Ethereum Ultime Notizie

Ethereum Risente della Difficulty Bomb, Mining più Difficile

0 Comments

Ethereum è influenzato da quella che è conosciuta come la ” difficulty bomb” incorporata nel codice, e si prevede che l’imminente hard fork di questo mese dovrebbe spingere ancora una volta di più i suoi effetti in futuro.

ETH difficultu bomb
Pseudonyma | Shutterstock

Il pezzo di codice è stato originariamente creato nel tentativo di creare un incentivo – a quel punto negativo – per i miner e gli sviluppatori così da gestire la transizione dal consenso alla proof of work alla proof-of-stake. In effetti, la difficulty bomb, come riferito nel 2015 dall’ex ethereum CCO Stephan Tual, innalza il livello di difficoltà di minare sulla blockchain di Ethereum in modo esponenziale nel tempo.

La bomba ha cominciato a “esplodere” per così dire lo scorso dicembre dopo essere stata ritardata una volta nel giugno 2017 e di nuovo nell’ottobre 2017. Come mostrano i dati, gli impatti iniziali del codice, anche se minori all’inizio, stanno lentamente ma inesorabilmente cominciando a diventare evidenti sulla rete.

Come riportato dal sito di analisi di blockchain Etherscan, blockchain di Ethereum ha visto il suo livello più basso di emissione giornaliera di block reward lunedì con un record di 13.131 ETH. In confronto, fino a metà novembre, le nuove emissioni sono state viste regolarmente al di sopra dei 20.000 ETH.

Inoltre, Etherscan segnala un declino libero da dicembre nel numero di blocchi prodotti al giorno su Ethereum, che attualmente si trova sotto i 4.500 blocchi.

Afri Schoedon, responsabile per l’Ethereum client Parity, stima che, se lasciato senza indirizzo, ci vorrebbero da due a tre mesi da ora per la difficulty bomb per bloccare la blocchain di Ethereum a nuovi record.

Tuttavia, prima che ciò accada, la bomba dovrebbe essere di nuovo ritardata per un periodo di 12 mesi come parte di un aggiornamento a livello di sistema noto come Costantinopoli.

Il lancio di Costantinopoli è previsto per la fine di questo mese al blocco numero 7.280.000. Questo, tra le altre modifiche alla rete, stabilizzerà il numero medio di blocchi a 5.700 blocchi al giorno e ridurrà il tempo di creazione dei blocchi a circa 15 secondi, secondo Schoedon.

E questa non è la prima volta che gli sviluppatori di Ethereum core hanno dovuto includere tali modifiche al codice della difficulty bomb. Schoedon ha espresso la necessità di affrontare gli effetti ricorrenti della bomba.

“La bomba è un fastidio che non serve più al suo scopo.”

Schoedan ha elaborato su questo punto evidenziando che il passaggio al PoS, anche comunemente chiamato ethereum 2.0 o Serenity, probabilmente non avverrà entro quest’anno o il prossimo.

Ha continuato a dire:

“Personalmente non voglio più occuparmi [della difficulty bomb]. La Serenity non avverrà quest’anno e molto probabilmente non l’anno prossimo. Allora perché preoccuparsi?”

A questo punto, Eric Conner, fondatore del sito di informazioni sull’Ethereum ETHHHub”, ha accettato di dire che, a suo avviso, l’effetto motivante della difficulty bomb non è lo stesso di prima.

Conner ha affermato che “All’inizio era vero, ma ora penso che l’intera comunità e il set di sviluppatori è chiaramente focalizzato su Ethereum 2.0 e quindi sul PoS.” Inoltre ha aggiunto che “A questo punto è più che altro un motivatore per rivisitare sempre gli aggiornamenti ed essere costretti a fare qualcosa.”

Alcuni sviluppatori, d’altra parte, continuano a vedere la difficulty bomb come un ruolo importante nell’evoluzione della rete.

In risposta ad una Ethereum Improvement Proposal (EIP) di Schoedon che avrebbe ritardato la bomba a tempo indeterminato, Marcus Ligi, creatore portafoglio android Ethereum Walleth, ha affermato:

“Il mio timore è che senza la difficile bomba potremmo finire in una situazione in cui il lancio [aggiornamenti a livello di sistema] diventa difficile perché la gente non aggiorna il proprio software perché non ce n’è realmente bisogno.

Confronto con Bisanzio

Come con il precedente ritardo della difficulty bomb inclusa nell’aggiornamento a livello di sistema di Bisanzio, gli utenti hanno dovuto affrontare un numero record di blocchi bassi nell’autunno del 2017.

I livelli di difficoltà di mining aumentano di un fattore due a causa della bomba ogni 100.000 blocchi, ha osservato Connor. Come risultato di ciò, ha anche sottolineato che durante i mesi poco prima di Bisanzio, nell’ottobre 2017, i tempi medi di blocco sulla rete di Ethereum hanno raggiunto livelli record fino a 30 secondi.

Questa volta, Connor non immagina ulteriori impatti della difficulty bomb sulla rete di ETH dato che Costantinopoli ci sarà prima del prossimo aumento previsto delle difficoltà di mining nel blocco 7.300.000.

Inoltre, dopo l’attivazione di Costantinopoli, Ethereum dovrà affrontare un’ulteriore riduzione dell’emissione di block reward da 3 a 2 ETH. La riduzione “terzo” è stata messa in atto per mitigare l’impatto dell’inflazione sulla rete.

Il seguente grafico sull’ETHHub illustra la continua tendenza al ribasso delle emissioni di ETH nei prossimi anni.

Naturalmente, l’andamento previsto per l’emissione sopra illustrato in arancione è fortemente dipendente sia dall’attivazione di Costantinopoli che da Serenity nei prossimi due o tre anni. Il lancio di un testnet per le fasi iniziali di Serenity è previsto per marzo.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.