Ultime Notizie

Coindash: restuituiti altri 20.000 ether da un hacker

0 Commenti

Coindash ha annunciato che 20.000 ETH sono stati inviati al portafoglio della società dall’indirizzo associato con l’hacker che ha rubato circa 37.000 ETH durante l’ICO della società l’anno scorso. L’operazione costituisce il secondo caso in cui l’hacker ha restituito fondi a Coindash. A seguire tutti i dettagli di questa inaspettata ed insolita evenienza.
coindash

I dettagli

Il 23 febbraio, Coindash ha annunciato per mezzo del suo blog che 20.000 ETH sono stati trasferiti al portafoglio dell’azienda alle 1:01 GMT+1. Nel luglio dello scorso anno, l’hacker ha modificato l’indirizzo del deposito visualizzato su Coindash, procurandosi così circa 37.000 ETH da parte dei partecipanti all’ICO, all’epoca valutati a circa 10 milioni di dollari USA. I 20.000 ETH restituiti a Coindash valgono attualmente circa 17 milioni di dollari.

Questa è la seconda volta che l’hacker ha restituito fondi a Coindash, dato che il 19 settembre 2017 10.000 ETH sono stati inviati a uno dei portafogli Ethereum di Coindash, pari a circa 3 milioni di dollari.

I fondi restituiti hanno un valore superiore a quelli che sono stati rubati

Ironia della sorte, l’hack subito da Coindash lo scorso anno, descritto come “un evento dannoso sia per i nostri contributori che per la nostra azienda”, ora sembra essere stato responsabile per la società causa di un significativo aumento di capitale in dollari. A seguito dell’operazione più recente, il controvalore combinato in dollari dei 30.000 ETH restituiti al momento della rispettiva esecuzione equivale a circa 20 milioni di dollari, ovvero il doppio del controvalore dell’ETH rubato al momento del furto.

Le autorità israeliane sono state avvertite della transazione

Il blog di Coindash afferma che l’azienda “ha notificato la Counter Cyber Terrorist Unit israeliana” a riguardo della transazione, e che “l’indirizzo Ethereum dell’hacker continuerà ad essere monitorato per qualsiasi attività sospetta”.

Il CEO di Coindash, Alon Muroch, ha rilasciato una dichiarazione per quanto riguarda la notizia, affermando:

“Similmente all’hackeraggio stesso, le azioni dell’hacker non ci impediranno di realizzare la nostra visione. Il lancio del prodotto Coindash avrà luogo la prossima settimana come originariamente previsto. Il lancio del prodotto Coindash è attualmente previsto per il 27 febbraio.”

“Non siamo stati contattati dall’hacker, o da chiunque abbia a che fare con l’hacker… Un hacker ruba una quantità incredibile di soldi e dal nulla ne restituisce parte. È davvero incredibile, questo settore.”

Conclusione

La transazione in questione di certo lascia numerosi interrogativi. L’immissione nel mercato di questi fondi non è di entità sufficiente per influire negativamente sul valore dell’ETH. In compenso, però, sicuramente è sufficiente ad aumentare notevolmente le disponibilità finanziarie di un’azienda che a sua volta potrebbe potenzialmente influire positivamente sul mercato. Invece è di certo un’ottima notizia per chi ha investito nell’ICO di Dashcoin.

Coindash: restuituiti altri 20.000 ether da un hacker
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.