Ultime Notizie

Ethereum a rischio di hard fork dannosa, di nuovo

0 Commenti

La comunità di Ethereum discute una proposta di una hard fork della rete al fine di scongelare i token ETH bloccati in alcuni portafogli di Parity. Lo sviluppatore Alex Van De Sande spiega un blog post perché ritiene che qualsiasi hard fork controversa danneggerebbe la rete. In questo senso, egli sostiene la necessità di trovare una soluzione al problema dei token congelati. Il modo proposto è studiato in modo tale che le parti che hanno perso l’accesso a tali token siano incentivate a continuare a sostenere l’attuale versione della blockchain Ethereum.

I dettagli

In un comunicato pubblicato il 26 aprile, Parity ha annunciato formalmente che non eseguirà unilateralmente una hard fork della blocckhain Ethereum per recuperare i fondi bloccati in alcuni portafogli hardware della società:

“Diciamolo chiaramente: non abbiamo intenzione di dividere la blockchain Ethereum. Abbiamo in programma di continuare a lavorare con la comunità per trovare una strada da percorrere. Tutti noi abbiamo dedicato molto tempo e sforzi allo sviluppo dell’ecosistema Ethereum. Detto questo, non abbiamo alcuna intenzione di danneggiare ciò che abbiamo contribuito a costruire.”

L’azienda ha anche riferito che il congelamento Etere aveva insegnato diverse lezioni:

“Commettere errori ci ha cambiati e ci portato a maturare. Abbiamo riorientato il nostro lavoro di sviluppo e ritirato il portafoglio multisig, oltre altre cose. Dove c’è necessità di utilizzare smart contracts (come per i nostri ponti), abbiamo completamente rinnovato il modo in li scriviamo, partendo da zero con tutto ciò che abbiamo fatto e faremo in futuro.”

Sembra che gran parte dell’impulso impresso dall’iniziativa EIP867 sembra essersi dissipato. Resta una continua spinta a ripristinare l’accesso ai fondi congelati quando un contratto al servizio di alcuni portafogli Parity si è autodistrutto.

Le novità

Il 16 aprile Afri Schoeden di Parity ha proposto l’EIP999. Questo ripristinerebbe il codice contrattuale del contratto autodistro attraverso una hard fork che rende nuovamente disponibili i token Ether congelati. Nel EIP, Schoeden ha osservato che, contrariamente alle “proposte discusse in precedenza, questo aggiornamento non cambierà alcuna semantica dell’EVM e cerca di raggiungere l’obiettivo di sbloccare i fondi con un’unica transizione statale”. Schoeden ha riferito che “dopo lunghe discussioni” è giunto a una conclusione importante. In particolare è stato che le hard fork comportanti modifiche al protocollo della macchina virtuale Ethereum potrebbero innescare “effetti collaterali indesiderati”.

Ha inoltre spiegato che il PEI introdurrà “mancata retrocompatibilità nello stato del” contratto attualmente autodistrutto, in quanto il “protocollo Ethereum non consente il ripristino dei contratti autodistrutti”. Pertanto, la sua proposta include il seguente suggerimento:

“Per implementare questo cambiamento sulla blockchain di Ethereum si raccomanda di aggiungere la necessaria transizione di stato in una futura hard-fork ad un numero di blocco ben definito. Ad esempio, CNSTNTNPL_FORK_BLKNUM per Costantinople il quale sarebbe la prossima presupposta hard-fork pianificata di Ethereum.”

Qui, Schoeden indica chiaramente che il blocco che implementa Constantinople è semplicemente un esempio. Questo passaggio della proposta non è altro che una raccomandazione. Tuttavia, sembra che riunire in un’unica hard fork le modifiche dell’EIP999 e le modifiche separate che godono di un più ampio sostegno possa indurre alcuni nodi a sostenere la blockchain modificata. Questo anche se non avrebbero sostenuto l’EIP di per sé.

La reazione della comunità

Nella bacheca collegata al EIP, dove Schoeden intendeva discutere la proposta, alcuni dei relativamente pochi partecipanti hanno espresso le loro idee. Ovviamente, mentre alcui hanno appoggiato la proposta altri si sono espressi contro di essa. Il creatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha scritto altrove che “una singola azienda sta proponendo un cambiamento e una grande maggioranza senza ambiguità” si oppone. Pochi giorni dopo, pur sostenendo che i suoi sentimenti personali in materia non dovrebbero influenzare la decisione finale di accettare o respingere la proposta, ha dato la sua opinione. In particolare ha affermato che “dal mio punto di vista sembra che il sentimento della comunità su questo tema è già chiaro”.

Preston Van Loon, responsabile del gruppo dei Prysmatic Labs, ha affermato che l’EIP porterebbe conseguenze. In particolare “costituirà un precedente per un altro EIP quando una certa quantità di ETH sarà persa a causa dell’abuso di un contratto valido”. Se ho impostato il proprietario sbagliato sul mio contratto multisig e ho perso tutto il mio ETH, ho diritto al recupero dei miei fondi”? Schoeden ha risposto che “l’EIP è un processo aperto, tutti possono presentare una proposta, tutti hanno diritto”. Anche Jamie Pitts della Fondazione Ethereum ha riferito la sua opinione. Pitts ritiene che mentre l’immutabilità tentata di Ethereum “è una proprietà speciale che ha molti benefici misurabili”, non “ci esime dalla responsabilità morale o legale per ciò che accade nella blockchain di Ethereum. Forse con l’EIP-999 e altri EIP di recupero ETH possiamo raggiungere e gestire una bassissima mutabilità nel nostro sistema invece di assumere immutabilità”.

