Elon Musk prende posizione sulle criptovalute

Dopo diversi anni di commenti misteriosi sulle criptovalute e la sua posizione su di esse, Elon Musk è uscito allo scoperto con alcune dichiarazioni inequivocabili.

Durante il podcast di Third Row Tesla dove era ospite, Elon ha affermato di non essere “né a favore, né contro Bitcoin” e in seguito ha aggiunto di non credere che la community Bitcoin sarebbe stata contenta di alcune sue riflessioni sul tema. Questo perché la sua convinzione è che le criptovalute possono essere troppo facilmente usate per le transazioni illegali:

“Devi avere un ponte tra il lecito e l’illecito. Quindi, io vedo la criptovaluta come un sostituto del denaro. Non vedo le criptovalute come un database primario [per le transazioni]”.

Elon non sta dicendo che la criptovaluta è cattiva, ma che può essere usata per cose illegali allo stesso modo in cui si usa il denaro fiat, per questo motivo, non è un valido miglioramento rispetto al denaro contante.

Poco chiaro fino a ora

Negli ultimi mesi Elon Musk ha twittato più volte riguardo le criptovalute (o alludendo a esse). In uno dei tweet si può leggere: “Bitcoin non è la mia parola sicura”. E poi ha scritto anche: “Criptovaluta è la mia parola sicura”.

Musk è noto per le sue battute fatte per autocompiacersi, quindi non tutto deve essere preso in parola. Tuttavia, i suoi commenti sono diventati da allora più chiari.

Da notare che la storia di Musk è in realtà molto legata alla visione originale di Bitcoin. Musk ha fondato una società che si chiamava x.com, che in seguito si è fusa con paypal.com. L’obiettivo di x.com era di sostituire l’attuale sistema di pagamento degli USA (e infine del mondo), il che avrebbe comportato l’emissione di una valuta migliore. Nel podcast Musk afferma:

“Se PayPal avesse seguito il mio piano iniziale, penso che sarebbe probabilmente la società più ricca al mondo”.

Ad un certo punto dello sviluppo dell’azienda si è ritenuto impossibile concentrarsi sulla creazione di una nuova valuta e PayPal ha focalizzato gli sforzi sui pagamenti. Tuttavia, questa informazione dovrebbe essere tenuta in considerazione da quanti credono che la tecnologia finanziaria sia fuori dal suo campo di pertinenza. In realtà pensava a queste cose da molto tempo.

È interessante notare come Musk fa presente che i suoi commenti possono offendere alcune persone. Egli è consapevole del modo in cui le persone reagiscono ai suoi pensieri e impiega un po’ di tempo a elaborarli. I massimalisti di Bitcoin che acquistano solo bitcoin, dovrebbero apprezzare il fatto che egli vede il white paper di Satoshi come “molto intelligente”, ma non si divertono quando lui enfatizza il fatto che il bitcoin fa da ponte tra legalità e illegalità.

Anche se l’opinione di una celebrità non dovrebbe essere necessariamente considerata una notizia, è bene sapere che Musk è prima di tutto un tecnologo e la sua lettura della realtà è qualcosa che molti potenziali adottandi delle crypto potrebbero leggere prima di agire.