Ultime Notizie

Germania: Paradiso fiscale delle criptovalute

0 Comments

L’anno scorso è stato il primo anno in cui molti investitori hanno conosciuto il Bitcoin. È stato infatti l’anno in cui le criptovalute hanno iniziato a diventare sempre più mainstream. Quella che era stata una novità compresa e commercializzata solo daglii appassionati di tecnologia, è improvvisamente diventata parte della coscienza popolare grazie ad un aumento di valore vertiginoso. E dove scorre il denaro, vanno i legislatori. Possono essere un po’ lenti a recuperare, ma questo non significa che si possano mantenere nascosti i guadagni ottenuti grazie alle criptovalute dal fisco.

In questo articolo ci soffermeremo in particolare sulla situazione tedesca, ma trattando l’argomento in un modo che interessa i trader italiani. Come saprete di seguito, la Germania è un caso speciale per quanto si tratta di profitti ottenuti grazie aBitcoin ed altcoin, in modo positivo. Ciò è dovuto al modo in cui le autorità tedesche vedono le criptovalute. Ma prima di tutto, cerchiamo di comprendere meglio la situazione attuale in modo più ampio.

Germania Bitcoin

Perché la regolamentazione delle criptovalute è tanto complicata?

Molti legislatori stanno avendo difficoltà nel comprendere, per non parlare del tenere il passo con le valute digitali. Che si tratti dell’età dei legislatori o semplicemente del tasso in cui si sviluppa il settore delle criptovalute è un’altro discorso. Oltre allo “shock culturale” c’è il fatto che è difficile rintracciare il denaro una volta convertito in Bitcoin o scambiato per altcoin.
E quando il denaro è difficile da rintracciare, può essere facilmente utilizzato per attività illegali come il commercio di armi e droga e il riciclaggio del denaro. È per questo che la maggior parte delle giurisdizioni hanno messo in atto i regolamenti Know Your Customer (KYC) che richiedono che gli exchange di criptovalute verifichino l’identità dei loro utenti.

Il settore si sta però adattando

Alcuni exchange stanno facendo un lavoro egregio nell’incoraggiare gli utenti a verificare la loro identità. Ti permetteranno di effettuare il deposito quando non sei verificato, ma non ti permetteranno di ritirare i soldi fino a quando non avrai verificato la tua identità.
Se state scambiando Bitcoin e altre criptovalute voi stessi, probabilmente avrete probabilmente effettuato un processo di verifica, in cui avete dovuto caricare una scansione del vostro passaporto, carta d’identità o patente di guida e una bolletta di utilità o un estratto conto bancario per dimostrare l’indirizzo fornito sia corretto.
Mentre questi documenti possono essere falsificati per cambiare la residenza fiscale di qualcuno, il fatto è che la maggior parte degli utenti si conformerà, dando così ai governi una certa presa su questo settore in fase di crescita esplosiva. Se un utente verificato non presenta una dichiarazione fiscale per le plusvalenze Bitcoin, prima o poi può aspettarsi una lettera dalle autorità fiscali competenti.

Come non pagare le tasse sulle criptovalute?

Per chi è serio a riguardo del trading di criptovalute, può convenire essere residente nel paese giusto. Spostarsi al di là delle frontiere, o anche vivere lo stile di vita esente da imposte di un viaggiatore permanente (PT), può portare ad una differenza di sei o sette cifre per quanto riguarda i costi.

