Ethereum Ultime Notizie

Ethereum: Dopo l’Aggiornamento L’emissione dei Blocchi è più Rapida

0 Commenti

Il ritmo di aggiunta di nuovi blocchi di transazioni alla blockchain di Ethereum è tornato a salire dopo il successo degli aggiornamenti della rete, Costantinopoli e San Pietroburgo, la scorsa settimana.

eta
Ponderful Pictures | Shutterstock

Secondo il sito di analisi della blockchain Etherscan, il conteggio giornaliero dei blocchi è aumentato di oltre 1.500 blocchi in un periodo di 24 ore dopo che gli aggiornamenti, implementati come hard fork, sono stati accettati sulla rete principale.

L’aumento del numero di blocchi è il risultato diretto della Ethereum Improvement Proposal (EIP) 1234 attivata giovedì scorso, che è stata progettata per disabilitare efficacemente un pezzo di codice nel software noto come ” difficulty bomb”, per un periodo di 12 mesi. Per incoraggiare la piattaforma a passare a un nuovo algoritmo di consenso per il proof-of-stake (PoS), il codice ha incrementato progressivamente la difficoltà di estrazione di mining della rete di Ethereum e ha rallentato la creazione di blocchi dal dicembre dello scorso anno.

Ora, in ritardo, gli effetti della bomba sembrano essersi rapidamente invertiti. Secondo i report Etherscan in un solo giorno di attivazione della hard fork, i tempi di creazione dei blocchi su Ethereum sono diminuiti da circa 19 secondi a 14 secondi.

Gli sviluppatori core stanno ora guardando avanti ad una nuova serie di EIPs per l’inclusione nel prossimo hard fork di Ethereum, Istanbul.

La linea temporale per Istanbul deve ancora essere consolidata dagli sviluppatori di Ethereum, anche se l’ex sviluppatore di core Afri Schoedon ha suggerito a gennaio la possibile attivazione della rete principale per qualche tempo nell’ottobre di quest’anno.

Tuttavia, come evidenziato da Taylor Monahan, CEO di MyCrypto Wallet Tool MyCrypto, i preparativi per un hard fork a stanno diventando sempre più difficili, dato che l’ecosistema di Ethereum è in grado di includere più aziende, sviluppatori e utenti.

“Sono sempre preoccupato ogni volta che c’è una fork perché ci sono così tanti pezzi in movimento,”ha detto Monahan. “Ci sono i miner. Hai l’hardware o i nodi. Hai Geth, Parity, Harmony e tutti i diversi software client. Hai gli exchange, i portafogli e tutto il resto. Ci sono un sacco di posti dove le cose possono andare storte”.

Tali preoccupazioni sono state espresse anche da grandi aziende che considerano come estendere i loro servizi per incorporare l’acquisto e la vendita della criptovaluta nativa di ethereum, Ether.

Attivazione della hard fork

L’ultima attivazione della hard fork su Ethereum, tuttavia, era relativamente liscia.

Probabilmente a causa dei molteplici tentativi per il suo rilascio, come sottolinea Monahon, la grande maggioranza degli stakeholder di Ethereum non sembra aver avuto alcuna difficoltà ad aggiornare il nuovo software.

La piattaforma di analisi della blockchain di Ethereum Alethio riferisce che non sono state identificate grandi fluttuazioni nel volume delle transazioni o nel numero di smart contract message call da quando il hard fork è stata attivato fino ai giorni nostri.

L’hashrate della rete Ethereum, una misura della potenza di calcolo totale che i miner hanno contribuito a creare nuovi blocchi e convalidare le transazioni, ha visto a malapena un cambiamento notevole dopo l’attivazione di Costantinopoli e San Pietroburgo.

Questo indica che la maggior parte dei miner della rete Ethereum ha aggiornato i loro server informatici (chiamati anche nodi) per estrarre sulla catena appena aggiornata, al contrario di una catena che gestisce software Ethereum più vecchio.

Attualmente, il tasso di hash della rete etereo secondo il sito di monitoraggio delle fork ForkMon è di 132.986 GH/s. Comparativamente, i miner che ancora contribuiscono al potere di hashish alla catena che non sia Costantinopoli e San Pietroburgo hanno un tasso di hashish combinato di 1.777 GH/s.

Come risultato del potere hash rimanente sulla vecchia versione della blockchain di Ethereum, un totale di 19 blocchi di scarto sono stati estratti dall’attivazione della hard fork il Giovedi secondo il leader della sicurezza della Ethereum Foundation Martin Holst Swende.

“Questi blocchi sono stati estratti sulla vecchia catena della rete principale, presumibilmente non riuscendo ad aggiornare il software del miner per la fork di Costantinopoli, uno spreco di denaro”, ha scritto Swende in una nota pubblica di GitHub.

Come tale, mentre la maggior parte dei nodi di Ethereum sono stati aggiornati con successo. Un’avvertenza importante da notare è che un piccolo ma persistente numero di miner deve ancora migrare verso l’attuale blockchain aggiornati.

Swende in un tweet pubblico manda un avviso ai miner dicendo che “alcuni miner di Ethereum stanno sprecando energia su una vecchia catena. Aggiornatevi il più presto possibile.”

In questo articolo si parla di come Ethereum è influenzato da quella che è conosciuta come la ” difficulty bomb” incorporata nel codice, e si prevede che l’imminente hard fork di questo mese dovrebbe spingere ancora una volta di più i suoi effetti in futuro.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.