Ultime Notizie

Ethereum futures: Verranno offerti da parte di CME Group

0 Commenti

CME Group, uno dei maggiori operatori di borsa di derivati a livello mondiale, sta adottando misure per prepararsi a quotare un prodotto future (contratto a termine) basato su Ethereum.k

I dettagli

La borsa di Chicago ha annunciato lunedì di aver collaborato con un gruppo di grandi exchange di criptovalute. Questo allo scopo di creare un Ether Reference Rate e un Ether Real Time Index. Questi forniranno dati standardizzati e verificati sui prezzi per le coppie di negoziazione ETH/USD, nonché un prezzo di riferimento giornaliero.

“L’Ether Reference Rate e l’Indice Real Time sono progettati per soddisfare le esigenze in continua evoluzione di questo mercato”, ha dichiarato Tim McCourt, amministratore delegato e responsabile globale dei prodotti azionari e degli investimenti alternativi del Gruppo CME. “Garantire la trasparenza dei prezzi e una fonte credibile di riferimento per i prezzi è uno sviluppo fondamentale per gli utenti di etereo”.

Una collaborazione di ampia portata

Sia l’Ether Reference Rate che l’Ether Real Time Index saranno calcolati dalla piattaforma di trading britannica Crypto Facilities. Stessa azienda che la scorsa settimana ha lanciato il primo contratto a termine basato su Ethereum regolamentato. I dati relativi ai prezzi saranno forniti da due exchange di criptovalute: Kraken di San Francisco e Bitstamp di Lussemburgo.

“Ethereum, la seconda criptovaluta più grande, ha registrato un’adozione e una crescita incredibili nel 2017. Si è evoluto nella blockchain leader per i smart contracts”, ha dichiarato il Dr. Timo Schlaefer, CEO di Crypto Facilities. “Siamo entusiasti di contribuire alla forte comunità che si è sviluppata attorno alla rete Etereum fornendo un tasso di riferimento affidabile e un prezzo ETH-USD in tempo reale”.

Questa mossa spiana la strada alla quotazione di futures di Ethereum a CME sulla sua piattaforma di trading. CME, infatti, ha lanciato il suo primo future basato su criptovaluta lo scorso dicembre. Ciò consentirà agli investitori istituzionali di essere più esposti alla nascente classe di attività e ai miner di criptovalute di accedere ai loro profitti in modo più efficace. Come riportato da CCN, CME ha lanciato un tasso di riferimento e un indice di prezzo per il Bitcoin nel 2016. Quindi più di un anno prima di diventare la seconda borsa statunitense a quotare un contratto a termine per la principale valuta crittografica.

I futures basati sul Bitcoin di CME ha visto un graduale aumento del volume degli scambi dal suo lancio. Questo mercato ha visto un volume di 500 milioni di dollari in un’unica sessione di negoziazione. Tuttavia, il lancio di questo prodotto è anche correlato ad un forte calo del prezzo del Bitcoin, come hanno osservato i ricercatori della Federal Reserve in un recente rapporto.

L’impatto dei futures sui prezzi delle criptovalute

Il picco dei prezzi invernali di Bitcoin e il successivo declino hanno coinciso con l’introduzione del trading di futures di Bitcoin alla Borsa Mercantile di Chicago. Un team di ricercatori non pensa che sia stata una coincidenza. Galina Hale, Arvind Krishnamurthy, Marianna Kudlyak e Patrick Shultz sono ricercatori economici che scrivono per la Federal Reserve Bank di San Francisco. Queste persone affermano in un documento di ricerca che il rapido aumento e il successivo calo del prezzo dei bitcoin è coerente con il trading che accompagna l’introduzione dei contratti a termine per un bene.

I futures hanno aumentato i prezzi del BTC

Dopo il lancio del Bitcoin nel gennaio 2009, il prezzo è rimasto al di sotto di 1.150 dollari fino al 22 febbraio 2017. Questo è quando ha iniziato a crescere repentinamente per circa 10 mesi. Questa crescita si è conclusa il 17 dicembre 2017, quando il Bitcoin ha raggiunto il suo prezzo massimo di 19.511 dollari. Tali dinamiche non sono state causate dalle fluttuazioni complessive del mercato, come indicato dai ricercatori rispetto all’indice azionario Standard & Poor’s 500.

Invece, il picco ha coinciso con il giorno in cui i Bitcoin futures hanno iniziato ad operare alla Borsa Mercantile di Chicago (CME). Questa dinamica dei prezzi è in linea con l’ascesa e il crollo del mercato del finanziamento immobiliare negli anni 2000. I ricercatori Fostel e Geanakoplos nel 2012 hanno suggerito che il boom dei mutui è stato causato dalle innovazioni finanziarie nella cartolarizzazione e nei raggruppamenti di obbligazioni che hanno attirato gli investitori. Il crollo dei mutui ipotecari è stato causato dall’introduzione di strumenti che hanno permesso agli investitori pessimisti di scommettere sul mercato immobiliare.