Le critiche di Van De Sande

Alex Van De Sande non sembra essere d’accordo con questo sentimento. Secondo un EIP che ha presentato il 20 aprile, che è proposto come una possibile risposta a diverse controversie recenti nella comunità di Ethereum, compresa la questione delle hard fork di recupero ETH. In esso, egli sostiene che i token congelati incentivano il team Parity a eseguire una hard fork. A Parity questo conviene indipendentemente dal supporto della maggioranza dei nodi della rete. Questo perché se lo fanno, “è probabile che recuperino un importo superiore a 0”. Ed è zero quello che attualmente hanno dell’ETH compromesso. Se perseguissero questo obiettivo, “la principale comunità di ethereum potrebbe perdere un prezioso team di sviluppatori”.

Come ha affermato Van De Sande, la proposta propone di riorientare le ricompense di blocco (dopo il passaggio a Casper). Questo in modo che possano essere applicate ad altri scopi oltre all’incentivazione mineraria, come “cercare di aiutare gli utenti che hanno subito gravi danni e che hanno perso ETH, come bene pubblico”. In tal modo, la proposta creerebbe “un forum in grado di affrontare i reclami degli utenti senza che questi debbano ricorrere a hard fork”. Pur ritenendo che il “costo di tale EIP sarebbe dividere ogni singolo token non pensa che i benefici superino tale costo”. Si è anche espresso contro la posizione che nessuna azione dovrebbe essere intrapresa: “Se decidiamo di non intervenire hanno circa 500 milioni di motivi per implementare la propria hard fork,” ha detto. Questo riferendosi al valore in dollari dell’ETH bloccato al momento del congelamento.

Il pericolo delle hard fork

In un parere pubblicato il 18 aprile, egli ha precisato i suoi argomenti contro le hard fork. Questi argomenti, ha successivamente sottolineato, non sono specifici del caso dell’EIP999. Nel documento, ha sostenuto che se persone nel settore giustificano l’esistenza più blockchain che emergono da una hard fork (il che diventa più probabile col passare del tempo), può risultare una divisione permanente della rete. Anche se una delle narrazioni non è particolarmente convincente, i commercianti di criptovalute e altre parti potrebbero sostenere la catena sostenuta da questa narrazione debole per una serie di motivi, tra cui la speculazione sui prezzi. Ha anche fatto un passo avanti in questa logica. In particolare avvertendo che, “fintanto che si può avere una narrazione ragionevole dietro entrambe le fork, la possibilità di dividere la catena porterà inevitabilmente a una divisione”.

Le hard fork, ha scritto, minacciano “di creare un peso su ogni token”. Un peso che si basa sull’architettura di Ethereum, che, nella sua stima, è multiforme. Nel caso dei token garantiti da attività, una suddivisione della rete potrebbe sollevare interrogativi in merito a quali token della catena sostengono legittimamente tali attività. Nel caso di token che svolgono qualche funzione in una rete, una hard fork potrebbe costringere il team dietro quei beni digitali a scegliere un lato in una battaglia con la quale non vogliono avere nulla a che fare. Adirittura, in alcuni casi, potrebbero affrontare conseguenze legali a causa della loro scelta.

Un chiarimento

Per rendere il concetto più chiaro, ha osservato che:

“Ethereum è più di un token, naturalmente. Infatti, è anche una piattaforma per applicazioni, giochi e altri tipi di esperimenti, e tutti loro sarebbero anche divisi in modo simile. Se si sta giocando un gioco da tavolo, allora si sarebbe improvvisamente giocando due giochi identici contemporaneamente. Quindi si dovrebbe continuare a giocare entrambe le partite o perdere le vincite su una blockchain. Se possiedi asset rari online, ora ognuno di loro avrà un gemello malvagio in un universo parallelo. Cose simili accadrebbero ai dispositivi IOT. Così come agli oracoli intelligenti che utilizzano chip integrati.”

In definitiva, ha concluso, il “costo della fork potrebbe essere quello di creare e finanziare una comunità concorrente”. È interessante notare, tuttavia, che Van De Sande considera la minaccia delle hard fork una forza positiva nell’ecosistema di Ethereum. Come ha spiegato:

“Considero le hard fork come una guerra civile da parte di coloro che si sentono privati dei loro diritti. Nessuno vuole una guerra civile, e dovremmo evitarla, ma il potere di farla è importante. È un po’ come venire pienamente armati al tavolo dei negoziati: il fatto che una minoranza abbia il potere di forzare tutti a trovare un compromesso.”

Conclusione

Le controversie interne alla comunità Ethereum sono da aspettarsi da una blockchain tanto dinamica. Ma Van De Sande ha probabilmente ragione quando suggerisce che le forze interne della comunità porteranno bene a trovare compromessi. Del resto c’è da aspettarsi Ethereum abbia imparato la lezione dopo la nascita di ETC. Detto questo, compromessi come quelli suggeriti potrebbero essere la soluzione ma una hard fork di recupero è decisamente improbabile considerando il sentimento generale della comunità.

Ethereum a rischio di hard fork dannosa, di nuovo
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.