Il CEO di Ripple chiede all’India di riconsiderare il divieto di criptovaluta

Secondo Garlinghouse, il rapporto di “amore e odio” dell’India con le criptovalute sta soffocando l’industria indiana delle criptovalute

Una strada trafficata a Calcutta, in India
Molti cittadini in India non hanno accesso ai servizi bancari

Brad Garlinghouse, l’amministratore delegato (CEO) di Ripple, è intervenuto sugli sforzi dell’India per ripristinare l’imposizione di un divieto sul trading di criptovaluta.

“È deludente vedere l’India bannare le criptovalute, mettendo in crisi un’industria nascente che potrebbe servire una delle più grandi popolazioni di cittadini che non accesso a servizi bancari”, ha postato su Twitter.

Il suo tweet presenta un post realizzato da Bloomberg Crypto, che rivela che l’India si è differenziata dai suoi coetanei asiatici considerando una nuova legge che vieterà il commercio di criptovalute.

L’India ha una relazione complicata con la criptovaluta da diversi anni. Nel 2018, la Reserve Bank of India (RBI) ha introdotto per la prima volta un divieto bancario sugli scambi di criptovaluta. Tuttavia, è stato revocato dalla Corte Suprema dell’India il 4 marzo di quest’anno.

A seguito della revoca del divieto, le borse locali hanno registrato un incredibile aumento del 450% dei volumi di scambio in India. L’industria del crypto locale sperava che la sentenza annullasse le proposte di vietare l’industria nascente. Tuttavia, questa proposta di legge ha il potenziale per cancellare qualunque progresso sia stato accumulato negli ultimi mesi.

Garlinghouse ha anche evidenziato la capacità della criptovaluta di servire i cittadini indiani che non hanno accesso o non hanno un accesso sufficientemente ampio ai servizi bancari. Secondo uno studio condotto dalla Banca mondiale, l’India ha circa 190 milioni di adulti unbanked. Ciò rende il paese secondo solo alla Cina tra i paesi in via di sviluppo per quanto riguarda il numero di residenti che non hanno conti bancari o che non partecipano al settore finanziario formale.

Nonostante la posizione del disegno di legge contro il commercio di criptovalute, riconosce e pone la priorità sull’importanza delle innovazioni blockchain nella gestione della catena di approvvigionamento, i certificati educativi e la registrazione dei terreni.

Il primo ministro indiano, Narendra Modi, ha persino sottolineato l’importanza della tecnologia blockchain insieme al 5G e ai big data durante il suo discorso all’India Ideas Summit.

“Per la prima volta in assoluto in India, ci sono più utenti Internet rurali che utenti Internet urbani. In totale mezzo miliardo di persone connesse in India. Opportunità per 5G, analisi dei big data, blockchain, IoT”, ha affermato.

L’amministratore delegato dell’exchange di criptovalute locale Wazirx, Nischal Shetty, nutre la speranza che il primo ministro non voglia fermare la crescita dell’industria emergente.

“La tecnologia innovativa sarà sempre vista negativamente da chi non la capisce … Come si può pensare/parlare di vietare una tecnologia che in realtà non può essere tecnicamente vietata?” Ha aggiunto.

FOREX.com
CEX.IO
Bittrex
Uno dei più grandi scambi di criptovaluta.
Alto volume su tutte le coppie
Perfetto per acquirenti / venditori grandi e piccoli
Inizia a fare Trading