Il CEO di Coinbase Sostiene la Proposta della California in materia di Criptovalute

Il progetto di legge cripto propone l’esenzione di alcuni asset digitali dall’essere classificati come titoli

La proposta si propone di esentare determinate risorse digitali dall'essere classificate come titoli
Assemblea dello stato della California a Sacramento, California

Una nuova proposta che è stata rilasciata dai legislatori in California ha lo scopo di esentare alcune risorse digitali dall’essere classificate come titoli.

Questa proposta è sostenuta dal CEO di Coinbase, Brian Armstrong, che ritiene che rafforzerebbe la posizione della California come “futuro della finanza”.

“Questo sarebbe enorme per la California se dovesse succedere – garantire che il futuro della finanza sia costruito sulla costa occidentale”, ha twittato Armstrong.

Armstrong ha continuato spiegando che una sfida comune che le startup di criptovaluta devono affrontare riguarda il modo in cui alcuni regolatori classificano i token come titoli. Ciò è in linea con il test Howey, che è un metodo sviluppato dalla Corte suprema per determinare se determinate transazioni si qualificano come “contratti di investimento”.

Poiché i titoli sono altamente regolamentati e devono essere registrati di conseguenza, le attività digitali invece non sono registrate. La Commissione di sicurezza e di cambio degli Stati Uniti ha stabilito che molte criptovalute sono classificate come titoli non registrati. Di conseguenza, coloro che emettono questi titoli hanno dovuto pagarne il prezzo.

Esempi di aziende che hanno dovuto pagare a causa delle loro operazioni includono: Block.one, che ha pagato $24 milioni rispetto a EOS ICO Enigma e Veritasium, che ha pagato $1 milione per la sua ICO.

Un esempio di alto profilo in corso è una battaglia legale tra la SEC degli Stati Uniti e la Telegram Open Network, che ha bloccato il progetto TON da $1,7 miliardi.

“Le attuali leggi sui titoli sono ben intenzionate, ma soffocano molta innovazione in questo momento”, ha spiegato Armstrong.

La nuova proposta afferma che se i profitti di un bene non dipendono completamente dalle azioni e dalla gestione di terzi, non dovrebbe essere classificato come un titolo. Spiega che l’obiettivo è quello di creare un’eccezione dalla definizione di cui sopra, prevedendo che un’attività digitale che soddisfa criteri specifici non è un contratto di investimento sotto forma di un titolo.

Se fosse approvato e trasformato in una proposta di legge, consentirebbe di confutare tale presunzione sulla giusta causa, dimostrata da prove chiare e convincenti fornite dal Commissario responsabile della sorveglianza aziendale.