Ultime Notizie

Google Twitter Facebook: Causa per esclusione dalla pubblicità di ICO/Criptovalute

0 Commenti

Associazioni del settore delle Criptovalute e Blockchain della Russia, Cina e Corea del Sud stanno progettando di presentare una causa congiunta nel mese di maggio. La causa, contro Google, Twitter, Facebook e Yandex, è duvuta alla proibizione della pubblicità correlate al loro settore. Il fatto è stato confermato dal media locale TASS ieri, il 27 marzo.

criptovalute

I dettagli

Alla fine di gennaio, Facebook ha annunciato un divieto di pubblicità relative a ICO e criptovalute. Questo è stato fatto citando “pratiche promozionali ingannevoli”. La Google ha seguito con provvedimenti simili nel mese di marzo, anche se il loro divieto non entrerà in vigore fino a giugno. Più di recente, Twitter ha confermato che vieterà anche gli annunci relativi alle criptovalute, in particolare quelli riguardanti gli ICO e le vendite di token. Si prevede inoltre che Yandex adotti una propria serie di misure proibitive, secondo quanto riportato dai media russi.

Le organizzazioni coinvolte nella causa contro i quattro giganti dei social media e della tecnologia sono la Russian Association of Cryptocurrency and Blockchain (RACIB), le Korea Venture Business Associations e la LCBT, un’associazione cinese di investitori delle criptovalute. Yury Pripachkin, il presidente del RACIB, ha dichiarato, alla conferenza Blockchain-RF 2018 tenutasi a Mosca dal 27 al 28 marzo, che le azioni di queste quattro aziende tecnologiche hanno influenzato negativamente il mercato delle criptovalute:

“Riteniamo che questo sia un uso della posizione di monopolio di queste quattro società. Siamo dell’idea che queste hanno stipulato tra loro un accordo di cartello al fine di manipolare il mercato. Il divieto di queste quattro organizzazioni ha portato negli ultimi mesi ad un calo significativo del mercato.”

La causa non riguarda solo le aziende stesse

Le organizzazioni hanno creato l’Associazione eurasiatica della Blockchain. Questo al fine di creare un fondo per sostenere e formulare la causa. Secondo l’agenzia di stampa locale RIA Novosti, Pripachkin ha dichiarato che chiunque sia interessato può contribuire al fondo per mezzo di criptovalute. Pripachkin ha aggiunto che un reclamo sarà anche presentato contro gli azionisti delle società, se questi hanno portafogli di criptovalute:

“Riteniamo che se risulta che gli azionisti o i dirigenti di queste società possiedono portafogli di criptovalute che utilizzano a proprio vantaggio, sfruttando la posizione delle loro società, dovrebbero essere perseguiti penalmente.”

La causa sarà depositata negli Stati Uniti. Questo visto che Pripachkin ha osservato che alcuni Stati degli Stati Uniti sono “fedeli” alle criptovalute. In particolare è stata fatta menzione del Wyoming. Negli ultimi due mesi, il legislatore del Wyoming ha approvato leggi per esentare le criptovalute dalle imposte sulla proprietà dello Stato e per allentare le norme sui titoli.

Conclusione

Questo è di certo un risvolto interessante che potrebbe dimostrarsi un passo molto importante per il settore. Le grandi aziende hanno oramai stabilito una posizione la quale consente loro di avere una grande influenza sulle nostre nostre vite e sulle imprese più piccole. Quelle più grandi (ed è di queste che trattiamo in questo articolo) sono capaci di influenzare perfino stati veri e propri.
La dimostrazione di questo è data dallo scandalo che si è avuto con Facebook. Lo scandalo, in breve, riguarda Cambridge Analytica, azienda la quale ha acquistato i dati di milioni di Utenti da Facebook. Questa azienda ha utilizzato questi dati per influenzare gli elettori statunitensi (possibilmente portando all’elezione di Trump). Il denunciante Christopher Wylie ha detto ad una commissione parlamentare britannica che ci sarebbe potuto essere un referendum Brexit diverso se non fosse stato per un simile intervento anche in quell’occasione.

Insomma, sarebbe il momento di fare in modo queste aziende si prendano le proprie responsabilità e questa potrebbe essere l’occasione giusta.

Google Twitter Facebook: Causa per esclusione dalla pubblicità di ICO/Criptovalute
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.