Il candidato presidenziale Brock Pierce ha scontato una citazione in tribunale

Il lavoro di Pierce come co-fondatore di Block.one è tornato a perseguitarlo

Donne statunitensi che votano alle elezioni
Pierce sarà in grado di resistere alla frenesia delle elezioni presidenziali e di ottenere l’appoggio degli elettori?

In molti sono stati sorpresi quando Brock Pierce ha annunciato la sua candidatura alla presidenza. L’ex attore bambino, oggi conosciuto come co-fondatore della criptovaluta Tether e della società di soluzioni blockchain Block.one, aveva costruito la sua candidatura presidenziale attorno alla tecnologia.

Tuttavia, la sua offerta per il seggio presidenziale lo ha lasciato vulnerabile, non solo alle critiche della sua piattaforma di campagna, ma anche agli attacchi alla sua capacità di creare una piattaforma blockchain, EOS.

Mentre stava stringendo mani durante una manifestazione elettorale che ha segnato l’apertura del suo quartier generale a New York City, Pierce ha ricevuto una citazione in tribunale da un passante mascherato.

Il CEO di Typhon Capital Management, James Koutoulas, ha successivamente twittato per confermare che il suo team era responsabile della notifica della citazione in tribunale.

“Il nostro team ha prestato servizio a @brockpierce per frode finanziaria durante la sua manifestazione a New York. Suggerimento professionale: quando stai cercando di evitare di essere citato per un caso di frode multi-miliardario, forse è meglio lasciar perdere campagne presidenziali stravaganti”, si legge nel tweet.

“Continuiamo a ritenere responsabile questo truffatore, per cui sentitevi liberi di contattarci se avete perso denaro dopo aver acquistato eos nell’ICO o in exchange”, ha aggiunto in un altro tweet.

“Brock si era rifiutato di accettare il nostro servizio tramite il suo avvocato, quindi abbiamo chiesto a un assistente del processo di servirlo a una manifestazione per la sua campagna presidenziale”. Koutoulas ha spiegato al media online Decrypt.

Il server ha formalmente notificato a Pierce un’azione collettiva che è stata presentata al tribunale federale questo maggio, per conto di chiunque abbia mai acquistato o ricevuto token EOS tra giugno 2017 e la data corrente.

“La sentenza dichiara la violazione del dovere fiduciario e l’arricchimento ingiusto da parte degli imputati, che comprendono sia i dirigenti attuali che quelli precedenti della società”. Ha così spiegato un comunicato stampa di PRNewswire.

Oltre a Pierce, la causa legale ha anche nominato altri co-fondatori di Block.one Brendan Blumer e Daniel Larimer, così come il loro collega Ian Grigg.

La denuncia afferma che Block.one, responsabile della blockchain EOS, non ha registrato la vendita di token EOS presso la US Securities and Exchange Commission. La vendita ha raccolto circa 4 miliardi di dollari in Ether.

La denuncia afferma inoltre che gli imputati non erano trasparenti sulle loro operazioni con i loro investitori e che non hanno rivelato di essere indagati dalla SEC, che ha risolto un reclamo con Block.one per $ 24 milioni.

Block.one è stata fondata nel 2017 e opera sia in Virginia che a Hong Kong. Tuttavia, è registrato nelle Isole Cayman.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading