L’Exchange Bitfinex sta Progettando di Emettere un Proprio Token

Bitfinex, l’exchange di criptovalute con base ad Hong Kong, potrebbe presto emettere un proprio token, secondo un azionista della piattaforma che sostiene di essere a conoscenza del piano.

Bitfinex
Shutterstock | tocak

Dong Zhao, un noto trader over-the-counter in Cina che detiene una partecipazione in Bitfinex e che per primo ha annunciato la notizia su Weibo, ha detto che l’exchange sta effettivamente pianificando l’emissione, anche se “i dettagli non sono confermati al 100%.”

Bitfinex non ha risposto ad una richiesta di commento.

Non è chiaro in questa fase come il piano sarebbe stato attuato o che cosa esattamente sarebbe stato offerto ai partecipanti. Tuttavia, se confermato, il reclamo è notevole in quanto arriva subito dopo le accuse dell’ufficio del Procuratore Generale di New York che Bitfinex ha perso 850 milioni di dollari in fondi di clienti e aziende.

Successivamente, ha detto il procuratore generale, Bitfinex ha poi segretamente organizzato un prestito di 900 milioni di dollari dalla società affiliata alla borsa Tether, che emette il tether (USDT) stablecoin, per coprire il deficit.

Bitfinex ha poi sostenuto che gli 850 milioni di dollari erano stati “sequestrati” da varie autorità e che stava lavorando per recuperare i fondi.

Zhao, che è anche il fondatore della società di investimento blockchain DGroup, ha detto che è stato lui che ha suggerito il piano simbolico a Bitfinex. Il 28 aprile, giorni dopo le accuse della New York AG, ha detto sul suo conto Weibo che lo scambio dovrebbe cogliere l’opportunità di emettere token del valore di 850 milioni di dollari per portare in tether pari all’importo congelato. I partecipanti avrebbero ricevuto in cambio il token della borsa.

Ha detto che il vantaggio per gli utenti è che “i token di borsa hanno una migliore liquidità. Sono l’unico vero token che non è una merda”.

“Il metodo di emissione potrebbe essere simile a quello di altri token della borsa, che sono stati distribuiti attraverso pacchetti di commissioni di negoziazione prepagate”, ha detto, e successivamente ha aggiunto che avrebbe fatto del suo meglio per far sì che l’affare avvenga.

Il suggerimento di Zhao ha avuto un’accoglienza mista su Weibo, con alcuni scettici sul fatto che Bitfinex sia effettivamente in grado di recuperare i fondi congelati.

“Bitfinex non ha forse detto che i fondi possono essere recuperati? Se è così, allora non sono necessari altri piani. Ma se emettono token per scambiare debiti con azioni, questo potrebbe significare che quei fondi sono davvero spariti e potrebbe abbassare la credibilità della piattaforma,” ha commentato un utente.

Venerdì scorso, Zhao ha detto che il direttore finanziario di Bitfinex gli ha detto che gli 850 milioni di dollari congelati saranno recuperati “entro poche settimane.”

Dovey Wan, socio fondatore del fondo blockchain Primitive, ha anche sollevato diverse incongruenze per quanto riguarda l’informazione pubblica su Bitifnex e Tether finora.

Per esempio, in un tweet che inoltre ha notato i programmi del token di borsa di Bitfinex, ha detto, “se i $850 milioni possono essere strisciati facilmente indietro, allora perché [lo farebbe] l’offerta iniziale di scambio” e “se Bitfinex è altamente cash flow positivo, perché ha preso in prestito da Tether?”

Come viene spiegato nel seguente articolo, Bitfinex Exchange è una piattaforma che permette lo scambio di moltissime criptovalute, dalle più conosciute ed affermate come Bitcoin, Ripple o Ethereum, alle monete digitali emergenti.