Allo stesso modo, l’introduzione della blockchain ha fornito un nuovo strumento finanziario, il Bitcoin.Gli investitori hanno fatto salire il prezzo del bitcoin fino a quando l’introduzione dei futures del Bitcoin non ha permesso ai pessimisti di entrare nel mercato. Questo ha portato a un cambiamento nelle dinamiche dei prezzi del Bitcoin.

Valore “reale” e valore speculativo

I ricercatori separano la richiesta per utilizzo, che si basa sull’utilizzo di Bitcoin per l’acquisto di beni e servizi, dalla domanda speculativa, che avviene quando le persone acquistano Bitcoins sperando che il loro valore aumenterà. La domanda speculativa è una scommessa che il prezzo dell’attività aumenterà, in quanto l’investitore non ha bisogno del Bitcoin di per sé. Per la maggior parte delle valute e degli attivi, gli investitori possono scommettere sulla variazione del loro valore utilizzando strumenti finanziari basati sulla valuta o sul titolo. Questi sono i cosiddetti strumenti finanziari derivati.

Prima del dicembre 2017 non esisteva un mercato importante per i derivati del Bitcoin. Questo significava che era estremamente difficile scommettere sul calo del prezzo del Bitcoin. Tali scommesse tipicamente assumono la forma di vendita di un’attività prima dell’acquisto, contratti forward o contratti a termine, swap o una combinazione di entrambi. La domanda speculativa del Bitcoin proveniva da investitori disposti a scommettere che il prezzo sarebbe salito. Fino al 17 dicembre, la domanda degli ottimisti ha spinto il prezzo verso l’alto, stimolando un maggior numero di investitori ad aderire. I pessimisti, al confronto, non avevano modo di scommettere che il prezzo del Bitcoin sarebbe sceso.

I futures permettono di guadagnare sui movimenti negativi del mercato

Questa domanda speculativa unilaterale è cessata quando i futures del Bitcoin hanno hanno iniziato ad essere negoziati sull’ECM il 17 dicembre. Mentre il Chicago Board Options Exchange (CBOE) ha aperto un mercato a termine una settimana prima, le contrattazioni sono state scarse fino a quando il CME non è entrato a far parte del mercato. I pessimisti potevano scommettere su un calo dei prezzi. Questo comprando e vendendo contratti con un prezzo di consegna più basso in futuro rispetto al prezzo attuale. Potevano vendere una promessa di consegnare un Bitcoin in un mese ad un prezzo più basso rispetto al corrente e si aspettano di acquistare un Bitcoin durante il mese ad un prezzo ancora più basso per realizzare un profitto.

Con l’offerta di future di Bitcoin ad un prezzo inferiore, il flusso degli ordini ha esercitato una pressione al ribasso anche sul prezzo attuale. Coloro presenti sul mercato per comprare bitcoins per motivi transazionali o speculativi e disposti ad aspettare un mese si travavano una buona opportunità di guadagno. La nuova opportunità ha portato ad un calo della domanda nel mercato del Bitcoin, causando un calo del prezzo.

Non tutto è stato spiegato

Il motivo per cui il prezzo del Bitcoin è sceso gradualmente piuttosto che velocemente è difficile da trovare, i ricercatori hanno osservato. Può darsi che gli investitori pessimisti non siano entrati nel mercato il primo giorno o la prima settimana di negoziazione. Il volume totale delle transazioni nel mercato a termine dell’ECM è iniziato molto basso. Il volume medio dei contratti si impegnavano a consegnare circa 12.000 Bitcoin nella prima settimana di negoziazione, rispetto al fatturato stimato del mercato di 200.000 Bitcoins.

Il rapido aumento dei prezzi e il loro declino in seguito all’emissione di future è coerente con le dinamiche di prezzo suggerite altrove nella teoria finanziaria. Mentre alcuni dei fattori che giocano un ruolo nel determinare il prezzo a lungo termine del Bitcoin sono compresi, la comprensione dei benefici transazionali del Bitcoin è troppo imprecisa per quantificare. Ma con l’attenuarsi delle dinamiche speculative dal mercato, i benefici transazionali probabilmente guideranno la valutazione.

Conclusione

È difficile prevedere quali saranno le conseguenze dell’introduzione di contratti a termine dell’Ethereum. La cosa certa (o quasi) è che l’apertura delle porte a così tanta speculazione destabilizzerà il prezzo. Mentre è difficile cercare di capire cosa potrebbe succedere nel lungo termine proprio perché è prevedibile che il prezzo diventerà meno stabile, inizialmente è probabile che l’introduzione di simili strumenti finanziari porterà a una crescita. Ma oltre questa reazione dei prezzi iniziale (che è tutto tranne che certa, anzi) è difficile fare previsioni.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.