I partner di Ripple e il suo ex CEO trasferiscono quasi 160 milioni di XRP entro 24 ore

Quando degli importi così sbalorditivi, di qualsiasi criptovaluta, vengono trasferiti in così poco tempo, la reazione preoccupata all’interno della comunità è immediata. Soprattutto per una comunità caratterizzata da una devozione così feroce come quella che interessa Ripple.

Quindi, XRP si sta muovendo di nuovo

L’ex CEO Chris Larsen, che è stato recentemente nominato nella lista dei miliardari di Forbes per il 2020, ha trasferito ieri 10 milioni di XRP. Poco dopo, la più grande exchange di criptovalute, Binance, ha trasferito 30 milioni di monete e il partner ODL di Ripplenet, il messicano Bitso, ha trasferito un importo ancora più grande che si è avvicinato a 40 milioni.

Altri partecipanti erano BitGo, Bitstamp e diversi portafogli anonimi la cui identità non può essere verificata.

Record delle transazioni

Chris Larsen, che ha recentemente reso pubblico il suo recupero dal virus COVID-19, non ha ancora rilasciato una dichiarazione che spiega perché una quantità di XRP pari a 160 milioni verrebbe trasferita. Molti sospettano che questa mossa sia correlata al prossimo Bitcoin Halvening, che dovrebbe svolgersi il mese prossimo. Tuttavia, vale la pena notare che, dopo il suo recupero, Larsen abbia esortato chiunque abbia combattuto il virus a donare sangue contenente gli anticorpi.

Che le cosiddette “balene”, così come vengono spesso chiamate, spostino grandi quantità di criptovaluta non è insolito, soprattutto quando si tratta di Ripple. L’anno scorso, circa 138 milioni di XRP sono stati trasferiti tra gli scambi, comportando un crollo nel suo valore.

Ogni volta che questi influencer del mercato iniziano a spostare tali enormi quantità di criptovalute, sollevano con sé molte domande e provocano un certo disagio all’interno della comunità.

Dal momento che la società stessa detiene grandi partecipazioni di XRP, Ripple ha già avuto il sospetto di aver manipolato il mercato XRP in precedenza. Effettivamente i membri della comunità hanno lanciato una petizione, per fermare la vendita di massa della valuta e diluirne l’offerta.

L’attuale CEO Brad Garlinghouse, in quel momento ha difeso quei trasferimenti, affermando:

“Le vendite di XRP riguardano l’ampliamento dell’utilità di XRP. La realtà è che abbiamo DIMINUITO il nostro volume di vendite Q/Q e da allora il tasso di inflazione dell’offerta circolante XRP è stato inferiore a quello di BTC ed ETH. ”

In questo momento, la comunità di Ripple è di nuovo in una posizione di incertezza, chiedendosi cosa potrebbe causare tali azioni ed esattamente chi c’è dietro di esse.