Giganti aziendali tra cui Microsoft, Nasdaq e IBM rivelano una nuova associazione di standardizzazione per i token

InterWork Alliance è una ONG che sta lavorando allo sviluppo di un framework standardizzato che consentirà alle aziende di adattarsi più rapidamente a un ecosistema abilitato per token

Persone d'affari in una riunione
Le aziende hanno difficoltà ad adattarsi alla tokenizzazione perché non possono fare riferimento a nessuno standard per aiutare a guidarli attraverso il processo

L’InterWork Alliance (IWA) ha iniziato formalmente le proprie attività come organizzazione non profit indipendente dalla piattaforma, focalizzandosi sulla creazione degli standard che i framework necessitano per promuovere un ambiente di innovazione attraverso ecosistemi abilitati ai token.

L’IWA ha già 36 membri, molti dei quali sono aziende di alto profilo nel settore tecnologico, bancario e blockchain. Ciò include IBM, Accenture, Microsoft, ING, SDX, UBS, Nasdaq, Digital Asset, Neo Global Development, Hedera Hashgraph e R3.

Il presidente di IWA Marley Gray, che è anche il principale architetto di Microsoft, ha discusso del futuro dell’organizzazione e delle intenzioni dell’alleanza in un’intervista con il collaboratore di Forbes Jason Brett.

Alla domanda sull’aspetto “interworking” dell’alleanza, Gray ha spiegato che si tratta di uno “stato o un’istanza di due o più cose che lavorano o sono costrette a lavorare l’una con l’altra”. Di conseguenza, l’obiettivo dell’IWA è quello di sviluppare l’interworking che le aziende devono spingere per l’adozione diffusa della tokenizzazione.

Per far progredire la tokenizzazione sul posto di lavoro, l’IWA sta lavorando per consentire alle organizzazioni di “descrivere i loro processi aziendali fondamentali in modo neutro, senza impegnarsi in una piattaforma tecnologica come primo passo”. Secondo Gray, lo sviluppo di un approccio neutro dal punto di vista tecnologico consente di affrontare le sfide legate all’implementazione della tokenizzazione a un livello superiore dei processi aziendali, in cui gli sviluppatori possono lavorare sulle esigenze di ciascuna piattaforma.

La sfida principale che l’IWA sta attualmente affrontando riguarda la mancanza di un insieme standardizzato di termini, definizioni e specifiche a livello aziendale comuni.

L’obiettivo di IWA a lungo termine è concentrarsi su sostenibilità, finanza commerciale, derivati, sicurezza e catena di approvvigionamento. Nei prossimi anni, l’organizzazione spera di utilizzare i token per acquistare, vendere e scambiare tutti i tipi di beni e servizi.

Ron Resnick, presidente dell’IWA, ha sottolineato come le aziende siano ansiose di creare modelli di business basati su token senza avere in mente una tecnologia di piattaforma.

“Per questo approccio al lavoro, sono urgentemente necessari standard per definire cosa sia un token e come funzioneranno i suoi comportamenti contrattuali”, ha affermato.

Gray ha osservato che sebbene il concetto di valore tokenizzato non sia nuovo e originato dallo spazio blockchain, la sua utilità non si limita al potenziamento delle criptovalute.

“Era abbastanza chiaro per noi che non è necessario legare i token alle blockchain e che la blockchain è davvero solo il primo passo in quello che è un approccio molto più ampio e ambizioso da considerare per comprendere come le organizzazioni lavorano insieme”. Ha spiegato Gray.