Diminuire la difficoltà di mining stabilizzerà la rete di Bitcoin

Il secondo calo più grande nella difficoltà di mining di Bitcoin si è verificato oggi di circa il 16%. La difficoltà di estrazione è impostata per adeguarsi ogni 2.016 blocchi e dovrebbe servire a stabilizzare la rete e aumentare la redditività per l’estrazione della moneta.

Man mano che la difficoltà di estrazione diminuisce, un tentativo di rigenerazione può cominciare.

Il recente crollo del prezzo di Bitcoin, che si è verificato il 13 marzo, ha a sua volta ridotto la potenza di elaborazione della rete (tasso di hash). Ciò indicherebbe che alcuni minatori hanno abbandonato la gara del  mettere in circolazione nuove monete, dato che è diventato più economico acquistare semplicemente BTC.

Un calo del genere non si è verificato da quando i minatori hanno iniziato a utilizzare i circuiti integrati specifici dell’applicazione (ASIC) per produrre la valuta nel 2013. Gli ASIC sono computer estremamente potenti, progettati per realizzare un unico scopo: estrarre Bitcoin.

La difficoltà di mining è indicativa della competizione globale per il mining di Bitcoin. Si riferisce all’energia e al tempo necessari per convalidare le transazioni. È un meccanismo autosufficiente e il recente calo dovrebbe incoraggiare una maggiore partecipazione per proteggere la rete.

La società mineraria britannica Argo Blockchain ha recentemente acquistato 500 impianti Antminer S17 e spera di aumentare il numero dei loro minatori di 10.000 prima della fine del primo trimestre del 2020. Le macchine sono state acquistate online dal gigante minerario Bitmain, che ha in programma di espandere le proprie operazioni in Texas nel corso dell’anno.

Le preoccupazioni che il crollo durante la notte di Bitcoin, potrebbe avere ramificazioni sulla sicurezza della rete, sembrano essere state mal fondate. Come previsto, sembra che molti minatori abbiano spento le loro piattaforme poiché il costo di produzione ha superato il prezzo della moneta, ma questo ha aperto le porte solo ai nuovi giocatori per entrare nell’arena.

In concomitanza con l’attesissima attesa di maggio, potremmo essere sull’orlo di una stagione molto rialzista.