Ultime Notizie

ICO: 7 miliardi di finanziamento ottenuti quest’anno

0 Commenti

Gli ICO hanno raccolto 6.89 miliardi negli ultimi cinque mesi. Questo senza nemmeno includere EOS, che ha appena concluso il suo ICO raccogliendo ben 4.1 miliardi.

I dettagli

Solo a maggio, secondo TokenData, sono stati raccolti complessivamente circa 2 miliardi di dollar. Di questi, 800 milioni di dollari sono stati raccoldi da EOS e circa 1,2 miliardi di dollari da altri ICO. Il totale ammonta a 11 miliardi nel corso degli ultimi 365 giorni. Nel mese di maggio è stato visto un salto rispetto i 550 milioni di dollari di aprile. Infatti nel mese di aprile è stato registrato l’importo più basso raccolto dalle ICO quest’anno. Questo è stato mentre il prezzo dell’Ethereum ha toccato il prezzo più basso di quest’anno.Infatt in aprile era giunto fino a 360$, ma adesso è salito ad un prezzo attuale di 615 dollari.

A marzo, invece, sono stati raccolti 1,5 miliardi di dollari da progetti ICO. Questo sempre escludendo EOS, ma anche Telegram. Febbraio invece è stato un record, con 2 miliardi di dollari raccolti. In totale, secondo i dati di Elementus, fino a marzo 2018 sono stati raccolti oltre 23 miliardi di dollari. Ciò include Petro, EOS e Telegram. Questi progetti hanno  raccolto un totale di 11 miliardi di dollari durante il loro ICO.

Ma non è una situazione completamente rosea

Permane l’incertezza normativa riguardo a questo nuovo metodo di raccolta di fondi. Questo in quanto sia i responsabili politici che i partecipanti a questo settore cercano di trovare il giusto equilibrio tra la necessità di scoraggiare le frodi e quella di facilitare la raccolta di capitale. Tuttavia, stanno emergendo nuovi metodi sotto forma di airdrop, ma le ICO hanno una qualità unica nel fornire finanziamenti anticipati in maniera distribuita.

Probabilmente, gli ICO con un limite di 20 milioni di dollari o inferiore dovrebbero essere esclusi dalle leggi sui titoli. Però l’eccezione di crowdfunding si applica solo agli importi raccolti non superiori a 1 milione di dollari. Detto ciò, anche in questo caso si deve garantire che gli individui non investano più di 2.200 dollari attraverso le whitelist AML/KYC. Si può affermare che un milione di dollari è ben lungi dall’essere sufficiente, pertanto il Congresso dovrebbe aumentare l’esenzione a 20 milioni di dollari. Questo visto che si applica la clausola di salvaguardia di 2.200 dollari.

Eppure il mercato si muove molto rapidamente in questo spazio in cui l’innovazione è in piena espansione e persone intelligenti in tutto il mondo stanno facendo il possibile per trarne guadagno. Chiedere perdono piuttosto che permesso, quindi, potrebbe essere l’approccio secondo alcuni. Altri probabilmente dovrebbero trasferirsi al di fuori degli Stati Uniti in giurisdizioni più permissive. In quanto tale, sembra che l’intervento della SEC non abbia influito molto sul settore. Questo in quanto vengono utilizzate scappatoie e si fa ricorso alla concorrenza giurisdizionale. L’America deve decidere se vuole mantenere l’innovazione nel paese, o se vuole continuare a spingerla off-shore.

ICO: 7 miliardi di finanziamento ottenuti quest’anno
Rate this post

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.