Gli Stati Uniti effettuano arresti per due casi separati di crypto crimine

Gli Stati Uniti stanno intensificando il loro lavoro per abbattere gli hacker internazionali dietro il furto di milioni di dollari in criptovaluta.

Immagine dell'edificio del Dipartimento di giustizia negli Stati Uniti
Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha effettuato arresti in due casi separati di crypto crimine, volendo lanciare un segnale di repressione al riguardo

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, con il Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti e l’Ufficio per il controllo dei beni esteri del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, hanno rivelato mercoledì di aver imposto sanzioni a due cittadini russi responsabili del lancio di una complessa campagna di phishing. Sono riusciti a scappare con almeno $ 16,8 milioni dai clienti di tre scambi di valuta digitale nel 2017 e nel 2018.

Due dei tre scambi avevano sede negli Stati Uniti.

I due individui, Danil Potekhin e Dmitrii Karasavidi, hanno creato diversi siti Web che impersonavano scambi di criptovaluta. Hanno usato questi siti per rubare le informazioni di accesso a vittime ignare. Una volta ottenuto il controllo, hanno utilizzato i conti verificati con identità rubate per spostare le risorse attraverso diversi intermediari ed eseguire schemi di pump and dump mirati ad altcoin con bassa capitalizzazione di mercato.

Steven Mnuchin, il Segretario del Tesoro, ha affermato che le persone dietro l’operazione “hanno truffato i cittadini americani, le imprese e altri, ingannandoli e rubando valuta virtuale dai loro conti”.

“Il Dipartimento del Tesoro continuerà a utilizzare le nostre autorità per prendere di mira i criminali informatici e rimane impegnato nell’uso sicuro e protetto delle tecnologie emergenti nel settore finanziario”, ha continuato.

A seguito di questo annuncio, lo stesso giorno il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha annunciato che due hacker erano stati individuati in Malesia. Sembrano essere collegati a campagne di pirateria informatica,  a livello internazionale, che hanno preso di mira più di 100 aziende, università, governi e organizzazioni senza scopo di lucro.

Le due persone stanno entrambe affrontando le accuse, che potrebbero costare loro 77 anni di carcere. Altri individui, che sono stati identificati come cittadini cinesi, sono ancora latitanti, inclusa una persona in particolare che afferma di avere legami con il Ministero della Sicurezza dello Stato in Cina.

Il gruppo è riuscito ad hackerare l’infrastruttura informatica per rubare codice sorgente, informazioni aziendali, dati sugli account dei clienti. Hanno anche usato il loro accesso per lanciare schemi di ransomware e crypto jacking.

Il vicedirettore dell’FBI, David Bowdich, ha affermato che questi annunci “servono a ricordare a coloro che continuano a utilizzare tattiche informatiche dannose che utilizzeremo tutti gli strumenti a nostra disposizione per amministrare la giustizia”.

L’accusa per i malesi è stata avanzata il mese scorso, mentre le accuse per gli hacker dalla Cina sono state disposte nell’agosto 2019 e nell’agosto 2020.