Dietro il crypto exchange indiano Unocoin c’è un investitore americano

Unocoin si considera il primo crypto exchange dell’India

Foto del sito web di Unocoin
Unocoin ha colto l’opportunità di operare dopo che la RBI ha abrogato il divieto di fare trading con le criptovalute a inizio 2020

Tim Draper, il miliardario americano, ha annunciato la sua decisione di investire nella società indiana Unocoin, dedita al trading delle criptovalute.

Unocoin, che si considera il primo crypto exchange del paese, pianifica l’aggiornamento delle sue offerte dopo che la Reserve Bank of India (RBI) ha abrogato il divieto nazionale di trading con le criptomonete.

Sathvik Vishwanath, il CEO di Unocoin, ha sottolineato la crescita astronomica dell’industria emergente nei mesi successivi alla caduta del divieto.

“Abbiamo assistito a un drammatico aumento dell’adozione delle criptomonete in India a seguito dell’abolizione del divieto imposto dalla Reserve Bank of India emanato nel 2018. Le crescita della clientela è di oltre 10 volte nel solo mese in cui è stato annunciato il verdetto dalla Corte Suprema, accompagnato da un aumento di cinque volte del volume di scambio nei mesi successivi”, ha spiegato Vishwanath.

La Tim Draper Draper e Associati, con la partecipazione di XBTO Ventures e 2020 Ventures, ha guidato il round da 5 milioni di dollari, e ha portato la valutazione del crypto exchange a 20 milioni di dollari.

Il piccolo crypto exchange ha già una idea di dove saranno incanalati i loro finanziamenti. Pianifica di usare i fondi per migliorare le operazioni, organizzare un team tecnologico più qualificato e aggiornare la sua offerta di prodotti.

“I finanziamenti ci aiuteranno a scalare ulteriormente il nostro business e ci daranno una solida base finanziaria per ampliare l’offerta della nostra piattaforma. Raddoppieremo gli sforzi per migliorare le caratteristiche e l’offerta dei nostri prodotti, i quali miglioreranno l’usabilità e la funzionalità complessiva per i nostri clienti.”

Draper è una delle personalità più importanti della Silicon Valley. Egli è l’imprenditore miliardario che ha investito in diversi giganti della tecnologia come Twitter, Skype, Tesla e SpaceX. Draper è responsabile della nota Draper University rivolta agli imprenditori.

Recentemente ha espresso il suo favore per la collaborazione con Unocoin.

“Siamo così entusiasti che ‘le stelle si sono allineate’ e abbiamo potuto finalmente sostenere Unocoin. Ogni indiano dovrebbe avere un conto bitcoin con Unocoin. È un ottimo modo per fare affari con una valuta che non si svaluta nel tempo”, ha spiegato.

Draper ha altri contatti con le imprese indiane. La società di venture capitalist (VC), Blume Ventures, aveva un contratto con la Draper Venture Network.

L’altra società di VC di Draper, la Draper Fisher Jurvetson, precedentemente aveva un braccio indiano che aveva investito in Reva, Cleartrip, e altre società. Poi ha venduto il portafoglio alla NewQuest Capital Partners, società con sede ad Hong Kong, ed ha abbandonato il paese nel 2016.