Home > News > Il co-fondatore di Bitmex, Ben Delo, si costituisce alle autorità statunitensi

Il co-fondatore di Bitmex, Ben Delo, si costituisce alle autorità statunitensi

Il co-fondatore di Bitmex, Ben Delo, si è consegnato alle autorità ma è stato rilasciato dopo aver pagato una cauzione da 20 milioni di dollari

Il co-fondatore di Bitmex, Ben Delo, si è consegnato lunedì 15 marzo alle autorità statunitensi. Delo ieri ha lasciato il Regno Unito per New York ed è stato condotto davanti alla giudice Sarah L. Cave in un procedimento svoltosi a distanza.

Secondo i documenti del tribunale, Delo si è dichiarato non colpevole delle accuse a lui ascritte. Delo è stato rilasciato dietro pagamento di una cauzione da 20 milioni di dollari, inoltre i termini della cauzione permettono al co-fondatore di Bitmex di mantenere un passaporto britannico e di tornare nel paese. Parlando con Bloomberg, Rachel Miller, una portavoce di Delo, ha detto: “Le accuse contro Ben sono infondate e rappresentano un’esagerazione ingiustificata da parte delle autorità statunitensi. Ben intende difendersi dalle accuse e ristabilire il suo nome in tribunale”.

In ottobre, la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) statunitense ha accusato Delo e gli altri co-fondatori, Arthur Hayes e Samuel Reed, di gestire la piattaforma Bitmex senza essersi registrati. I dirigenti sono stati accusati anche di aver violato le regole della CFTC, come il riciclaggio di denaro e i requisiti del know-your-customer.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha inoltre accusato i tre dirigenti e il capo dello sviluppo del business, Greg Dwyer, di aver violato il Bank Secrecy Act. Il caso di Bitmex con le autorità si trascina da mesi e non sono mancati diversi colpi di scena.

Secondo il Bank Secrecy Act, le istituzioni finanziarie devono fornire la documentazione ai regolatori per quanto riguarda le transazioni sopra i 10.000 dollari. Questo per evitare che i criminali riciclino enormi somme di denaro presso le banche e altre istituzioni finanziarie.

Delo non è l’unico ad essersi consegnato alle autorità. A inizio marzo le autorità statunitensi hanno rivelato un accordo con Hayes, infatti il dirigente dovrebbe consegnarsi alle Hawaii il 6 di aprile. Nel frattempo, Reed è stato arrestato nell’ottobre 2020, ma è stato rilasciato dietro il pagamento di una cauzione da 5 milioni di dollari.

L’ultimo membro del gruppo, Dwyer, rimane in libertà, ma le autorità USA stanno già lavorando su un procedimento di estradizione contro di lui.

Questo sito utilizza dei cookie per personalizzare contenuti e annunci, per fornire funzionalità tramite i social media e per offrirti una migliore esperienza. Continuando a navigare sul sito o cliccando "OK, grazie" accosenti all'uso dei cookie su questo sito.