Ultime Notizie

EOS: Aggiornamento Dawn 4.0, rilascio completo a giugno

0 Commenti

Il direttore tecnico di Block.one, Daniel Larimer, ha annunciato il rilascio di EOSIO Dawn 4.0. Questa è l’ultima versione dell’architettura della piattaforma EOS per le applicazioni decentralizzate (DApp). L’aggiornamento include una serie di modifiche in preparazione per il lancio completo di EOSIO 1.0 in programma per giugno.

I dettagli

Block.one è un produttore di software open source che attualmente lavora su EOSIO, un sistema operativo decentralizzato progettato per applicazioni su scala industriale. Secondo i dati di Coinmarketcap, EOS, il token ERC20 sulla blockchain di Ethereum utilizzato per raccogliere fondi per la piattaforma EOSIO, è attualmente il quinto in ordine di capitale di mercato totale di tutte le criptovalute. Abbiamo già trattato in passato di quanto sia ampio il potenziale di questa piattaforma. Infatti abbiamo trattato di come EOS potrebbe rivelarsi il miglior investimento a lungo termine. Ben più degno di nota è però come l’aggiornamento EOSIO Dawn 3.0 potrebbe aver risolto forse il principale problema delle blockchain: La scalabilità.

Un mese dopo l’uscita di Dawn 3.0, il 6 aprile, l’aggiornamento 4.0 include una serie di nuove funzionalità e linee guida. Questo è quanto risulta da un post di Dan Larimer su Medium. Si concentra principalmente sulla comunicazione intercatena. Questa è una caratteristica che Block.one ritiene fondamentale per scalare le blockchain per rendere possibili utilizzi su larga scala. Secondo Daniel Larimer, la comunicazione inter blockchain di Dawn 4.0 darebbe alle applicazioni che girano su diverse blockchain la possibilità di acquistare la RAM inutilizzata l’una dall’altra attraverso “più catene con regioni di memoria indipendenti che girano su hardware indipendente”. In particolare, Block.one prevede che “molte applicazioni preferiranno l’approccio a catena multipla per raggiungere la scalabilità. Questo perché è un modo per ridurre i costi complessivi e porterà scalabilità più rapidamente”.

Le novità di Dawn 4.0

Le modifiche apportate al sistema di allocazione della RAM

Con Dawn 4.0, il modello di allocazione della RAM del sistema contrattuale EOSIO utilizzerà l’algoritmo di Bancor. La ragione di questo cambiamento è che, dopo i test, il team si è reso conto che assegnare la RAM agli utenti che hanno stackato i loro token non sarebbe stato sostenibile a lungo andare. Questo perché, con il modo precedente di assegnare la RAM, il sistema alla fine avrebbe esaurito la RAM disponibile.

Un’altra modifica rispetto all’allocazione della RAM è che con Dawn 4.0 le forze di mercato determinerebbero il prezzo al quale viene scambiata. In precedenza, non era consentito vendere ad un prezzo diverso da quello di acquisto della RAM. Un effetto negativo dela decisione di consentire alla domanda e all’offerta di decidere i prezzi della RAM è l’eccessiva volatilità dovuta alla speculazione. Ciò non costituirebbe tuttavia un problema, in quanto sono state adottate misure per ridurre gli effetti della speculazione sul prezzo della RAM. In particolare è stata fissata una commissione dell’1% sulle vendite di RAM. Questo ha l’effetto collaterale positivo di aiutare a sostenere i costi di operazione della blockchain.

Questo nuovo modello incentiverebbe inoltre gli utenti dotati di RAM a lasciare un certo spazio ad altri utenti in caso di congestione del traffico, vendendo a prezzi favorevoli. Ciò consentirebbe agli sviluppatori di utilizzare lo spazio in modo più efficiente.