A differenza della maggior parte dei paesi sviluppati, la Germania non vede i cripti come valute, merce o azioni. Invece, Bitcoin e altcoin sono considerati soldi privati. Questa distinzione è importante. Lo è poiché le vendite private comportano vantaggi fiscali in Germania.
Secondo la norma 23 EStG, le vendite private che non superano i 600 euro sono esenti da imposta. Ma forse ancora più interessante è il dettaglio che sta per essere citato. Non si paga alcuna tassa se si tiene il proprio Bitcoin, Litecoin, Ethereum, Ripple, o qualunque altro altcoin, per un periodo di oltre un anno. Non importa quanto si guadagna dalla vendita delle criptovalute in questione, non pagate le tasse sui guadagni di capitale se le detenete da oltre un anno.

criptovalute

Un esempio chiarificante

Per esempio, supponiamo che risedete in Germania da alcuni anni. Il 1° gennaio 2017, avete acquistato 1 BTC per 1.000$. Se l’avete venduto il 15 dicembre avete goduto di un guadagno del valore di $17.000. Normalmente, si dovrebbe pagare una imposta sui guadagni sul guadagno di capitale di $16.000. Se, tuttavia, avessi tenuto Bitcoin oltre il 1° gennaio 2018, l’imposta sul guadagno sarebbe stata soppressa.
Se sei attualmente in Germania e stai tenendo una (frazione del) Bitcoin che hai acquistato nel 2017, potrebbe valere la pena di rimanere lì. Più grande è il valore del vostro portafogli di criptovalute, maggiore sarà l’imposta sui guadagni che evitate di pagare.

A chi conviene trasferirsi in Germania?

Il modo in cui la Germania tratta le criptovalute è un passo nella giusta direzione per gli appassionati del settore. Ma resta da vedere se creerà un afflusso di commercianti di Bitcoin nel paese. Dopo tutto, il modo logico per diventare un residente fiscale in Germania è quello di avere il vostro luogo di residenza lì.

Per i chi lavora online Berlino è un buon posto per i mesi primaverili ed estivi. Infatti è predisposta per questa categoria di persone in rapida espansione. Sono presenti un molti workshop, hackathon, conferenze e incontri a riguardo delle criptovalute. Basti pensare a questa edizione del BlockShow Europe. Aggiungete a ciò una vivace vita notturna e questo potrebbe essere solo il luogo perfetto per un giovane investitore o trader del settore.

I trader tradizionali a domicilio saranno meno inclini a trasferirsi in Germania. Abituati alla detenzione a breve termine, troveranno irresistibile vendere le loro posizioni una volta che i loro profitti colpiranno le due cifre. C’è sempre un’altra moneta che ha il potenziale per una crescita estrema. Un anno è un tempo molto, molto lungo nel business del trading delle criptovalute.
Ma se siete abbastanza fortunati da vivere già in Germania, potreste prendere in considerazione la possibilità di tenere le vostre risorse digitali a medio e lungo termine.

Conclusioni

Le criptovalute sono destinate a rimanere. Prima o poi tutti i governi se ne renderanno conto. Sia che immettano sul mercato le loro proprie criptovalute o meno, vi sarà richiesto di segnalare le vostre, ed infine, pagare le tasse. Nella maggior parte dei paesi sarete soggetti all’imposta sul reddito, ma la Germania è un paradiso fiscale del Bitcoin. Soprattutto se siete abbastanza pazienti da tenere le vostre criptovalute per un anno.

Quindi dovresti fare le valigie e volare a Berlino? Se sei abbastanza sicuro di poter compensare l’onere fiscale con il trading serio, non c’è bisogno di farlo. Ma se sei in possesso di un portafogli Bitcoin (o altcoin) notevole, la Germania è più che meritevole della tua considerazione.

Rate this post

Aggiungi un commento

Investire è speculativo. Quando investi il ​​tuo capitale è a rischio. Questo sito non è destinato all’uso in giurisdizioni in cui la negoziazione o gli investimenti descritti sono proibiti e dovrebbero essere utilizzati solo da tali persone e in modi consentiti dalla legge. Il tuo investimento potrebbe non essere idoneo per la protezione degli investitori nel tuo paese o stato di residenza, pertanto ti preghiamo di condurre la tua due diligence. Questo sito Web è gratuito per l’utente, ma potremmo ricevere commissioni dalle società che pubblichiamo su questo sito. Clicca qui per maggiori informazioni.