Cosa Succede a Bitcoin Se i Minatori si Danno all’Acquisto?

Con l’incombente dilemma di maggio che si avvicina, tra prezzi bassi causati dal COVID-19, i minatori hanno maggiori probabilità di acquistare Bitcoin piuttosto che mettere in circolazione più monete.

Una lotta da minatore
Il mining di bitcoin non offre più un profitto tale da giustificare enormi team e conglomerati di mining.

Il recente calo storico di Bitcoin ha reso il mining della valuta più costoso rispetto all’acquisto, il che potrebbe avere gravi ripercussioni sulla sicurezza sottostante alla sua rete e suscitare incertezza sul futuro dell’asset.

L’intero mercato delle criptovalute continua a risentire della recente pandemia. Man mano che più paesi decidono di mettersi in lockdown in tutto il mondo, il panico che ne deriva ha provocato una vendita di massa, facendo crollare il prezzo del Bitcoin a livelli storici e rendendo la produzione mineraria più costosa dell’acquisto del token.

La sicurezza di base della blockchain di bitcoin è regolata da un protocollo di consenso Proof-of-Work. Questo è un sistema in cui i minatori risolvono problemi matematici avanzati al fine di proteggere la rete, e a loro volta vengono premiati con BTC.

Il mining di Bitcoin non è solo una questione di accendere il computer e guardare i token in arrivo. È un’arena fortemente competitiva, in cui il costo del consumo di energia e delle apparecchiature è elevato. I problemi recenti che tutti i mercati stanno vivendo indicano che i minatori faranno fatica a trarre profitto dai loro sforzi e questi partecipanti affronteranno ancora maggiori difficoltà quando si verificherà l’halvening quest’estate.

Bitcoin è basato su un modello deflazionistico, con la sua offerta massima già dichiarata. La deflazione si ottiene dimezzando la ricompensa dei token assegnati ai minatori ogni 210.000 blocchi e il prossimo traguardo è proprio dietro l’angolo. Quando ciò si verifica, la ricompensa in token della criptovaluta originale scenderà da 12,5 a 6,25 monete; il costo dell’estrazione raddoppierà durante la notte.

Tuttavia, c’è un risvolto positivo:

Man mano che le piattaforme di estrazione iniziano a chiudersi a causa della bassa redditività, la difficoltà di estrazione diminuirà e il costo con essa. Non solo, ma man mano che i minatori diventano acquirenti, verrà posta una forte domanda su Bitcoin che ne farebbe apprezzare il valore. Combina questi fattori con la probabilità che gli impazienti tori si stiano preparando ad agire, e potremmo vedere il prezzo del Bitcoin aumentare vertiginosamente tanto quanto è sceso.

Affinché ciò accada, tuttavia, i mercati globali devono prima stabilizzarsi, e ciò dipende interamente dalla soppressione e mitigazione della diffusione del coronavirus.