Home > News > Garlinghouse: Ripple ha cercato di accordarsi con la SEC prima della causa

Garlinghouse: Ripple ha cercato di accordarsi con la SEC prima della causa

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, ha rivelato che prima della causa la società ha contattato la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti per un accordo 

L’amministratore delegato di Ripple Brad Garlinghouse ha rivelato mercoledì che la società ha cercato di concordare con l’organismo di regolamentazione prima che le accuse fossero ufficializzate. Lo ha rivelato in un thread di Twitter, sostenendo che Ripple ha cercato di saldare le accuse di condurre transazioni di titoli non registrate prima che il regolatore lo facesse causa.

Il CEO ha parlato di cinque questioni riguardanti la causa della SEC contro Ripple. Tuttavia, ha aggiunto che c’era un limite a ciò che poteva dire su un caso in corso.

La prima domanda di Garlinghouse era sul perché Ripple non si fosse accordato con la SEC. Ha risposto che non poteva entrare nello specifico, ma Ripple continuerà a cercare di risolvere il problema con la nuova amministrazione.

La prossima domanda è se Ripple ha pagato gli exchange per elencare XRP e quando la criptovaluta verrà rimessa in vendita. Ha risposto dicendo: “XRP è una delle risorse digitali più liquide (prime 3-5) a livello globale e il 95% viene scambiato al di fuori degli Stati Uniti. Ripple non ha alcun controllo su dove è elencato XRP, chi lo possiede, ecc. È open source e decentralizzato”.

XRP ha subito enormi perdite a seguito della causa SEC in quanto diversi scambi di criptovaluta hanno annunciato piani per rimuoverlo dalle loro piattaforme di trading. Coinbase, Binance e alcuni degli altri principali scambi di criptovalute hanno già annunciato la data per il delisting di XRP dalle loro piattaforme.

Garlinghouse sostiene che la maggior parte degli scambi sta interrompendo il trading XRP e non rimuovendo la criptovaluta dalle loro piattaforme. “Con otto diverse agenzie governative, ciascuna con le proprie (e talvolta opposte) opinioni sulle criptovalute, i partecipanti al mercato statunitense devono affrontare politiche contrastanti e nessuna sorpresa, alcune agiscono in modo conservativo”, ha aggiunto.

Sostiene che Ripple stia lavorando per rispondere alla causa SEC, ma ammette che il processo legale può essere lento. Tuttavia, ha assicurato ai suoi follower che stanno succedendo molte cose dietro le quinte. Sulla questione se gli investitori abbiano ancora fiducia in Ripple, Garlinghouse ha risposto affermativamente. Ha affermato che diventare un azionista di Ripple significa acquistare le loro azioni (e non XRP).

Infine, sul pagamento dei clienti per utilizzare XRP, Garlinghouse sostiene che Ripple ha creato un prodotto e fornito ad alcuni clienti incentivi per utilizzarlo. “Ogni rete di pagamento (PayPal, Visa, MC, ecc.) Ha o utilizza ancora incentivi”, ha aggiunto.

XRP ha subito pesanti perdite a seguito della causa SEC, con la criptovaluta che ha perso il suo terzo posto nel mercato a causa di Tether (USDT). Il prezzo XRP è sceso di quasi il 50% nonostante le recenti eccellenti prestazioni per reclamare il quarto posto da Litecoin.

Etichette:
Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.