Coinbase definisce Apple “ostile” alle criptovalute

Brian Armstrong ha notato come le rigide politiche di Apple per le applicazioni sul suo App Store abbiano reso difficile il successo delle criptovalute

Immagine di un Apple Store
Il gigante della tecnologia alle applicazioni ha approcciato diversi settori nel modo sbagliato, comprese le società di giochi e criptovaluta

Apple è stata denunciata per le sue politiche restrittive nei confronti delle criptovalute e di altre applicazioni sul suo App Store.

La società è stata precedentemente criticata da altri dirigenti del settore a causa delle sue politiche vaghe e laboriose per le app di terze parti che cercano di essere elencate, in particolare nei suoi termini di servizio che alcuni sostengono limitano la libertà degli sviluppatori.

Francisco Tolamsky, che in precedenza faceva parte del team originale di Apple iPhone e sviluppatore di software, ha sottolineato che le regole iOS dell’azienda non avrebbero nemmeno consentito l’invenzione del browser web.

“Lasciamo assimilare la cosa. Avrebbero rifiutato una delle innovazioni tecniche più importanti nella storia dell’informatica. La tattica prepotente di Microsoft di rendere IE gratuito sembra bizzarra in confronto “, ha twittato Tolmasky.

Per dare seguito al tweet, l’investitore e inventore Paul Graham ha risposto chiedendo quali difficoltà il verso Twitter riteneva avrebbe dovuto affrontare a causa delle politiche di Apple. Brain Armstrong di Coinbase non ha tirato pugni quando ha risposto che i paralleli moderni indicherebbero che la società sta frenando lo sviluppo della criptovaluta in modo simile.

“Apple è stata molto restrittiva e ostile alla criptovaluta nel corso degli anni. Al momento stanno ancora bloccando alcune funzionalità, inclusa la possibilità di guadagnare denaro con la criptovaluta completando attività e browser di app senza restrizioni “. Ha risposto Armstrong.

Questo non è il primo alterco tra Coinbase e Apple. Nel dicembre 2019, la società è stata costretta a rimuovere la funzionalità del browser dApp dalla sua app di punta Coinbase Wallet, perché andava contro le politiche dell’App Store.

L’industria delle criptovalute non è l’unico settore interessato dall’approccio di Apple. È anche attualmente nel mezzo di una battaglia legale dopo aver rimosso il videogioco Fortnite dal suo App Store. Lo sviluppatore dell’app, Epic Games, aveva lanciato un meccanismo che consentiva ai giocatori di pagare direttamente gli acquisti in-game. Ciò ha portato via il taglio del 30% che Apple ha preso dal precedente metodo di pagamento.

Epic Games ha ora intentato una causa antitrust contro Apple e Google, accusando le due società di avere un comportamento monopolistico.

“Queste innovazioni potrebbero includere, ad esempio, mezzi alternativi per pagare gli acquisti in-app di contenuti in-app – che Apple non offre – come la fatturazione al gestore di telefonia mobile del cliente, l’utilizzo di Bitcoin o altre criptovalute, l’offerta di punti premio ai clienti , o fornendo più di un processore di pagamento in-app “, ha spiegato la causa legale, indicando chiaramente l’idea che le criptovalute utilizzate come metodo di pagamento siano qualcosa contro cui Apple è contraria.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading