Ultime Notizie

5 profili di persone che dovrebbero assolutamente comprare bitcoin

0 Comments

Chi acquista bitcoin? Esiste un profilo di persona con caratteristiche distintive che fa questo tipo di investimento? La domanda circola da anni e nel 2015 una ricerca aveva individuato quattro profili principali: libertari, speculatori, programmatori di computer e criminali. Ci domandiamo se, alla luce di quanto accaduto in questi anni, i profili delineati dalla ricerca abbiano ancora senso oppure no. A giudicare dai profili di utenti che oggi frequentano i gruppi Facebook dedicati alle criptovalute, possiamo affermare che no, non corrispondono affatto.

Quali sono allora i 5 profili di persone che dovrebbero comprare bitcoin in questo momento? Ecco la lista completa.

5 profili

I Millennials preferiscono Bitcoin

Secondo un’indagine della Blockchain Capital pubblicata a dicembre 2017, l’80% dei millennials americani, su 2.000 intervistati, si trovano a loro agio con le criptovalute e le app wallet.

I millennials preferiscono acquistare bitcoin come forma di investimento, invece di comprare titoli azionari o di stato. Sarà forse possibile immaginare che in futuro le nuove generazioni possederanno solo criptovalute? Forse no, ma che vogliano usare la carta di credito per acquistare bitcoin questo sì.

Gli uomini lo hanno provato più delle donne

A gennaio 2018 una ricerca dei SurveyMonkey e del Global Blockchain Business Council, condotta su 5.700 adulti, ha rivelato che il 71% di quanti posseggono bitcoin sono uomini e solo per il 29% si tratta di investitori del gentil sesso.

Sarebbe interessante capire perché le donne non sono particolarmente attratte da questo tipo di business, dal momento che la loro presenza nel mondo del trading finanziario e degli investimenti in generale è in forte crescita, così come sono alte le competenze delle donne in ambito informatico. Potrebbe essere questa l’opportunità di seguire la guida all’acquisto di bitcoin con carta di debito e sovvertire i risultati della ricerca.

I delusi dalle banche

Ci sono poi altri tipi di persone non classificabili secondo l’età e il sesso che dovrebbero provare almeno una volta nella vita ad acquistare bitcoin: i delusi dalle banche. In Italia sono un numero crescente e il caso della banca Carige, riportato pochi giorni fa da Il Sole 24 Ore, è solo l’ultimo che si aggiunge alla lista.

Costoro già usano sistemi di gestione del denaro alternativi come gli e-wallet, per loro può essere semplice utilizzare PayPal per comprare bitcoin.

I propensi al rischio

Tra i profili di persone che dovrebbero provare l’investimento in bitcoin ci sono i propensi al rischio, ovvero le persone che sanno bene fin dove spingersi, consapevoli dei rischi a cui potrebbero sottoporre il loro capitale se si espongono troppo nel settore delle criptovalute. A tal proposito è utile leggere una guida agli strumenti finanziari per comprenderne le differenze di base.

Il futuro è digitale

Chi crede che il futuro sia digitale è propenso a riporre la propria fiducia nei digital asset. Quest’ultimo profilo di persone presentato dovrebbe comprare bitcoin e magari pensare alle monete matematiche non solo come un investimento a breve termine, ma come uno dei modi per investire nella pensione di domani. Esistono già i primi fondi internazionali nati per soddisfare questa richiesta specifica.

Se vi rivedete in uno di questi profili, continuate ad informarvi e trovate l’opzione d’investimento in bitcoin che più vi si addice.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.