NEO

Facebook Tratta con Visa e Mastercard per Lanciare la sua Criptovaluta

Si dice che il gigante dei social media Facebook sia in trattative con varie aziende, tra cui Visa e Mastercard, per sostenere e finanziare la criptovaluta che ha intenzione di lanciare.

facebook
Shutterstock | Allmy

Un rapporto di giovedì dal Wall Street Journal ha detto che Facebook sta lavorando da oltre un anno per lanciare una piattaforma di pagamenti a moneta stabile. Lo sforzo, chiamato internamente “Project Libra”, è finalizzato allo sviluppo di una criptovaluta che permette ai miliardi di utenti della società di inviare denaro l’uno all’altro, così come di fare acquisti online.

Oltre che con Visa e Mastercard, Facebook ha anche parlato con la società di servizi finanziari First Data Corp. per raccogliere un totale di circa 1 miliardo di dollari come garanzia collaterale per la moneta stabile, per proteggerla dalla volatilità.

Il gigante dei social media è anche in trattative con le società di e-commerce, anche per raccogliere fondi, e per ottenere supporto e accettazione per la prevista moneta stabile, secondo il rapporto. Facebook può anche pagare gli utenti in valuta digitale per la visualizzazione degli annunci, così come consentire agli inserzionisti di accettare il token per la merce e successivamente pagare per altri annunci con esso.

C’è di più. In particolare, Facebook avrebbe l’obiettivo di eliminare le commissioni di swipe e di elaborazione delle carte, generalmente intorno al 2-3 per cento, pagate dai commercianti per ogni transazione a banche e processori e reti di pagamento. “Se avrà successo, il progetto minaccia il dominio delle reti di carte sui pagamenti globali,” afferma il WSJ.

Lo scorso dicembre, i rapporti hanno suggerito che il gigante dei social media potrebbe in primo luogo concentrarsi sul mercato indiano per consentire agli utenti di trasferire denaro attraverso le criptovalute su WhatsApp, l’applicazione di messaggistica Facebook acquisita nel 2014.

L’analista di Barclays Ross Sandler ha recentemente stimato che il progetto di criptovaluta di Facebook potrebbe fruttare da 3 miliardi di dollari a 19 miliardi di dollari di entrate aggiuntive entro il 2021.

L’azienda ha creato la sua divisione blockchain nel maggio 2018, presumibilmente per esplorare la tecnologia. Da allora, l’azienda ha ampliato il suo team di blockchain con nuove assunzioni. Attualmente ha circa 22 posizioni aperte relative alla blockchain, tra cui esperti legali, ingegneri di dati, responsabili marketing e altro ancora.

Come si legge in questo articolo, all’inizio di quest’anno, Facebook ha anche assunto personale da Chainspace, una startup specializzata nella scalatura di blockchains attraverso un processo noto come sharding. Infatti Cheddar ha riferito che Facebook ha acquisito Chainspace, una piccola startup del settore blockchain, in un cosidetto “acquihire,” o un’acquisizione di un’azienda compiuta principalmente per le competenze o l’esperienza del suo personale, piuttosto che per il servizio o i prodotti che l’azienda offre.

In questo articolo si legge che Facebook ha già sperimentato con la moneta virtuale. Nel 2009, l’azienda ha rilasciato i Crediti Facebook, che potevano essere utilizzati per l’acquisto di beni virtuali in giochi popolari come Farmville. Ma la funzione non ha mai guadagnato trazione, e l’azienda l’ha ritirata due anni dopo. Durante un’intervista a una conferenza a febbraio, Marcus  (il vice presidente responsabile dell’applicazione Messenger) ha detto che la multinazionale non aveva intenzione di integrare una criptovaluta nelle sue applicazioni nell’immediato futuro.

Nel seguente articolo si legge che Sandler, analista internet per Barclays, ha affermato che la criptovaluta non deve essere solo un meccanismo di pagamento peer-to-peer. Pensa che Facebook userà il token anche per cose come i contenuti premium. Ritiene infatti che monetizzare la piattaforma creerà molte opportunità uniche per l’azienda. Ad esempio, i gruppi d’investimento potrebbero addebitare l’accesso., oppure le personalità dei social media potrebbero vendere l’accesso esclusivo ai live stream. I consulenti potrebbero utilizzare la valuta per gestire i pagamenti transfrontalieri dei clienti.