Comunicazione intercatena

Per poter scalare l’utilizzo della RAM in rete, i produttori o gli sviluppatori della rete EOS possono eseguire diverse catene con lo stesso token. Con un tale token, gli sviluppatori sarebbero in grado di acquistare la RAM e la larghezza di banda. Inoltre, il prezzo variabile della RAM sulle varie catene servirebbe da indicazione per gli sviluppatori in termini di catena più conveniente per creare programmi. È solo sulla catena principale che si svolgono le elezioni dei produttori. Le catene laterali sarebbero gestite dagli stessi sviluppatori che gestiscono la catena principale.

L’annuncio dell’Alba 4.0 ha chiarito che i lati negativi dell’algoritmo della prova delegata dell’ultimo blocco irreversibile del lavoro (DPoS LIB) erano minimi. Dan Larimer ha inoltre spiegato che l’algoritmo DPOS LIB è ciò che conferisce la finalità a EOSIO. Questa “finalità” è ciò che rende più facile la comunicazione tra le diverse catene. Con Dawn 4.0 è stata inoltre apportata una modifica al DPOS per rendere la rete più sicura e resistente.

Citando il post su Medium:

“È la mancanza di finalità dei blocchi Bitcoin ed Ethereum che rende la comunicazione intercatena difficile o molto lenta. La nuova modifica a DPOS lo porta a un nuovo livello di finalità bizantina con tolleranza ai guasti e robustezza in tutti gli ambienti di rete.”

Monitoraggio della blockchain

A seguito di richieste per un mezzo di monitoraggio della blockchain EOSIO per i depositi e prelievi da parte degli exchange, il team di EOS ha creato con tutorial per guidare gli utenti interessati nel monitoraggio dei depositi e prelievi. Uno dei tutorial copre l’utilizzo dell’interfaccia EOSIO a riga di comando nota come “cleos” per il monitoraggio dei depositi. L’altro tutorial è riguarda lo script python creato per monitorare i depositi e i prelievi sulle blockchain EOSIO.

Modifiche al sistema di gestione dei nomi dei account

Per citare Dan Larimer:

“Alcuni utenti hanno espresso preoccupazione per il limite di 12 caratteri imposto agli account EOSIO. Questi nomi a 12 caratteri derivano dalla codifica base 32 bit di un intero 64 bit. L’intero a 64 bit è la dimensione nativa della macchina ed è quindi molto efficiente. All’interno di una transazione ci riferiamo più volte ai nomi dei conti (codice, ambito, permessi, ecc.) e anche i nostri indici di database si basano su questi numeri interi a 64 bit. Aumentare la lunghezza del nome di un conto avrebbe un impatto di vasta portata sulle prestazioni e sull’architettura.

Detto questo, la nostra visione per le blockchain è quella di separare il concetto di account dall’identità e di stabilire una mappatura dinamica all’interno della catena tra i nomi dei conti e i nomi di visualizzazione più leggibili. È meglio visualizzare i nomi degli account come targhe tra le quali gli utenti possono scegliere targhe più facili da ricordare. Detto questo, la stragrande maggioranza delle persone dovrebbe essere in grado di trovare un nome attraente di 12 caratteri (o meno). Dato il potenziale alto valore di alcuni nomi, riteniamo che il sistema EOSIO debba offrire un modello di prezzo dinamico per i nomi dei conti.”

Conclusione

È da aspettarsi un seguito all’aggressiva crescita di EOS. Infondo non è la prima volta che EOS mostra simili tendenze. Essendo EOS secondo molti la prima blockchain capace di consentire DAPP che possono scalare sufficientemente da entrare nel mainstream c’è da aspettarsi una forte reazione del mercato al suo rilascio. Infondo, già adesso la speculazione gonfia decisamente il suo prezzo. Cosa accadrà quando utilizzi reali inizieranno a contribuire al suo valore? EOS causa davvero tanto interesse tra gli investitori del settore e non senza motivo.

EOS: Aggiornamento Dawn 4.0, rilascio completo a giugno
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.