Huobi nega le indiscrezioni sull’arresto di un alto dirigente

Gli investitori di Bitcoin, scossi dall’arresto del fondatore di OKEx, temono che lo stesso possa accadere a Huobi

App Huobi davanti a un grafico
Queste voci potrebbero segnare la fine del crypto exchange?

Huobi, uno scambio di criptovalute fondato in Cina e ora con sede a Singapore, è stato circondato dalle speculazioni secondo cui uno dei suoi dirigenti senior era stato arrestato. Queste voci si sono diffuse ampiamente sui social media e hanno provocato un ritiro di fondi in massa dalla piattaforma.

Le voci seguono le notizie sull’arresto del fondatore dell’OKEx, che ha portato a trattenere oltre 200.000 BTC in un limbo, poiché era l’unico detentore delle chiavi di ritiro multi-sig. La sorprendente svolta degli eventi ha lasciato gli investitori di Bitcoin diffidenti nel tenere le loro monete negli scambi centralizzati.

CryptoQuant ha anche scoperto che i deflussi netti di Bitcoin dallo scambio di criptovalute sono aumentati nelle ultime 24 ore, indicando che gli utenti sono preoccupati che la piattaforma dovrà affrontare un problema simile a quello di OKEx.

Per rispondere a queste preoccupazioni, lo scambio ha rilasciato oggi una dichiarazione in cui spiega che tutto il personale esecutivo dell’azienda è stato contabilizzato e che le voci sull’arresto di uno di loro sono sia false che infondate.

Lo scambio di criptovaluta ha ulteriormente approfondito la questione, pubblicando anche un tweet sulla piattaforma dei social media Twitter per affrontare queste affermazioni.

“Huobi Global funziona normalmente. Siamo venuti a conoscenza di voci all’interno della nostra comunità sull’arresto di un alto dirigente di Huobi da parte di funzionari locali. Possiamo affermare con fiducia che queste voci sono false”.

“Tutti i membri del team di gestione di Huobi sono stati tenuti in conto e non sono stati trattenuti o arrestati. Comprendiamo che la diffusione di informazioni false può portare a preoccupazioni sulla sicurezza delle risorse degli utenti, ma vi assicuriamo che le vostre risorse sono al sicuro”, hanno spiegato in un altro tweet.

Gli appassionati di Crypto su Twitter hanno anche discusso di una grande quantità di Tether (USDT) che è improvvisamente confluita nell’exchange Huobi, che coincide con i tempi in cui quantità significative di BTC sono uscite dalla piattaforma.

Tutto ciò non ha di certo placato le voci sulle piattaforme di social media cinesi, che sono state in fermento con i racconti di un alto dirigente di Huobi che è stato arrestato dalle autorità. Sebbene vi sia una forte possibilità che le voci si rivelino false, poiché non sembrano esserci prove a sostegno delle speculazioni, gli utenti non intendono correre alcun rischio.

Mentre il deflusso di bitcoin dallo scambio crypto sarà probabilmente solo una tendenza a breve termine, il danno alla fiducia dei loro utenti quando si tratta di piattaforme centralizzate potrebbe essere irreversibile.