CRA richiede la consegna forzata dei dettagli del cliente da Coinsquare

La CRA ha dichiarato di voler utilizzare i documenti per eliminare le frodi fiscali

Una foto dell’insegna esterna della Canadian Revenue Agency
Il CRA può utilizzare queste informazioni per cercare operatori che non hanno pagato le tasse

La Canadian Revenue Agency (CRA) ha chiesto a un giudice di ordinare all’exchange di criptovalute Coinsquare con sede a Toronto di inviare informazioni su tutti i suoi clienti. Questa mossa ricorda le azioni dell’IRS negli Stati Uniti.

La CRA ha affermato che queste informazioni sono necessarie per aiutarla a combattere la frode fiscale e la creazione di un’economia sommersa.

Lo scorso settembre, in un deposito al tribunale federale, il CRA aveva chiesto a un giudice di far consegnare le informazioni alla società. Le informazioni in questione riguardavano documenti sui clienti risalenti alla creazione dell’azienda nel 2013.

L’agenzia ha affermato che la frode fiscale era una delle principali preoccupazioni, tra le altre, e il National Post ha spiegato che non ci sono dettagli sufficienti per determinare il piano del CRA nel suo complesso. Tuttavia, il giornale nazionale canadese ha ipotizzato che il CRA avrebbe utilizzato questi documenti per confrontare le dichiarazioni dei redditi passate, presentate dai clienti, con i dettagli delle transazioni menzionati nei documenti di Coinsquare.

Il deposito è il primo del suo genere in Canada.

Ci sono anche speculazioni che questa indagine potrebbe non essere l’ultima. David Piccolo, un avvocato tributario canadese, ha aggiunto che il CRA potrebbe eseguire audit con questi documenti in futuro. Se una persona o un’organizzazione, che è sotto inchiesta, non appare sui documenti dell’azienda, l’indagine non potrebbe volgersi al termine.

“Il CRA potrebbe utilizzare queste informazioni per provare essenzialmente a verificare o ad abbinare determinate transazioni a quanto riportato nei documenti fiscali canadesi. Quindi CRA esegue la valutazione interna dei rischi [per determinare] se vale la pena perseguirli nell’audit ”, ha affermato.

L’agenzia di rating del credito non ha rivelato se questa verifica dei clienti di Coinsquare fosse correlata ad altre attività recenti.

All’inizio di quest’anno, l’Ontario Securities Commission ha imposto all’azienda 2,2 milioni di dollari canadesi (circa 155 milioni di dollari americani) in sanzioni e costi dopo che le informazioni di un informatore hanno mostrato che sulla piattaforma si stavano verificando scambi falsi. Dopo che Coinsquare ha licenziato l’informatore, la società ha tentato di insabbiare il problema.

Si ipotizza che il CRA potrebbe anche utilizzare questa sonda per dare l’esempio ad altri trader che stanno cercando di evitare le tasse con l’uso della criptovaluta. Potrebbe anche servire come avvertimento per i criminali che stanno pianificando di utilizzare la criptovaluta nei mercati sotterranei.

L’amministratore delegato di Coinsquare, Stacy Hosiak, ha difeso la legalità della loro attività.

“Coinsquare mantiene un solido processo di verifica dei clienti e comprendiamo che i nostri clienti rispettano tutte le leggi canadesi applicabili relative alle loro attività di trading di criptovaluta”, ha affermato Hosiak.