I regolatori israeliani propongono di tassare il Bitcoin come valuta

I legislatori ritengono che gli emendamenti aiuterebbero i contribuenti crypto ad aderire alle politiche fiscali locali

Immagine della Banca d'Israele, Gerusalemme
Nonostante le iniziali riserve, la Banca di Israele sta ora lavorando per creare un ambiente normativo favorevole per le criptovalute

Giovedì scorso, quattro membri della Knesset, del partito nazionalista Yisrael Beiteinu, hanno presentato un progetto di legge che metterebbe effettivamente fine all’imposta israeliana sulle plusvalenze del 25% su Bitcoin. Lo farebbe ridefinendo alcune delle “valute digitali distribuite” come valute, invece che come beni tassabili, secondo l’attuale classificazione.

La riprogettazione proposta sarà applicata alle criptovalute che hanno una capitalizzazione di mercato di un miliardo di shekel (circa 288 milioni di dollari) o più, una rete di emissione distribuita, una storia di origine indipendente e uno scopo generale per l’utente.

“La realtà normativa in Israele non è adattata alla realtà esistente sul campo. [Le valute digitali] continueranno a essere un motore di crescita che consentirà all’industria israeliana di alta tecnologia di prosperare e svilupparsi “. si legge nella proposta.

Secondo gli autori del disegno di legge, Oded Forer, Evgeny Sova, Yulia Malinovsky e Alex Kushnir, Bitcoin e alcune altre criptovalute soddisfano questi criteri.

I legislatori hanno scritto che questo chiarimento contribuirà a creare un ambiente favorevole per le criptovalute in futuro.

“Questa chiarezza normativa creerà certezza commerciale e consentirà a più valute digitali di entrare nel mercato israeliano”, hanno scritto.

La misura afferma che definire le criptovalute come valute “reali” aiuterebbe i bitcoiners israeliani con le loro responsabilità fiscali e renderebbe la criptovaluta un meccanismo di pagamento più attraente.

Mentre l’industria delle criptovalute sta lentamente stabilendo le sue radici nel paese, il partito Yisrael Beiteinu è solo una parte dell’opposizione parlamentare israeliana. L’approvazione del disegno di legge è improbabile se i membri della maggioranza non esprimono il loro sostegno.

Al momento della scrittura, le criptovalute in Israele sono tassate al 25% sotto l’imposta sulle plusvalenze. Se le modifiche vengono approvate e implementate, i venditori di criptovaluta saranno obbligati a presentare un rapporto fiscale entro 30 giorni dalle transazioni e pagare un anticipo sull’aliquota fiscale per le plusvalenze.

Nell’agosto 2019, i trader di criptovalute all’interno del paese hanno intentato una serie di azioni legali contro le istituzioni finanziarie a causa di restrizioni precedentemente imposte ai loro conti bancari. I commercianti chiesero alla Bank of Israel e ad altre banche commerciali di “rendere pubblica la loro politica in materia”.

Secondo Mei Rosenfeld, presidente dell’associazione Bitcoin, la Bank of Israel aveva rifiutato la loro richiesta perché violava i “segreti commerciali”.