Home > News > Il boss di BitGrail sospettato del furto di €120 milioni dallo scambio

Il boss di BitGrail sospettato del furto di €120 milioni dallo scambio

La polizia italiana accusa l’operatore BitGrail di aver ideato l’hack dello scambio di criptovaluta, causando la perdita di 120 milioni di euro (146 milioni di dollari)

La polizia italiana sospetta che l’uomo dietro l’ormai fallito scambio BitGrail abbia ingegnerizzato la serie di hack che ha provocato una perdita di criptovaluta da 120 milioni di euro (146,55 milioni di dollari) dalla piattaforma.

Secondo un rapporto Reuters, circa 230.000 utenti hanno perso fondi negli hack, che hanno preso di mira il negozio dell’exchange di una criptovaluta chiamata Nano. Nel suo comunicato la Polizia postale lo definisce come il più significativo attacco cyber-finanziario in Italia e uno dei più grandi al mondo.

Secondo Ivano Gabrielli, direttore del centro nazionale per i crimini informatici, l’autore, un uomo di 34 anni di Firenze, chiamato solo “FF”, non ha fatto nulla per impedire agli hacker di accedere alla piattaforma dopo il primo attacco o era lui stesso dietro le violazioni.

Le forze dell’ordine hanno affermato che per la prima volta in Italia e in Europa sono state registrate attività fraudolente e rapaci che hanno avuto ripercussioni negative sugli investitori e queste attività sono state svolte interamente su piattaforme informatiche e tramite l’utilizzo di valute virtuali.

F.F. è attualmente accusato di frode informatica, bancarotta fraudolenta e riciclaggio di denaro. Al momento della scrittura, non ci sono commenti né dall’uomo né dai suoi avvocati.

BitGrail operator could have stopped subsequent breaches

L’operatore di BitGrail ha contattato la polizia nel febbraio 2018 per segnalare la violazione e la perdita di una notevole somma di Nano. Gabrielli ha detto a Reuters che dopo che la polizia ha iniziato a indagare sull’incidente, è diventato chiaro che F.F. è stato coinvolto.

La polizia ha insistito sul fatto che sarebbe stato facile per l’operatore prevenire ulteriori furti una volta individuato il primo hack. Tuttavia, non è riuscito consapevolmente a prevenirli, rendendo possibile il drenaggio di più monete Nano dagli account degli utenti.

I crimini legati alla criptovaluta sono in aumento. Gli hacker hanno rubato più di 4 miliardi di dollari da crimini legati alle criptovalute nel 2019, contro la perdita di 1,7 miliardi di dollari registrata nel 2018. Mentre scambi, portafogli e altri servizi di custodia delle criptovalute stanno rafforzando le loro difese, gli hacker continuano a innovare e stare un passo avanti anche rispetto alle migliori misure di sicurezza informatica all’avanguardia. Gli hacker adottano più tecniche per eludere i sistemi di sicurezza come lo scambio di SIM, il phishing e il dirottamento di URL.