Ultime Notizie

Le ICO sono Securities. Lo dice la SEC americana

0 Commenti

Le ICO sono diventate uno strumento finanziario capace di attrarre enormi capitali. Ecco perché già a luglio del 2017 la SEC (Securities and Exchange Commission) americana dichiarava espressamente che una ICO è a tutti gli effetti un collocamento di securities (titoli), soggetta alla legge federale.

Una ICO negli Stati Uniti d’America è quindi equiparata ad un investimento in titoli e le organizzazioni “virtuali” che offrono e vendono asset digitali sono obbligate ad ottenere prima i requisiti richiesti dalle leggi federali sulle securities (i titoli).

Regolamentazione Bitcoin

Le ICO sono tutte securities? Dipende dalle circostanze

Non tutte le ICO (Initial Coin Offerings) e le Token Sales sono da considerarsi delle securities, indipendentemente dalla terminologia e dalla tecnologia usata. Per verificare se la vendita di quel token si configura come collocazione di titoli, andranno analizzati i fatti e le circostanze, comprese le realtà economiche della transazione.

Cosa dice il Report of Investigation sulle ICO

Tutto è nato da un Report of Investigation istruito dalla SEC in cui si analizzava la condotta della società tedesca Slock.it UG su territorio americano. La SEC voleva capire se l’offerta di token fatta da questa società era in violazione delle leggi federali.

La decisione fu di non intervenire con sanzioni nei confronti della società tedesca perché non vi erano ancora i fondamenti normativi per catalogare l’iniziativa della società come scorretta o rispettosa delle leggi degli Stati Uniti d’America.

SEC bitcoin

In linea di principio però le società che danno vita a una ICO sul territorio statunitense sono quasi certamente obbligate a registrare quell’offerta secondo le leggi che normano le securities. A meno che non si applichi una esenzione valida, sempre disciplinata dalla legge.

Anche chi partecipa alle ICO, e cioè l’investitore, può essere ritenuto responsabile di violazioni normative sulle securities.

Il report della SEC estende l’influenza della sua decisione anche alle borse valori, le quali devono registrare tali securities se vogliono negoziarle. Salvo eventuali esenzioni previste dal codice.

Perché la SEC si ‘accanisce’ sulle ICO?

La SEC non ha l’intenzione di punire le ICO, piuttosto di tutelare gli investitori da eventuali frodi. La SEC ha emanato una guida dell’investitore per informarlo che tali ICO non possono avere solo un whitepaper, ma devono presentare un prospetto informativo ben strutturato così come disposto dalla legge sulle securities.

William Hinman, Director of the Division of Corporation Finance, ha affermato che:

“Gli investitori hanno bisogno dei fatti essenziali dietro ogni opportunità d’investimento, così che possano prendere una decisione pienamente informata.”

Regno Unito e Svizzera hanno assunto una posizione simile

Nei mesi successivi anche la FCA del Regno Unito e la FINMA in Svizzera hanno assunto posizioni simili a quella espressa dall’omologo americano.

La FCA ha deciso di valutare caso per caso cosa è veramente una ICO. Alcune possono somigliare a una IPO, oppure a una raccolta fondi simile al crowdfunding o collocamenti privati di securities.

Dal canto suo la FINMA è molto più permissiva dal momento che il “diritto svizzero dei mercati finanziari è in gran parte di principio e neutrale dal punto di vista tecnologico.” Ma la legge svizzera si può comunque applicare a determinate caratteristiche delle ICO. In particolare per contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, disposizioni per il trading di titoli.

Le indicazioni comuni agli investitori

Qualsiasi natura abbiano le ICO, securities o altra forma di investimento. Tutti sono concordi sul dare indicazioni di cautela agli investitori, consigliando di valutare attentamente quanto viene offerto e promesso prima di investire in una ICO.

Le ICO sono Securities. Lo dice la SEC americana
5 (2 votes)

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Informativa sul rischio: investire in valute digitali, azioni e altri valori mobiliari, materie prime, valute e altri prodotti di investimento derivati (ad es. contratti per differenza, “CFD”) è speculativo e comporta un elevato livello di rischio. Ogni investimento è unico e comporta rischi unici.

I CFD e altri derivati sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in tempi brevi a causa della leva. Valuta se comprendi come funzionano gli investimenti e se puoi sostenere l’elevato rischio di perdere denaro.

I prezzi delle criptovalute possono oscillare ampiamente e, pertanto, tali strumenti non sono adatti a tutti gli investitori. Il trading di criptovalute non è supervisionato da alcun quadro legislativo UE. La performance passata non garantisce risultati futuri. Qualunque storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. Il tuo capitale è a rischio.

Facendo trading su azioni, il capitale è a rischio.

La performance passata non è indicativa di risultati futuri. Lo storico di trading presentato interessa un periodo inferiore a 5 anni, salvo ove diversamente indicato, e potrebbe non essere sufficiente per prendere decisioni di investimento. I prezzi possono oscillare al ribasso, così come al rialzo, anche notevolmente e si potrebbe essere esposti a variazioni dei tassi di cambio. È possibile perdere tutto o parte dell’importo investito. Gli investimenti non sono adatti a chiunque; assicurati di aver compreso appieno i rischi e gli aspetti legali che tale attività comporta. In caso di incertezza, richiedi una consulenza legale, fiscale e/o contabile indipendente. Questo sito non fornisce consulenza finanziaria, legale, fiscale o contabile. Alcuni link sono affiliati. Per maggiori informazioni, leggi l’Informativa integrale sul rischio e il disclaimer.