Ultime Notizie

General Motors e BMW Sostengono la Blockchain per le Auto Autonome

0 Commenti

I colossi automobilistici General Motors e BMW stanno sostenendo la tecnologia blockchain come un modo per condividere i dati delle auto che si guidano da sole tra di loro e con le altre case automobilistiche.

GM
Gil C | Shutterstock

Tutto ciò fa parte di un tentativo di rendere disponibili dati preziosi in silos che alla fine porteranno prima i veicoli autonomi sulla strada. Il lavoro esplorativo in quest’area è stato fatto sotto gli auspici della Mobility Open Blockchain Initiative (MOBI), un consorzio formato l’anno scorso per coordinare lo sviluppo della distributed ledger technology (DLT) nell’industria automobilistica.

Il prossimo gruppo di lavoro del MOBI sui mercati dei dati dei veicoli cosiddetti autonomi (AVDM) sarà presieduto da General Motors (GM). La casa automobilistica sta chiaramente pensando di utilizzare la blockchain per condividere i dati da qualche tempo, avendo depositato un brevetto che descrive in dettaglio tale sistema per flotte di automobili che si guidano da sole alla fine dell’anno scorso.

Il nuovo presidente del gruppo di lavoro dell’AVDM Michal Filipowski, responsabile dell’innovazione globale di General Motors, ha detto:

“Sono entusiasta di presiedere il gruppo di lavoro dell’AVDM e di avviare lo sviluppo dei nostri sforzi di collaborazione con gli altri OEM [produttori di apparecchiature originali] e i membri dell’iniziativa MOBI.”

In particolare, BMW, membro fondatore di MOBI, ha anche espresso per la prima volta il suo interesse per il l’uso della condivisione dei dati. (In precedenza BMW ha testato la blockchain per tracciare il chilometraggio dei veicoli in leasing.)

Il produttore tedesco, come molti altri nello spazio automobilistico, si è reso conto che il mantenimento dei dati delle auto che si guidano da sole nei silos è una “grande barriera” per la diffusione di veicoli autonomi.

“Con l’avvento della blockchain, la gestione decentralizzata dei dati può essere implementata in modo efficiente e rispettoso della privacy,” ha dichiarato Andre Luckow, leader della blockchain del BMW Group.
Ha poi affermato che “Inoltre, le tecnologie emergenti, come l’apprendimento automatico decentralizzato, l’informatica confidenziale multi-party sicura e i mercati dei dati decentralizzati, forniranno il tessuto per l’elaborazione dei dati nell’era autonoma.”

Facendo un passo indietro, la spinta a promuovere veicoli che si guidano da soli incontra un ostacolo fondamentale: l’enorme volume di dati che le auto che si guidano da sole devono consumare per “imparare” a guidare in luoghi e scenari diversi. Guidare su una pista di prova è una cosa, ma farlo in un centro di città affollato in una giornata di pioggia è un’altra.

Condivisione dei dati

Secondo un rapporto della Rand Corp, per arrivare al punto in cui gli AV sono sicuri in tutte le condizioni potrebbe richiedere moltissimo, ovvero un processo attraverso il quale i dati vengono raccolti utilizzando telecamere e Lidar (un sistema di rilevamento che funziona secondo il principio del radar, ma utilizza la luce di un laser).

Mettere insieme questi dati per addestrare l’intelligenza artificiale potrebbe sembrare un gioco da ragazzi, ma le case automobilistiche autonome , siano esse case automobilistiche o Uber o affiliate a Google (come Waymo), tendono a pensare ai loro dati di guida autonoma come ai loro capolavori.

È qui che entra in gioco la blockchain, spiega Sebastien Henot, responsabile dell’innovazione aziendale presso il Renault-Nissan-Mitsubishi Alliance Innovation Lab nella Silicon Valley (che presiede il gruppo di lavoro sull’identità dei veicoli del MOBI). Egli ha infatti affermato che:

“Il vecchio approccio è che tutti pensano che i loro dati siano così preziosi. Il nuovo modo è che i dati sono come ingredienti di cucina. I mercati dei dati richiedono tecnicamente una blockchain perché è possibile creare un ambiente in cui le regole sono chiare in termini di chi condivide quali dati.”

Un altro membro del MOBI, Ocean Protocol (che è entrato in funzione lunedì), si concentra sulla creazione di mercati dei dati basati su una blockchain e sull’esecuzione di un’IA condivisa su di essi. Il co-fondatore di Ocean Trent McConaghy mira a creare una sorta di enterprise data commons in cui tutti possono trarre vantaggio, ma allo stesso tempo, questi dati possono essere evitati al di là dei firewall di una qualsiasi azienda.

McConaghy ha spiegato che Ocean prende “federated machine learning” (apprendimento automatico costruito senza accesso diretto ai dati di formazione, dove i dati rimangono nella sua posizione originale, come ad esempio su uno smartphone, per esempio). A questi gli dà una dose aggiuntiva di decentramento.

McConaghy ha aggiunto che “I detentori dei dati si sentono piuttosto a disagio. Quindi, se si può effettivamente rimuovere quella inquietudine e il processo di apprendimento se fatto da un silo all’altro in modo decentrato, questo è molto meglio. Ocean sblocca il decentramento del federalismo federato.”

E questo approccio più decentralizzato è ciò di cui BMW e GM, come parte del gruppo AVDM del MOBI, sembrano entusiasti.

Michael Ortmeier delle comunicazioni IT del BMW Group ha detto che l’approccio di Ocean alla condivisione dei dati è quello che l’azienda “segue con grande interesse.” Ha aggiunto “Abbiamo sfruttato l’opportunità del colloquio MOBI per parlare con Ocean e gli altri membri e sicuramente continueremo e intensificheremo queste discussioni.”

I dati di guida di Waymo

Non è un segreto che Waymo, la società di sviluppo tecnologico autogestita di proprietà di Google Alphabet, è più avanti di chiunque altro per quanto riguarda la quantità di dati raccolti.

Tuttavia, se si gestiscono i numeri, dice Chris Ballinger, fondatore e CEO di MOBI, potrebbero volerci ancora molti anni perché Waymo ci arrivi da solo.

Ballinger, l’ex capo della mobilità alla Toyota, stima che Waymo sta accumulando un milione di miglia di miglia percorse da auto che si guidano da sole al mese, aggiungendo:

“Così si può dire che in miglia ci vorranno millenni. Qualcosa deve essere fatto e, ovviamente, accelererà man mano che più auto salgono sulla strada. Una volta che tutti vengono coinvolti e una volta che iniziano a condividere sarà un ordine di grandezza aumentare”.

Tuttavia, Vint Cerf, vicepresidente di Google, ha contrastato l’affermazione secondo cui il Waymo potrebbe non essere in grado di raggiungere i suoi obiettivi di AV.

Dipende da cosa si intende per “dati di guida”, ha detto Cerf. Ha poi aggiunto che “Abbiamo miliardi di chilometri in simulazione generando input diretti nel software che emula ciò che i sensori vedono.”

Riguarda la possibilità per le case automobilistiche di utilizzare reti blockchain per condividere i dati, Cerf ha aggiunto:

“Non vedo un valore aggiunto nell’overhead della blockchain rispetto alle firme digitali.”

 

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.