Gli Stati Uniti sequestrano criptovalute per un valore di $ 24 milioni da uno schema fraudolento brasiliano

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato che il denaro è stato sequestrato da un piano che aveva truffato i brasiliani per oltre $ 200 milioni

La Corte Suprema Federale del Brasile
Gli Stati Uniti e il Brasile hanno coordinato la cattura delle persone e il sequestro dei beni

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha rivelato di aver sequestrato circa $ 24 milioni in criptovalute da uno schema che aveva truffato migliaia di brasiliani per oltre $ 200 milioni.

La dichiarazione indicava che gli Stati Uniti erano incaricati di sequestrare i beni dopo una richiesta ufficiale presentata dal governo del Brasile. L’ordine di sequestro è stato emesso ai sensi del trattato tra gli Stati Uniti d’America e la Repubblica federativa del Brasile sull’assistenza giudiziaria in materia penale. Il Brasile aveva presentato una richiesta di assistenza in relazione a un grande schema di frode di criptovaluta in un’indagine della polizia federale brasiliana chiamata “Operation Egypto”.

“Le autorità brasiliane stimano che più di 200 milioni di dollari siano stati ottenuti attraverso questo programma attraverso il quale più di decine di migliaia di brasiliani potrebbero essere stati frodati”, spiega la dichiarazione.

Diverse persone sono state accusate dai procuratori federali brasiliani in questo caso.

Il tribunale brasiliano ha emesso un ordine di sequestro che ha diretto il sequestro di valuta virtuale negli Stati Uniti che era di proprietà o controllata da un nativo brasiliano, Marcos Antonio Fagundes, e i sequestri effettuati dagli Stati Uniti erano legati al suo presunto ruolo nello schema. Secondo le informazioni fornite dalle autorità brasiliane, Fagundes è accusato di diverse violazioni penali della legge brasiliana. Ciò include il funzionamento di un istituto finanziario senza autorizzazione legale, appropriazione indebita, riciclaggio di denaro, gestione fraudolenta di un istituto finanziario e violazioni della legge sui titoli.

I documenti presentati durante il procedimento penale brasiliano e le conclusioni del tribunale brasiliano mostrano che tra l’agosto 2017 e il maggio 2019, Fagundes e altri imputati hanno richiesto fondi a potenziali investitori su Internet. Ciò è stato ottenuto attraverso una varietà di altri mezzi, come il telefono, e i fondi ricevuti sono stati trattenuti in modo tale da assoggettarlo a regolamentazione come istituto finanziario ai sensi della legge brasiliana. Fagundes e gli altri imputati non hanno rispettato questi requisiti legali.

Gli imputati avrebbero sollecitato gli investitori allo scopo di finanziare le società da loro controllate, sotto forma di valuta brasiliana o criptovaluta, e le società avrebbero quindi investito i fondi raccolti in diversi tipi di valute virtuali. Tuttavia, il tribunale brasiliano ha rilevato che solo una piccola quantità di fondi è stata investita in criptovalute come promesso e molto poco è stato restituito agli investitori originali.

I cospiratori sono stati anche accusati di aver fatto promesse false e incoerenti agli investitori sul modo in cui sono stati investiti i fondi.