminali.