Il governo colombiano avvia il processo di transazione crypto

La Colombia ha lavorato per stabilire il suo fondamento nel settore delle criptovalute

Immagine di Bogotà, capitale della Colombia
La Colombia ha una posizione positiva riguardo le criptovalute

Martedì, la Colombia ha approvato un progetto pilota che invita le aziende a testare le transazioni crypto. Il programma durerà fino al 31 dicembre, nell’ambito della sandbox normativa, ed è stato approvato di recente dall’autorità di vigilanza finanziaria del paese, ovvero dal Ministero delle finanze e del credito pubblico, il 14 settembre.

Jorge Castaño, il capo della Sovrintendenza Finanziaria (SFC) della Colombia, ha affermato che le aziende che intendono eseguire una prova di transazione crypto, devono presentare le loro domande entro la fine dell’anno poiché il progetto pilota inizierà a funzionare nel 2021.

“Le candidature che soddisfano i requisiti generali saranno valutate da un Comitato composto dalla Presidenza della Repubblica, dalla SFC, dalla Soprintendenza alle Società, dall’UIAF e dalla rappresentanza dell’Accademia, tenendo conto di criteri di innovazione, inclusione, affidabilità, e trasparenza”, si legge nell’annuncio.

“In questo spazio controllato [la sandbox], le operazioni di cash-in (deposito di risorse) e cash-out (ritiro di risorse) saranno testate attraverso prodotti finanziari bancari per conto di piattaforme di scambio di cripto-asset.”

Ha rivelato queste informazioni durante un panel online, intitolato “Panoramica della regolamentazione delle risorse crypto in Colombia”. Il panel è stato ospitato da Mauricio Toro, un membro del Congresso locale e autore di un disegno di legge che lavora sulla regolamentazione dell’industria delle criptovalute in Colombia.

Castaño ha informato Toro che il progetto pilota per il framework delle transazioni crypto sarà condotto in cinque fasi: applicazione, selezione, strutturazione, monitoraggio e feedback.

L’SFC ha dichiarato che la sandbox offre loro l’opportunità di testare simulazioni per i regolamenti.

“Questo spazio consente alla SFC di mantenere un equilibrio, tra un’adeguata regolamentazione volta a svolgere una supervisione completa delle entità sotto sorveglianza, e per quanto riguarda la prevenzione di situazioni di crisi, l’esercizio illegale di attività finanziarie e la promozione e il supporto di nuovi progressi tecnologici applicati ai servizi finanziari.” ha detto la SFC.

Sebbene il progetto pilota non abbia ancora un calendario preciso, il capo della SFC ha affermato che quattro fornitori di servizi finanziari colombiani hanno già espresso il loro interesse a partecipare al processo.

Il 4 aprile 2019, la Colombia ha svelato un progetto di legge che mirava a regolamentare le piattaforme di scambio di criptovalute. L’obiettivo di questa legge era fornire una definizione, utilizzando termini generali, di come dovrebbero operare le società che offrono servizi di scambio di criptovaluta in Colombia.

A causa di problemi burocratici come i progressi della SFC nel rilasciare una posizione chiara sulle criptovalute, il dibattito sull’approvazione del disegno di legge è stato ritardato. Tuttavia, con il progetto pilota del framework delle transazioni crypto, che verrà lanciato il prossimo anno, Toro ha informato il panel che potrebbe essere in grado di “accelerare le discussioni” che consentirebbero l’approvazione del disegno di legge entro il 2022.